lunedì, 19 Aprile, 2021
HomeFantascienzaMatrix Revolutions

Matrix Revolutions

Matrix Revolutions è il terzo capitolo della celebre saga fantascientifica di Matrix, scritto e diretto da Andy e Larry Wachowski, uscito alcuni mesi dopo Matrix Reloaded nel 2003, distribuito dalla Warner Bros in contemporanea in 50 paesi del mondo.

Matrix Revolutions

Matrix Revolutions si apre esattamente dove si era interrotto con “Matrix Reloaded. Neo (Keanu Reeves), che nel mondo reale è privo di sensi, in Matrix si risveglia in un luogo isolato sia da Matrix che dal mondo reale, una sorta di limbo, creato e gestito dall’Uomo del treno, personaggio fedele al Merovingio (Lambert Wilson). Morpheus (Laurence Fishburne) e Trinity (Carrie-Anne Moss) dopo aver parlato con l’Oracolo apprendono che l’unico che può tirarlo fuori è proprio il viscido Merovingio, così sono costretti a fare un accordo con lui per recuperarlo. La guerra tra esseri umani e macchine si fa sempre più pressante e gli abitanti di Zion vengono chiamati a difendere in tutti i modi possibili la città. Morpheus, Link e Niobe decidono di tornare nella città umana, mentre Neo e Trinity chiedono che gli venga assegnata una nave per viaggiare alla ricerca della Città delle Macchine e poter tentare un approccio diplomatico alla fine della guerra. Quindi, con il destino dell’umanità sulle loro spalle, si dirigono in una direzione inaspettata. Nel frattempo, l’agente Smith (Hugo Weaving) ha trovato il modo di fuggire da Matrix nella sua incessante ricerca di eliminare Neo minacciando anche di distruggere sia il mondo reale che il mondo virtuale.

Matrix Revolutions

In Matrix Revolutions l’intelligenza e le idee che avevano costituito uno dei principi cardine dell’originale “Matrix” e leggermente in “Matrix Reloaded”, sono state messe completamente da parte a favore dell’azione generata dal computer che rende circa 1/3 di questo film praticamente un videogioco sul grande schermo. I problemi con il film sono abbastanza facili da individuare. Tutti gli elementi che prima eravano innovativi e geniali, ripetuti fino allo sfinimento, diventano purtroppo noiosi. Le scene di arti marziali in slow motion erano pulite la prima volta, ma stavano già invecchiando quando sono state riutilizzate in “Matrix Reloaded”. Anche se visivamente belle, ora sono passate completamente e i Wachowski non riescono a trovare qualcosa di veramente nuovo o innovativo per migliorarle. Anche tutte le loro allusioni e i loro riferimenti filosofici non solo non si sommano, ma non sono così ben integrati come lo erano nell’originale. Oltretutto, la stimolazione del film è irregolare. La prima ora è lenta e impantanata dal parlare e dall’esposizione non necessaria soffrendo anche di cadute occasionali nella logica e nella struttura drammatica. La sceneggiatura, spesso banale, cerca di essere intelligente, e i personaggi si comportano come degli automi che stanno combattendo. Nonostante tutto l’interesse di trasformare Neo in un salvatore simile a Cristo, nel processo di farlo, è diventato poco coinvolgente. Nel primo film c’è stato il processo di scoperta che è stato il gancio. Ma nei sequel, il suo personaggio non si sviluppa. E non si può partecipare al suo viaggio se non si percepisce alcuna crescita o cambiamento. Lo stesso accade per gli altri personaggi principali che sembrano persi con poco o niente da fare.

Matrix Revolutions

Esattamente come Matrix Reloaded, Matrix Revolutions funziona solo per godimento per gli occhi. Gli effetti visivi sono, come sempre, sorprendenti e mozzafiato. Le scene di migliaia di sentinelle meccaniche che attaccano la città umana di Zion sono incredibili da guardare. La sequenza della battaglia è rumorosa, implacabile e, man mano che l’azione procede, percepisci davvero che è in gioco il destino della razza umana. C’è anche una lotta spettacolare che coinvolge nuovamente l’agente Smith e Neo che si svolge a mezz’aria. Combattono in volo come il generale Zod e Superman. Mentre sfrecciano e volano sotto la pioggia battente nelle strade di Matrix, ora completamente dominata e corrotta dall’agente Smith e dalle sue copie. Le immagini sono sia belle che impressionanti. Tutti questi elementi si intrecciano con piccoli aspetti della storia che vengono spiegati e racchiusi, portando lo spettatore a credere di essere diretti verso una conclusione magnifica ed epica. Tuttavia, non è così. Questo film si presenta come un importante risultato tecnico che purtroppo ci lascia decisamente a secco dal punto di vista emotivo.

Matrix Revolutions

La trilogia di Matrix era iniziata con tanta energia e originalità. Nessuno capiva cosa stesse succedendo, ma l’aspetto era comunque coinvolgente. Quell’atmosfera di segretezza, rendeva il tutto più elettrizzante e le scene d’azione erano completamente al servizio della sua trama. Uno dei motivi principali per cui “Matrix” era stato in grado di raggiungere la sua aura di mistero, era dovuta al fatto che implicava in modo convincente un intero universo, lasciando brillantemente parti chiave di esso alla nostra immaginazione. Ponendo gran parte della storia all’interno di Matrix, che ha lo scopo di simulare la realtà, ha dato delle sfaccettature illusorie del concetto un’origine salutare in un mondo familiare e credibile. Ma invece di attenersi a quel velo di ambiguità e di allettarci con immagini suggestive, i due sequel si perdono quasi completamente. Matrix Revolutions doveva consegnare non solo l’attesissimo attacco delle Macchine a Zion, ma doveva anche completare l’arco narrativo di Morpheus, Trinity e Neo che era stato avviato nel film originale. Ma i Wachowski non sono riusciti a mantenere l’enorme potenziale promesso dal film originale. In quest’ultimo lanciano tutto, necessario o no, e finiscono con l’equivalente cinematografico della zuppa di un cattivo minestrone. Il finale appiattito, assolutamente aperto, in cui nulla è spiegato, lascia presagire un ulteriore sequel che effettivamente è stato confermato. Matrix 4, infatti, uscirà il 21 maggio 2021.

Voto Autore: [usr 2,5]

Maria Rosaria Flotta
Laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul cinema d'animazione. Curiosa, attenta e creativa. Appassionata di cinema, arte e scrittura.

Invia una replica

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

RIMANI CONNESSO

35,344FansLike
15,400FollowersFollow
2,282FollowersFollow

ULTIMI ARTICOLI