HomeNewsMission Impossible 7, le prime reazioni

Mission Impossible 7, le prime reazioni

-

Il nuovo Dead Reckoning Part One, ovvero Mission Impossible 7, è stato finalmente svelato in anteprima mondiale a Roma lunedì 19 giugno. Quest’evento ha attirato una folla di spettatori nella gala screening all’Auditorium della Conciliazione, a due passi dal Vaticano. Secondo Variety, la presentazione è stata ritardata di oltre 90 minuti perchè Tom Cruise era impegnato in un incontro apparentemente improvvisato con il Primo Ministro Italiano Giorgia Meloni a Palazzo Chigi, sede del governo italiano.

Il pubblico presente nell’auditorium dopo un iniziale momento di noia, ha applaudito calorosamente quando Cruise, il regista Christopher McQuarrie e un gran numero del cast del film – tra cui Hayley Atwell, Rebecca Ferguson, Simon Pegg, Vanessa Kirby, Pom Klementieff, Esai Morales, Shea Whigham e Greg Tarzan Davis – sono finalmente arrivati.

L’evento si è svolto parallelamente alla sezione Alice nella Città, gestita indipendentemente dal Festival del Cinema di Roma e dedicata al pubblico giovane. Eagle Pictures distribuisce il film in partnership con la Paramount. Una parte significativa del tanto atteso film d’azione è stata girata nella capitale italiana.

Tom Cruise

Quali sono state le prime reazioni a Mission Impossible 7?

Dead Reckoning Part One segue gli eventi di Fallout. Quì l’Ethan Hunt di Tom Cruise e il suo gruppo di agenti segreti hanno salvato il mondo da un’apocalisse nucleare. Tutto questo in mezzo a una serie di tradimenti. Il film del 2018 è stato l’episodio di maggior successo della serie, incassando quasi 800 milioni di dollari al botteghino globale.

Come previsto, il nuovo film ha ottenuto recensioni positive dalla sua anteprima per le sue incredibili acrobazie. Una delle scene più spettacolari promosse nel marketing, mostra Cruise che effettivamente guida una motocicletta al limite di una scogliera.

Simon Pegg ha dichiarato a Variety che il cuore del film è il rapporto tra Cruise e il regista Christopher McQuarrie, iniziato nel 2011 con Protocollo fantasma, in cui McQuarrie ha lavorato come sceneggiatore non accreditato.

È diventata una sorta di relazione in evoluzione che si autoalimenta, in cui si sfidano reciprocamente a far progredire la storia, aumentando la scala e l’ambizione, ha sottolineato Perri Nemiroff di Collider. Inoltre ha detto che è un altro successo per la serie, con valori di produzione “alle stelle” e “scene ben definite ed emozionanti”.

Mike Ryan di Uproxx ha affermato che Mission: Impossible – Dead Reckoning Part One funziona come l’ambiziosa esplorazione/meditazione di Christopher McQuarrie sull’intelligenza artificiale e il percorso pericoloso che potremmo intraprendere. Joe Deckelmeier di Screenrant ha detto che Hayley Atwell RUBA ogni scena in cui appare. Mission: Impossible 7 sarà distribuito dalla Paramount il prossimo 12 luglio.

Mission Impossible 7
Francesco Maggiore
Francesco Maggiore
Cinefilo, sognatore e al tempo stesso pragmatico, ironico e poliedrico verso la settima arte, ma non debordante. Insofferente, ma comunque attento e resistente alla serialità imperante, e avulso dai filtri dall'allineamento critico generale. Il cinema arthouse è la mia religione, ma non la mia prigione.

ULTIMI ARTICOLI