lunedì, 29 Novembre, 2021

I 5 film più costosi del cinema italiano

Quali sono i 5 film più costosi del cinema italiano?

A proposito dei film più costosi del cinema italiano, è uscito da qualche giorno Freaks Out, il secondo lungometraggio di Gabriele Mainetti, già regista di Lo chiamavano Jeeg Robot. Tra gli elogi e le critiche, tutti hanno constatato all’unanimità proprio la grandezza produttiva di questo film, qualcosa che nel cinema italiano – perlomeno in quello contemporaneo – non si è mai visto.

Con un budget di quasi tredici milioni di euro, un budget sicuramente poco comune per il nostro cinema, Freaks Out è senz’altro un progetto raro all’interno del panorama italiano. Ma nel corso della sua storia, più volte il cinema italiano si è incontrato con progetti che si sono rivelati veri e propri colossal, film dai budget molto elevati e dalle dimensioni produttive altrettanto eccezionali. Eccone alcuni:

I 5 film più costosi del cinema italiano: Cabiria (1914)

I 5 film più costosi del cinema italiano

Cominciamo questa lista con un film che ormai ha più di un secolo, Cabiria di Giovanni Pastrone, un colossal, uno dei film fondanti del mito del peplum. Questo film costò un milione di lire – se oggi ci sembra poco, si pensi che all’epoca era un budget molto alto.

Epopea dal sapore classico, con una moltitudine di personaggi, firmato da Gabriele D’Annunzio, Cabiria è un’opera che ad oggi è ancora un unicum nella storia del cinema italiano. Accanto alla grandezza delle imponenti scenografie (alcune delle quali esposte al Museo del Cinema di Torino), Cabiria presentò anche delle innovazioni tecniche, come i primi, inusuali, movimenti di macchina, inserendosi di diritto nella storia del cinema.

Il Gattopardo (1963)

I 5 film più costosi del cinema italiano

Tratto dall’omonimo romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Il Gattopardo di Luchino Visconti è ad oggi un cult del cinema italiano. Formatosi con il neorealismo, con questo film Visconti diede vita ad una ricostruzione storica spettacolare e maestosa, tanto che il film arrivò a costare quasi tre miliardi di lire.

Si trattò di un tale investimento che la Titanus, la casa produttrice, non riuscì a reggerne il peso e sospese la sua attività di produzione cinematografica. Le difficoltà produttive furono numerose, ma il risultato fu uno dei film più importanti nella storia del nostro cinema (e del cinema internazionale), tanto che Martin Scorsese lo ha inserito nella lista dei suoi film preferiti.

I 5 film più costosi del cinema italiano: Pinocchio (2002)

I 5 film più costosi del cinema italiano

Ed eccoci qui al film più costoso nella storia del cinema italiano, Pinocchio di Roberto Benigni. Fresco del successo internazionale di La vita è bella, Benigni si gettò nell’impresa di adattare per il grande schermo il romanzo di Collodi, mentre nella memoria degli italiani era ancora fresco il ricordo del serial televisivo di Luigi Comencini.

A fronte di un budget di quaranta milioni di dollari, il film non incassò quanto sperato. Ma il vero problema fu la stroncatura della critica. Pinocchio di Roberto Benigni è ad oggi considerato come un flop nella carriera del regista toscano, nonostante sia innegabile lo sforzo produttivo: numerose scene riflettono le dimensioni colossali del budget del film, come tutte le scene nel Paese dei Balocchi o la sequenza del Pescecane.

Baarìa (2009)

I 5 film più costosi del cinema italiano

Nel 2009 Giuseppe Tornatore presenta al pubblico di Venezia Baarìa, con cui vince il Premio Pasinetti. Per il budget che ha richiesto, questo film può sicuramente definirsi un colossal. Si tratta di ben 30 milioni di dollari, per un film ambientato in Sicilia lungo cinquant’anni del ventesimo secolo.

Gli incassi, però, non ripagarono le spese. Anzi, il film fu vittima di tutta una serie di critiche che ne inficiarono il successo. Nemmeno ai David di Donatello il film ebbe grande successo, vincendo esclusivamente due statuette a fronte di quattordici nomination. Tuttavia, a dispetto di ciò, il film fu comunque candidato come Miglior Film Straniero ai Golden Globe, non vincendo però l’ambito premio.

I 5 film più costosi del cinema italiano: Loro (2018)

Richiamando nella struttura opere come Kill Bill di Tarantino o Nymphomaniac di Lars Von Trier, nel 2018 Paolo Sorrentino porta al cinema Loro 1 e Loro 2, dilogia che vede al centro la figura di Silvio Berlusconi, interpretato da Toni Servillo.

Il film, costato venti milioni di euro, non si è rivelato, nemmeno in questo caso, il successo sperato. Tuttavia sono numerose le sequenze in cui l’impegno produttivo è evidente. Anche qui, come in tutto il suo cinema, Sorrentino lavora molto sulle immagini e sul valore estetico di esse, ancora prima che sulla narrazione. Il risultato è un film (o due film) molto grande, quasi un’epopea, con numerosi personaggi e tante sequenze notevoli. È un peccato che, dopo la sua uscita al cinema, il film non sia più apparso né in home video, né sulle piattaforme streaming.

Lorenzo Sascor
Studente di DAMS, amante del cinema in ogni sua forma, dai classici hollywoodiani al neorealismo, dalla Nouvelle vague ai blockbuster contemporanei. In particolare, amo vedere come il cinema riflette l'attualità del suo tempo.

ARTICOLI RELATIVI

RIMANI CONNESSO

35,266FansLike
15,300FollowersFollow
2,235FollowersFollow

ULTIMI ARTICOLI