HomeRecensioni FilmGloria! l'esordio alla regia di Margherita Vicario

Gloria! l’esordio alla regia di Margherita Vicario

-

Gloria! è il primo lungometraggio scritto e diretto da Margherita Vicario. Il film, al cinema dall’11 Aprile, racchiude nel suo cast personalità importanti non solo del cinema, ma anche della musica. Ad esempio ruoli rilevanti sono affidati a Elio (frontman del gruppo Elio e le storie tese) e Veronica Lucchesi di La rappresentante di Lista.

Gloria!

Gloria! – La trama

Gloria è un film ispirato a fatti realmente accaduti, ma non a una storia vera. La storia è quella di un gruppo di ragazze che vivono nell’istituto Sant’Ignazio nella Venezia di fine Settecento. In quest’istituto venivano internate tutte le ragazze che non avevano una famiglia, sia per scelta personale che per rifiuto genitoriale. Quest’istituto era anche un orfanotrofio che ospitava coloro che avevano perso la famiglia a causa dei massacri compiuti da parte delle truppe francesi. Negli anni in cui è ambientata la vicenda le truppe galliche, guidate dal giovane generale Napoleone, saccheggiavano l’Italia.

La storia si concentra sulle vite di cinque ragazze, molto diverse tra loro e con storie opposte, ma con una passione che le unisce, la musica. L’anima della pellicola è Teresa (Galatea Bellugi), una giovane ragazza soprannominata “La muta”. Questo nomignolo le è stato affidato dal dispotico Maestro di Cappella (Paolo Rossi), non per incapacità fisiche, ma perché la obbliga al silenzio. Teresa non è come le altre ragazze, non appartiene al programma rieducativo offerto dal collegio, ma è una serva. La sua storia è sconosciuta a tutti, ma il suo silenzio inizierà a fare rumore con la scoperta dello strumento del diavolo, il pianoforte.

- Pubblicità -

La giovane infatti attraverso un connubio che unisce un potente orecchio musicale a uno spiccato talento inizierà a suonare questo strumento a notte fonda. Il pianoforte era stato donato alle giovani dell’istituto, ma Perlina lo aveva nascosto nelle stanze dell’orfanotrofio. Una sera però le note di Teresa, cattureranno l’ascolto di un quartetto di quattro ragazze: Lucia, Bettina, Marietta e Prudenza.

Le ragazze iniziano così a sognare di creare un loro personale gruppo musicale che girerà l’Europa suonando le proprie canzoni. Purtroppo però all’interno di Sant’Ignazio l’agitazione crescerà sempre di più a causa dell’imminente visita di Papa Pio VII. Quest’evento sconvolgerà Perlina (Paolo Rossi) che per l’occasione non riuscirà a comporre nessuna melodia. Per questo cederà all’ennesimo ricatto, che metterà in difficoltà le giovani sognatrici.

Gloria! – La recensione

Gloria! parte da uno spunto originale, ma anche personale, dell’attrice e cantautrice romana Margherita Vicario. Infatti l’idea per il soggetto nasce in seguito a una domanda chiesta spesso alla Vicario. La new entry del mondo della regia ha raccontato che in occasione della promozione dei suoi nuovi singoli, le viene chiesto spesso: “Cosa ne pensa delle donne nella musica?”.

Questa domanda le offre il materiale per una riflessione e una ricerca sul ruolo delle musiciste nel passato. Da questo approfondimento personale nasce l’idea di Gloria! Il lungometraggio è una delicata dedica della regista a tutte le musiciste che per anni e secoli non sono riuscite a vivere della propria musica. Infatti in passato per le donne era vietato suonare al di fuori delle mura domestiche.

Questo film rappresenta l’esordio alla regia della cantautrice e attrice romana, che cura non solo la regia, ma si impegna anche nella scrittura della sceneggiatura, insieme ad Anita Rivaroli. Essendo poi musicista, si occupa anche delle musiche insieme al suo fedele collaboratore Dade, pseudonimo di Davide Pavanello. Margherita Vicario inoltre ha anche rilasciato il suo singolo Aria!, legato al suo esordio alla regia.

Il film ritrova al proprio interno non solo una storia in costume che fa riflettere su tematiche importanti riguardanti la condizione della donna e il ruolo della chiesa, ma anche la presenza di bambini, che tra l’altro sono elementi ricorrenti nella discografia della Vicario. Il film si interfaccia anche con caratteri tipici della commedia, anche grazie alla presenza di personalità di rilevanti appartenenti a questo mondo collaterale, come Paolo Rossi e Elio, pseudonimo di Stefano Belisari.

I temi principali sono sicuramente quelli dell’emancipazione femminile. Le ragazze del collegio infatti si ritrovano vittime di stupri, di gravidanze indesiderate, ma anche di altre attuali problematiche come l’emancipazione femminile, le sofferenze amorose e il dispotismo dei padri.

La regia attraverso una sinestesia che unisce suoni e immagini riesce a restituire un ritratto realistico, ma anche chiassoso della Venezia di fine Ottocento e della vita all’interno di questi orfanotrofi, in cui le giovani donne venivano rieducate alla musica.

- Pubblcità -

Il Cast

Il cast di Gloria! unisce personalità del teatro, del cinema, della musica e della comicità. La protagonista, Teresa, è interpretata da Galatea Bellugi, una giovane attrice francese. Le altre interpreti che danno il volto al quartetto di musiciste sono Carlotta Gamba, Maria Vittoria Dallasta, Sara Mafodda e Veronica Lucchesi.

La critica ha apprezzato particolarmente le interpretazioni di Galatea Bellugi e Carlotta Gamba. Anche la recitazione di Veronica Lucchesi (LRDL) è stata elogiata, dato che per lei si trattava del primo film come attrice. Infatti la Lucchesi aveva già precedentemente avuto contatti con la realtà cinematografica, dato che Paolo Sorrentino la scelse per scrivere la colonna sonora di The New Pope.

La Lucchesi non è l’unica artista proveniente dal mondo musicale, infatti anche il frontman del gruppo Elio e le Storie Tese ha un ruolo importante all’interno del lungometraggio. Romeo, il suo personaggio, è un tuttofare dell’orfanotrofio che si impegna costantemente ad aiutare le giovani ragazze contro i soprusi di Perlina.

Quest’ultimo è interpreta da Paolo Rossi, in uno dei ruoli forse più forti e accattivanti della sua carriera. Il cabarettista interpreta infatti un prelato, incline alla corruzione e che maltratta la giovani ragazze. Questo ruolo nasce in antitesi all’impegno politico dell’artista italiano, da sempre in prima linea per sensibilizzare su ogni tipo di diritto e subendo per questo delle politiche di censura, anche da parte della Rai.

Il Trailer

PANORAMICA

Regia
Soggetto e sceneggiatura
Interpretazioni
Emozioni
Alessia Morresi
Alessia Morresi
Amo l'arte in generale, ma il cinema è da sempre stato la mia più grande passione. I miei registi preferiti sono Wes Anderson e Quentin Tarantino, entrambi eclettici e in continua ricerca di una loro marca di artisticità. Non ho un genere preferito, ma sicuramente un buon thriller cattura immediatamente la mia attenzione.

ULTIMI ARTICOLI

Gloria! è il primo lungometraggio scritto e diretto da Margherita Vicario. Il film, al cinema dall'11 Aprile, racchiude nel suo cast personalità importanti non solo del cinema, ma anche della musica. Ad esempio ruoli rilevanti sono affidati a Elio (frontman del gruppo Elio e...Gloria! l'esordio alla regia di Margherita Vicario