giovedì, 6 Maggio, 2021
HomeRecensioniLa fattoria dei nostri sogni

La fattoria dei nostri sogni

La fattoria dei nostri sogni, la recensione del documentario autobiografico ed ecologista di John Chester

La riduzione dello spreco alimentare. La sostenibilità e l’eliminazione della plastica monouso. Sono tutte pratiche nobili che il nostro mondo cerca sempre più di adottare. Ma affinché questi ideali siano abbracciati in massa, i nostri stili di vita e i nostri sistemi di produzione devono cambiare in modo radicale. Nel documentario La fattoria dei nostri sogni, il regista John Chester e sua moglie Molly ci portano nel loro viaggio nel tentativo di trasformare questa utopia in realtà.

La fattoria dei nostri sogni

La fattoria dei nostri sogni, in armonia con la natura

La fattoria dei nostri sogni racconta il viaggio di vita di John e Molly Chester mentre cercano di costruire una fattoria sostenibile di 200 acri. Dopo aver acquistato il terreno appena fuori Los Angeles, chiamano il mentore Alan York per aiutarli nella loro missione di trasformazione. Attraverso video casalinghi e acquisizioni professionali, condividono la realtà del loro percorso di otto anni con il pubblico. Chester e sua moglie la definiscono una fattoria tradizionale, ma quello che stanno facendo è probabilmente meglio conosciuto come agricoltura biologica.

Il documentario di Chester dipinge l’agricoltura biologica come un modo ideale e idilliaco di coltivare, se non il modo migliore. Lo paragona a un libro per bambini, carino e semplice, audace e colorato. Definisce la sua fattoria come “in armonia con la natura”. Senza dubbio, l’agricoltura biologica è più naturale sia nell’aspetto che nella pratica. Ma ciò che loro costruiscono pian piano è un posto bellissimo dove gli animali si scatenano liberi. Un paradiso, una specie di giardino dell’Eden biblico.

La fattoria dei nostri sogni

Per la prima mezz’ora, La fattoria dei nostri sogni si presenta come uno di quei documentari compiaciuti onnipresenti, in cui il regista è alla ricerca di indulgente autorelizzazione. In questo caso, la voce fuori campo ci dice che il regista – un cameraman di Los Angeles – e sua moglie – chef e food blogger – sognano di costruire una fattoria che lavori in armonia con il nostro ecosistema naturale, piuttosto che contro di esso. Un obiettivo nobile, ma anche presentato in modo un po’ antipatico.

Eppure, mentre il documentario prosegue, diventa un’esplorazione della nozione di interconnessione universale. Ci mostra il vasto ciclo globale della vita e della morte e come la morte sia necessaria per l’esistenza della vita. L’onestà di questo documentario è rinfrescante. Non nasconde neanche le innumerevoli sfide che John e Molly hanno dovuto sopportare per il bene comune.

La fattoria dei nostri sogni

Tra la loro inesperienza e l’imprevedibilità di base della natura, ad ogni passo avanti ce ne sono dieci indietro. Una lotta che Chester a volte tende a ignorare. Tuttavia, è quasi impossibile non lasciarsi coinvolgere emotivamente dai protagonisti del film. Non solo da John e Molly ma anche da tutti quegli animali, mentre lottano per mantenere l’equilibrio all’interno di un ambiente spesso spietato. La telecamera di Chester, infatti, non si allontana da alcune delle realtà più brutali della vita, come le nascite podaliche e massacri di pollai.

Vita, morte, rinascita, crescita e la possibilità di un’amicizia tra specie diverse. La fattoria dei nostri sogni sostiene la biodiversità e le pratiche riparatrici. Man mano che la storia si svolge nell’arco di quasi un decennio, il documentario diventa qualcosa di ancora più d’impatto: un ritratto premuroso e spesso profondamente commovente del lavoro straordinario coinvolto nella produzione di cibo consapevole.

La fattoria dei nostri sogni

La fattoria dei nostri sogni, uno sguardo avvincente sull’agricoltura e sul ruolo dell’uomo nella natura

La fattoria dei nostri sogni è meravigliosamente girato e anche ben montato e ritmato. Ha molti punti preziosi da sottolineare sulla connessione tra il modo in cui il nostro cibo viene coltivato e la vita eco-compatibile. È coinvolgente in tutto e visivamente abbagliante da vedere. È uno sguardo avvincente e solleva domande interessanti sull’agricoltura e sul ruolo dell’uomo nella natura, e su come i due possano alla fine coesistere.

Il documentario è anche fonte di ispirazione, un inno alla resilienza, delle persone e del mondo naturale. È un film sui sognatori e il successo di un obiettivo, che è reso promettente solo dalla storia che nasce dalla realtà. Trasmette il suo messaggio con leggerezza, accusando l’agricoltura industriale e gli agenti del cambiamento climatico tacitamente piuttosto che direttamente. La positività e la creatività di John e Molly, l’impegno, l’energia e la fede nei loro piani e traguardi è a dir poco incoraggiante.

PANORAMICA RECENSIONE

regia
soggetto e sceneggiatura
emozioni

SINOSSI

"La fattoria dei nostri sogni" è un gioioso documentario autobiografico ed ecologista su John e Molly Chester, una coppia americana che cerca di creare una fattoria biodiversa da zero. Un inno alla resilienza, delle persone e del mondo naturale.
Maria Rosaria Flotta
Laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul cinema d'animazione. Curiosa, attenta e creativa. Appassionata di cinema, arte e scrittura.

RIMANI CONNESSO

35,282FansLike
15,400FollowersFollow
2,295FollowersFollow

ULTIMI ARTICOLI