domenica, 17 Ottobre, 2021

La teoria del tutto

E se ci fosse un’equazione principale che spiegasse tutto? Per il geniale candidato al dottorato di Cambridge, Stephen Hawking, la perseguitata ricerca di una simile equazione occupa quasi ogni momento della sua vita. La teoria del tutto diretto da James Marsh è un film biografico del 2014 che esplora principalmente la storia d’amore del famoso astrofisico con la futura moglie Jane, durante il periodo universitario negli anni ’60, la diagnosi iniziale della malattia del motoneurone che secondo i medici lo avrebbe portato alla morte entro poco più di due anni e la sua brillante ascesa nella comunità scientifica.

La teoria del tutto

Nel film, lo stimato cosmologo britannico Stephen Hawking potrebbe menzionare teoremi di singolarità e termodinamica per impressionare i suoi colleghi, ma tutto viene in secondo piano rispetto alle questioni del cuore. Adattato dal libro di memorie della prima moglie di Hawking del 2008 “Traveling to Infinity: My Life with Stephen”, La teoria del tutto spiega vagamente quanto siano state influenti le sue scoperte. Questo non è un film realizzato per i fanatici di scienza che sperano di dare un’occhiata al processo di Hawking o al modo in cui il suo bestseller “Dal big bang ai buchi neri. Breve storia del tempo” ha influenzato la ricerca degli altri sulla fisica teorica. Invece, il documentarista premio Oscar, James Marsh e lo sceneggiatore Anthony McCarten ridimensionano la narrazione a un’equazione molto più semplice, concentrandosi sul corteggiamento e su gran parte della vita di Stephen e Jane insieme. Incredibilmente, Marsh e McCarten sono più interessati a plasmare una storia d’amore non convenzionale, piuttosto che mostrare al pubblico il lavoro di Hawking. E lo fanno con facilità nei passaggi di apertura del film, in cui un giovane, brillante e in piena salute Hawking è lo studente più promettente di Cambridge sotto la guida del professor Dennis Sciama. Mentre lavora su una tesi che alla fine rivoluzionerà il concetto di tempo, Hawking si innamora di Jane, studentessa di Lettere, che è impressionata dalla sua mente e dal suo ingegno. Hawking ha conosciuto Jane proprio al college, ed è lì che parte la storia. È un posto intelligente per iniziare il film, perché ci dà il punto di partenza in cui la sua vita è cambiata. In rapida successione, conobbe Jane, scoprì la sua passione e iniziò anche la degenerazione muscolare a causa della SLA.

La teoria del tutto

La teoria del tutto, dunque non è un biopic nel senso più stretto della parola, sebbene colpisca quasi tutti i momenti salienti e fondamentali della vita di Hawking. Ma questa è innanzitutto una storia d’amore, che racconta la relazione appassionata, complicata e toccante di Stephen e Jane, di come si sono incontrati e di come hanno gradualmente costruito una vita insieme, adattandosi al crescente bisogno di Hawking di fare affidamento su di lei sia come amante che come custode. Infatti, mentre lui e Jane cercano di crescere una famiglia, lei diventa la sua infermiera tanto quanto sua moglie. Questo sviluppo porta a un’incredibile tensione sulla loro relazione, che provoca inevitabilmente sia rimpianto che frustrazione. Il fragile tema de “l’amore supera ogni cosa” probabilmente non sarebbe qualcosa che Hawking riterrebbe logico, poiché non esiste un’equazione matematica per spiegare le complessità del cuore umano, eppure la storia d’amore tra loro due è incredibilmente commovente, basata sul rispetto reciproco e sulla genuina tenerezza nonostante le difficoltà. Le straordinarie interpretazioni fornite dagli attori Eddie Redmayne e Felicity Jones – come Stephen e Jane – sono a dir poco straordinarie. Jones e Redmayne praticamente brillano sullo schermo. Hanno un fascino come due amanti che si innamorano a vicenda nonostante provengano da ambienti e interessi praticamente opposti. E mentre il film deve muoversi rapidamente attraverso il loro incontro iniziale, una volta che il corpo di Hawking inizia a degenerare, lei diventa quasi la sua traduttrice. È una bella testimonianza e incapsula molto la situazione di com’era la loro relazione in quel momento. Tuttavia, per quanto meravigliosa sia la storia d’amore al centro del film, la scienza che viene mostrata, non viene trattata totalmente come un personaggio minore. La schiuma di una pinta di birra, i carboni ardenti di un fuoco o semplicemente i piselli con le patate su un tavolo da pranzo diventano tutti oggetti per spiegare questi complessi teoremi di astrofisica e questo funziona, perché riesce a renderlo accessibile a tutti.

La teoria del tutto

La lotta di Stephen con la sua disabilità, la resistenza e la forza di Jane sono comunque in prima linea nella storia. La teoria del tutto illustra con forza la dignità e il valore di una vita, anche e specialmente quella che è così tremendamente colpita dalla malattia. In un momento critico quando Stephen è in coma, i dottori spiegano a Jane che dovranno fare una tracheotomia per potergli permettere di respirare, il che significa che non potrà mai più parlare. Tentano di convincerla che la sua qualità di vita sarà così degradata che potrebbe essere meglio solo lasciarlo morire. Ma Jane respinge ferocemente quell’idea e combatte per mantenere in vita suo marito. Anzi, lei tiene teneramente e sacrificalmente per decenni ogni suo bisogno. Mentre Stephen Hawking scivola sempre più a fondo nella terribile morsa della SLA, è determinato a continuare, a lavorare, a pensare. Infatti, la sua prima domanda e preoccupazione quando il medico descrive la sua malattia è: “E il cervello?”. Ma scopre che la sua mente sarà una delle poche cose che non sarà influenzata dall’afflizione. Nelle mani di uno sceneggiatore e/o regista minore, questo film avrebbe potuto trasformarsi in una storia molto triste. Invece, nonostante la malattia degenerativa di Hawking, ci sono momenti di totale euforia, anche quando è completamente avvolto dalla SLA. Hawking era un uomo molto divertente e ironico e viene mostrato anche nel film. Semmai, la sua arguzia e il suo fascino sono messi in evidenza a causa delle sue condizioni e il film finisce per essere piuttosto ispiratore della persistenza della mente e della personalità umana. La vita di Stephen Hawking è stata a dir poco straordinaria. Non solo il fisico di fama mondiale ha raggiunto una miriade di risultati e distinzioni nella sua illustre carriera, ma lo ha fatto sfidando tutte le aspettative.

Voto Autore: [usr 3,0]

Maria Rosaria Flotta
Laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul cinema d'animazione. Curiosa, attenta e creativa. Appassionata di cinema, arte e scrittura.
Articolo precedenteGilmore Girls: A Year in the life
Prossimo ArticoloOuter Banks

ARTICOLI RELATIVI

RIMANI CONNESSO

35,124FansLike
15,300FollowersFollow
2,248FollowersFollow

ULTIMI ARTICOLI