Queenpins – Le regine dei coupon, recensione della commedia su Prime Video 

“Queenpins – Le regine dei coupon” (2021) è una commedia con toni da heist-movie. Dietro la macchina da presa Aron Gaudet e Gita Pullapilly, coppia nella vita e nel lavoro. Protagoniste: Kristen Bell (“Veronica Mars”) e Kirby Howell-Baptiste (“Veronica Mars”, “Cruella”). Il cast si arricchisce inoltre della presenza di Paul Walter Hauser (guardatelo nello splendido “Richard Jewell”), grande attore Hauser, interprete poliedrico, perfetto sia nel dramma che nelle storie scanzonate, e un impeccabile Vince Vaughn (“Palle al balzo – Dodgeball”, “Ti odio, ti lascio, ti…”) che illumina lo schermo.

La sceneggiatura è ispirata a un fatto di cronaca: tre donne che avevano architettato una truffa da milioni di dollari vendendo in giro buoni spesa contraffatti. Succedeva a Phoenix, in Arizona. La polizia sequestrò loro la bellezza di 25 milioni di coupon falsi, 22 armi d’assalto e 21 veicoli tra cui una barca di dodici metri. 

Queenpins - Le regine dei coupon
Queenpins – Le regine dei coupon, 2021

Il colpo grosso di due casalinghe disperate

Una delle protagoniste di “Queenpins – Le regine dei coupon” è Connie (Kristen Bell), quarantenne in crisi: casalinga frustrata, Connie. Eppure con un glorioso passato da atleta (varie medaglie vinte). Dei suoi successi alle Olimpiadi? Nessuno si ricorda. È precipitata nell’oblio totale. Vive a Phoenix, Arizona, in una villetta – le classiche della borghesia americana. Ha un marito ma è imbrigliata in un matrimonio infelice. Il rapporto è naufragato perché non sono riusciti ad avere un figlio. Neanche tramite l’inseminazione artificiale.

Queenpins - Le regine dei coupon, 2021
Queenpins – Le regine dei coupon, 2021

Connie, depressa, passa la maggior parte del tempo da sola: il marito è spesso in trasferta. Connie si dedica all’unica attività che le dà soddisfazione: accumulare buoni spesa. Li colleziona con avidità. Compra, compra, compra. Quando va al supermercato dietro di lei, alla cassa, si forma una coda chilometrica perché paga con tonnellate di buoni sconto – e alla fine la spesa le costa davvero pochi spiccioli. Nessuno la sopporta, al supermarket. Al cassiere sta antipatica. Connie però mantiene il punto e ripete a raffica che la prima fonte di guadagno è il risparmio.

La dispensa di questa donna, quindi, è piena zeppa di prodotti di cui lei non ha bisogno tuttavia prende e arraffa come un’invasata per il solo gusto di possedere: gratis o a prezzi stracciati. Gli sconti la esaltano. È la sua personale rivincita contro una società che la ignora.

Queenpins – Le regine dei coupon, 2021

Un giorno Connie scrive un reclamo. I cereali sono stantii e protesta. L’azienda per tutta risposta le invia un rimborso. Ecco dunque l’ideona: mandare lettere a valanga alle più disparate aziende e accaparrarsi cibo e altra merce senza sganciare un centesimo. Alla fine, nella testa di Connie, il folle piano: metter su una vera e propria organizzazione fuorilegge per vendere online buoni spesa contraffatti. Si sceglie come braccio destro la migliore amica e vicina di casa JoJo (Kirby Howell-Baptiste).

JoJo accetta di buon grado perché è sul lastrico, alla sua età, abita ancora con la madre. In poco tempo JoJo e Connie, grazie a questi “magici tagliandi” e all’aiuto di un gruppetto di complici (alcuni anche in Messico) nutrono i loro conti con cifre stratosferiche.

Queenpins - Le regine dei coupon
Queenpins – Le regine dei coupon, 2021

Tuttavia la pacchia ha vita breve. Sulle loro tracce si mettono due ossi duri: il tenace Ken (Paul Walter Hauser) addetto alla prevenzione delle perdite di una catena di supermercati e l’ispettore della polizia postale Simon (Vince Vaughn). Sono tipi in gamba e rintracciano senza troppa fatica le lestofanti pasticcione. Connie e JoJo infatti si dimostrano ingenue e si lanciano in acquisti pazzi: armi, svariate Lamborghini, addirittura un aereo.

Una commedia che ricorda “3 donne al verde

Il punto di partenza della commedia è sicuramente graffiante e irresistibile: innocue casalinghe che non farebbero male a una mosca, dall’oggi al domani, si tuffano nel crimine. Rastrellando vagonate di dollari. Il film scorre con gradevole ritmo e gli attori sono in parte. Il cast è di livello. La sceneggiatura però perde colpi e si accartoccia in gag scatologiche superflue (una scena in auto particolarmente disgustosa). Ad ogni modo “Queenpins” (il titolo originale inglese) risulta un buon passatempo se non si hanno troppe pretese.

Il soggetto riporta alla memoria un’altra commedia di signore insospettabili malviventi: “3 donne al verde” di Callie Khouri (Oscar alla sceneggiatura per “Thelma & Louise”) la pellicola è del 2008 e vanta una splendida compagnia di attrici: Diane Keaton, Queen Latifah, Katie Holmes.

Nel film di Khouri la banda di ladre era composta da operaie che rubavano, dalla Federal Reserve, banconote destinate alla distruzione. Anche il soggetto di “3 donne al verde” nasceva da un fatto vero. Accaduto però non negli USA bensì nel Regno Unito.

Queenpins – Le regine dei coupon, trailer in inglese

PANORAMICA RECENSIONE

regia
soggetto e sceneggiatura
interpretazioni
emozioni

SOMMARIO

"Queenpins - Le regine dei coupon" è una commedia ispirata a una storia vera. Il film parla di due casalinghe insoddisfatte che, alla disperata ricerca di denaro e riscatto, architettano una truffa milionaria vendendo illegalmente buoni spesa. Il film avrebbe tutte le carte in regola per risultare esilarante ma non riesce a raggiungere il top e la sceneggiatura si perde in gag di basso profilo. Il cast però è notevole. Merita quindi la visione. Ideale per una serata pop-corn.
Micol Graziano
Micol Graziano
Amo il cinema e i pop-corn.

ARTICOLI RELATIVI

ULTIMI ARTICOLI

Queenpins - Le regine dei coupon, recensione della commedia su Prime Video "Queenpins - Le regine dei coupon" è una commedia ispirata a una storia vera. Il film parla di due casalinghe insoddisfatte che, alla disperata ricerca di denaro e riscatto, architettano una truffa milionaria vendendo illegalmente buoni spesa. Il film avrebbe tutte le carte in regola per risultare esilarante ma non riesce a raggiungere il top e la sceneggiatura si perde in gag di basso profilo. Il cast però è notevole. Merita quindi la visione. Ideale per una serata pop-corn.