HomeNewsEric, il finale della serie Netflix spiegato

Eric, il finale della serie Netflix spiegato

-

Eric è una serie Netflix con protagonista Benedict Cumberbatch. Durante un’intervista ha rivelato che la serie cerca di aprire più spunti, con il suo finale aperto e pieno di speranza.

Eric, creata da Abi Morgan di Sex Traffic, nel suo finale risolve i misteri generati lungo il corso delle puntate, affrontando al contempo i molti temi che esplora. Ambientata nella New York degli anni ’80, la serie thriller porta sullo schermo molte delle realtà più dure del periodo che riflette, mantenendo alta la posta in gioco fino alla fine. Seguendo Cumberbatch nei panni di un padre sconvolto che lotta con l’alcolismo e con problemi di salute mentale. Per gli spettatori che non amano i finali aperti, questa è la serie giusta per voi.

Eric

Eric – La trama

Eric prende il via dall’improvvisa scomparsa dell’unico figlio del creatore del famoso programma per bambini Good Day Sunshine, Vincent Anderson (Benedict Cumberbatch). Vincent è il figlio del magnate immobiliare di New York, Robert Anderson, ed è noto per i suoi modi eccentrici, considerati il segno di un genio. In passato Vincent ha avuto problemi di salute mentale. Di conseguenza, ha anche un rapporto turbolento con la moglie Cassie (Gaby Hoffmann). Vincent la mattina della scomparsa del figlio Edgar (Ivan Morris Howe), lo aveva lasciato andare a scuola da solo, dopo una notte agitata con Cassie. Quando la notizia della scomparsa di Edgar si diffonde a New York, il detective Michael Ledroit (McKinley Belcher III) del dipartimento Persone Scomparse prende in mano le indagini. Prima di prendere in mano le indagini, Ledroit si occupava costantemente di un locale notturno chiamato The Lux, gestito da Alexander Gator (Wade Allain-Marcus), già sospettato di aver incoraggiato attività pedofile nel suo precedente locale.

Pubblicità

Dopo la scomparsa di Edgar, Vincent entra in una spirale buia. Si perde nell’alcol a causa del senso di colpa per aver permesso a Edgar di camminare da solo il giorno della sua scomparsa. D’altro canto, Cassie inizia a perdere le speranze nonostante i continui sforzi. La scoperta della maglietta di Edgar sporca di sangue porta Cassie a credere che potrebbe non incontrare mai più suo figlio. Vincent invece è fermamente convinto che suo figlio sia solo scappato. Così cerca di far inserire in Good Day Sunshine un pupazzo di nome Eric, ideato da Edgar, nella speranza che questo gesto riporti a casa suo figlio. Tuttavia, l’alcolismo sfrenato e la condotta generale di Eric lo fanno licenziare dallo show. Inoltre, Cassie e gli altri iniziano a credere che Vincent abbia di nuovo bisogno di cure mediche.

Alessia Morresi
Alessia Morresi
Amo l'arte in generale, ma il cinema è da sempre stato la mia più grande passione. I miei registi preferiti sono Wes Anderson e Quentin Tarantino, entrambi eclettici e in continua ricerca di una loro marca di artisticità. Non ho un genere preferito, ma sicuramente un buon thriller cattura immediatamente la mia attenzione.

ARTICOLI RELATIVI