HomeRecensioni FilmDue giorni, una notte: recensione

Due giorni, una notte: recensione

-

Nel 2014, i Fratelli Dardenne hanno diretto “Due giorni, una notte”, una pellicola sulle conseguenze e le contraddizioni del mondo del lavoro. I registi, già noti per il loro approccio realista e minimalista. Nella città industriale di Liegi, in Belgio, è ambientato questo film nominato all’oscar per la migliore attrice protagonista, una straordinaria Marion Cotillard.

Due giorni, una notte: il cast

Nel cast di questo lavoro dei Fratelli Dardenne sulle crudeli dinamiche di determinati contesti lavorativi, spicca la performance eccellente di Marion Cotillard, nei panni di Sandra, una lavoratrice in caduta libera e preda della depressione. Mentre Fabrizio Rongione interpreta suo marito Manu.

Due giorni

Due giorni, una notte: trama e recensione

Sandra è appena ritornata al lavoro dopo una pausa per malattia dovuta a una depressione. Scopre che i suoi colleghi dovranno votare per decidere se lei può mantenere il suo posto di lavoro o se, al contrario, opteranno per un bonus di 1.000 euro ciascuno a scapito del suo licenziamento. Ciò che segue è la disperata lotta della donna per convincerli a votare a suo favore, affrontando una serie di conversazioni emotivamente cariche e rivelatrici.

- Pubblicità -

Il film è strutturato attorno a questa serie di incontri, e ogni scena porta con sé una gamma di emozioni e dilemmi morali. La semplicità della trama permette ai Dardenne di esplorare temi più ampi come quello della dignità umana, del sacrificio e della solidarietà. La regia è diretta e sceglie al tempo stesso di non essere intrusiva. La camera a mano segue Sandra mentre naviga tra queste sue interazioni personali, e ciò contribuisce ad aumentare il senso di realismo e immediatezza.

Due giorni

La natura del lavoro e l’etica del sacrificio individuale

Marion Cotillard offre una delle sue performance più sfumate e potenti, incarnando completamente il ruolo di una donna che lotta non solo per il suo lavoro ma anche contro la propria fragilità interiore. La sua interpretazione di Sandra è tanto più impressionante considerando il fatto che il film esige una gamma espressiva molto ampia, dalla disperazione alla speranza, dalla rabbia alla gratitudine.

Il film pone inoltre interrogativi profondi sulla natura del lavoro e sull’etica del sacrificio individuale per il bene collettivo. I colleghi di Sandra sono presentati non come antagonisti senza volto, ma come individui pienamente realizzati, ciascuno con le proprie lotte, famiglie e crisi economiche. Questo approccio evita la semplificazione e invita lo spettatore a considerare la complessità delle decisioni economiche che spesso vengono ridotte a cifre e statistiche.

“Due giorni, una notte” si distingue anche per il suo ritmo. Nonostante la semplicità della narrazione, il film è teso e coinvolgente. Gli spettatori si trovano costantemente sul filo del rasoio, sperando in un risultato positivo per Sandra, mentre i Dardenne dipanano abilmente la tensione fino a un finale che è sia toccante che illuminante.

Fabrizio Rongione

Che cosa differenzia il film dagli altri lavori dei Dardenne

“Due giorni, una notte” si distingue dagli altri film dei Dardenne in diversi modi, nonostante condivida alcune caratteristiche distintive del loro stile cinematografico. Ecco alcune delle principali differenze: mentre molte pellicole dei due registi presentano protagonisti maschili, “Due giorni, una notte” è incentrato su una protagonista femminile, appunto Sandra.

Questo porta una prospettiva unica, ma soprattutto una dinamica diversa alla narrazione, consentendo ai registi di esplorare questioni di genere e di identità in modi nuovi. Sebbene i film dei Dardenne siano spesso noti per la loro narrazione lineare e diretta, “Due giorni, una notte” presenta una struttura narrativa più chiaramente definita e limitata nel tempo.

Marion Cotillard

L’ arco di tempo di “Due giorni, una notte”

Il film si svolge nell’arco di due giorni, durante i quali Sandra deve visitare i suoi colleghi per convincerli a votare a suo favore. Questa struttura temporale specifica aggiunge una tensione immediata e un senso di urgenza alla storia, differenziandosi dall’approccio più aperto di alcuni dei loro altri film.

Anche se molti dei film dei Dardenne affrontano temi sociali ed economici, “Due giorni, una notte” pone in primo piano la questione dell’occupazione e delle difficoltà economiche affrontate dai lavoratori. Il film esplora le pressioni e i dilemmi morali legati al lavoro in un contesto di crisi economica, offrendo uno sguardo penetrante sulle realtà della classe lavoratrice.

- Pubblcità -

Sebbene i Dardenne siano noti per il loro uso di attori non professionisti o poco conosciuti, “Due giorni, una notte” presenta Marion Cotillard, una delle attrici più rinomate e rispettate del cinema contemporaneo, nel ruolo principale. La presenza dell’attrice aggiunge una dimensione di star power al film e attira l’attenzione su di esso su una scala più ampia rispetto ai loro lavori precedenti.

Conclusioni

Pur mantenendo il caratteristico stile realista e minimalista dei Dardenne, “Due giorni, una notte” utilizza elementi visivi e sonori in modo più sottile e sfumato rispetto ad alcuni dei loro altri film. La colonna sonora, ad esempio, è più discreta e serve principalmente a sottolineare le emozioni dei personaggi piuttosto che a guidare la narrazione.

Il film è stato ampiamente lodato per il suo approccio sincero e per l’umanità che permea la storia. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali, tra cui una nomination per la miglior attrice a Marion Cotillard sia agli Academy Awards che ai Golden Globes, riconoscendo il suo contributo significativo al successo del film.

In conclusione, “Due giorni, una notte” è un’opera che combina abilmente realismo sociale e drama personale, offrendo uno sguardo intenso e a volte doloroso sulle difficoltà economiche e le decisioni morali che molte persone devono affrontare nella società contemporanea. Con una regia incisiva e una performance stellare di Marion Cotillard, il film non solo intrattiene ma solleva questioni importanti, rendendolo un esemplare notevole del cinema sociale europeo.

Il trailer

PANORAMICA

Regia
Soggetto e Sceneggiatura
Interpretazioni
Emozioni

SOMMARIO

"Due giorni, una notte" rappresenta un'altra incursione nel mondo del lavoro da parte dei Fratelli Dardenne con la straordinaria interpretazione di Marion Cotillard
Francesco Maggiore
Francesco Maggiore
Cinefilo, sognatore e al tempo stesso pragmatico, ironico e poliedrico verso la settima arte, ma non debordante. Insofferente, ma comunque attento e resistente alla serialità imperante, e avulso dai filtri dall'allineamento critico generale. Il cinema arthouse è la mia religione, ma non la mia prigione.

ULTIMI ARTICOLI

"Due giorni, una notte" rappresenta un'altra incursione nel mondo del lavoro da parte dei Fratelli Dardenne con la straordinaria interpretazione di Marion CotillardDue giorni, una notte: recensione