martedì, 19 Ottobre, 2021

Il laureato, trama e recensione del film cult del 1967

Uno dei film americani più amati di tutti i tempi, Il laureato, è valso a Mike Nichols l’Oscar come miglior regista, ha portato la musica di Simon & Garfunkel a un pubblico più ampio ed ha presentato al mondo un giovane attore di nome Dustin Hoffman.

Visivamente fantasioso e con la sceneggiatura intelligente di Buck Henry, basata sul romanzo di Charles Webb, il film ha avuto il tipo di impatto culturale che si verifica solo una volta in una generazione.

Il laureato

Il laureato trama del film e dove vederlo

Il laureato racconta la storia del giovane Benjamin Braddock (Dustin Hoffman) che ha appena finito il college ed è già perso in un mare di confusione e angoscia. Torna a casa senza avere la minima idea di cosa fare del resto della sua vita ed è molto riluttante ad assumersi le responsabilità dell’età adulta.

Inizia una relazione con la signora Robinson (Anne Bancroft), un’amica dei suoi genitori con una figlia di cui Ben alla fine si infatua. La signora Robinson proibisce a Ben di vedere Elaine (Katharine Ross), ma lui sceglie di inseguirla comunque. Questo porta a una corsa climatica verso la chiesa in cui Elaine sta per sposarsi.

Il film è disponibile in streaming su CHILI, Rakuten TV, Google Play, Apple Itunes e TIMVision.

Il laureato

Il laureato recensione del film cult del 1967

Ogni volta che gli spettatori si imbattono per la prima volta ne Il laureato, tendono a identificarsi pienamente con il protagonista interpretato da Dustin Hoffman. Subendo quel patetico e universale fenomeno noto come la crisi del quarto di vita, Braddock non ha idea di cosa fare con il suo futuro ed è preso in un funk senza fine.

Nichols impiega magnificamente la fotografia del cinemascope per isolare Braddock nell’inquadratura per enfatizzare la sua solitudine, mentre la faccia di Hoffman e il metodo di recitazione borbottante fanno tutto il resto.

La colonna sonora di Simon e Garfunkel trova poesia nelle emozioni adolescenziali e si mescola con la cinematografia espressiva di Nichols in modo straordinario. Tutti gli adulti sono vignette satiriche di vite sprecate e assolutamente esilaranti.

Il laureato è stato acclamato per così tanto tempo che è facile dimenticare quanto sia divertente il film. È una squisita esplosione di gioventù ribelle che trionfa sulla tirannia dei valori antiquati di mamma e papà. Una commedia raccapricciante sul sesso e l’amore e su quanto sia facile confondere le due cose.

Un sontuoso mix di immagini espressive e musica pop perfettamente intonata attingendo dalla sperimentazione dei film d’arte e anticipando la rivoluzione dei video musicali tutto in una volta. È uno dei grandi film sull’incertezza giovanile e sulla regia che ogni generazione di studenti di cinema può rivendicare.

La bellezza de Il laureato e il motivo per cui continua a durare nel tempo è perché il capolavoro comico acido tende a crescere insieme al suo pubblico. Ed è qualcosa di completamente diverso se visto da epoche diverse.

Il laureato

Il laureato analisi dei personaggi interpretati da Dustin Hoffman e Anne Bancroft

Per quanto il regista e lo sceneggiatore volessero esplorare in modo accurato e poetico la condizione giovanile di Benjamin, l’hanno anche un po’ satirizzata. Non si può negare che Ben sia un piagnucolone narcisista che spreca tediosamente il suo tempo in una seconda visione.

Usa la signora Robinson in modi piuttosto brutti e essenzialmente insegue Elaine piuttosto che corteggiarla. Scappano insieme solo perché sembra una fantasia antiautoritaria più appropriata per loro da vivere piuttosto che la fantasia suburbana pianificata dai loro genitori. Forse non è neanche vero amore, ma solo convenienza e ormoni.

Inoltre, la signora Robinson non è una semplice fantasia sessuale. In realtà è una figura profondamente tragica. È persa, probabilmente un’alcolizzata, e disgustata dalla stasi della classe media quanto Benjamin. Si crede persino un po’ bohémien e progressista come i bambini.

Semmai, la signora Robinson dimostra che tutta la depressione ossessionata da se stessa e il desiderio ribelle di uscire dalle norme sociali con cui Benjamin combatte, non scompaiono mai con l’età. Diventano solo più patetici, perché quel tipo di assurdità sembra profonda solo se sei abbastanza giovane da pensare che ti renda speciale.

Il laureato

Il significato del finale del film

L’aspetto più discusso de Il laureato è sicuramente il suo finale che si distingue per essere ambiguo. Quando Ben ed Elaine salgono sull’autobus per allontarsi dalla chiesa, le loro espressioni facciali sembrano tradire la sicurezza che avevano quando fuggivano dal matrimonio di Elaine.

Questo strano momento appena prima dei titoli di coda riceve spesso più attenzione rispetto ai momenti che lo precedono. Perché è interessante notare che la scena in cui Ben si intrufola al matrimoio di Elaine sembra offrire una visione leggermente più ottimistica della coppia.

Ma questo significa che il loro futuro è già predeterminato per rivelarsi come il futuro delle loro famiglie?

Le persone che affermano che il film finisca in modo pessimista ignorano il fatto che è una reazione naturale sentirsi nervosi o terrorizzati dopo aver tagliato i legami con la propria famiglia.

Può essere facile dimenticare in questo momento che lo stile di vita familiare disfunzionale dei Robinson è stato sufficiente per costringere Ben ed Elaine a ribellarsi. Se sono stati in grado di compiere l’atto iniziale di ribellione scappando dal matrimonio, potrebbero ancora essere in grado di compiere lo sforzo di avere vite diverse da quelle dei loro genitori.

Ne Il laureato l’unica cosa che dà un senso alla vita di Ben è la presenza di Elaine. Dal momento che Elaine ha così tanta importanza per Ben, è probabile che la loro relazione non sarà un matrimonio senza amore come quello dei Robinson, segnato dall’alienazione e dal rancore.

PANORAMICA RECENSIONE

regia
soggetto e sceneggiatura
interpretazioni
emozioni

SINOSSI

"Il laureato", diretto da Mike Nichols nel 1967, è uno dei film americani più amati di tutti i tempi. Visivamente fantasioso, recitato in modo impeccabile e con una sceneggiatura intelligente, il film è un'esplorazione satirica della giovinezza, una commedia raccapricciante sul sesso e l'amore e su quanto sia facile confondere le due cose; un sontuoso mix di immagini espressive e musica pop perfettamente intonata.
Maria Rosaria Flotta
Laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul cinema d'animazione. Curiosa, attenta e creativa. Appassionata di cinema, arte e scrittura.

ARTICOLI RELATIVI

RIMANI CONNESSO

35,124FansLike
15,300FollowersFollow
2,246FollowersFollow

ULTIMI ARTICOLI