domenica, 17 Ottobre, 2021

L’ipnotista, la recensione del thriller poliziesco di Lasse Hallstrom

L’ipnotista è un cupo thriller poliziesco svedese del 2012 diretto da Lasse Hallstrom, adattato dall’omonimo romanzo bestseller di Lars Kepler. Il film racconta la storia di un ispettore di polizia costretto a collaborare con un ipnotizzatore per risolvere l’omicidio di un’intera famiglia prima che il caso venga archiviato.

L'ipnotista Lasse Hallstrom

L’ipnotista, brutale thriller poliziesco

Il lavoro del regista svedese pluripremiato e candidato all’Oscar Lasse Hallstrom comprende commedie, drammi e romanticismo con film come “Buon compleanno Mr. Grape” (1993), “Chocolat” (2000) e Hachiko – Il tuo migliore amico” (2009). Quindi è quasi una sorpresa scoprire che il suo primo film in lingua svedese è un brutale thriller poliziesco, atipico per il suo genere.

L’ipnotista inizia con un lampo di violenza. Una famiglia viene trovata brutalmente assassinata e il detective Joona Linna (Tobias Zilliacus) viene chiamato sulla scena del crimine. Marito, moglie e figlia vengono trovati crudelmente pugnalati a morte. Mentre il figlio adolescente Josef (Jonatan Bokman), unico sopravvissuto, viene portato in ospedale in stato comatoso.

Linna vuole risposte e scopre che un ex medico che in passato lavorava in ospedale, è in grado di ipnotizzare le persone. Sebbene sia caduto in disgrazia dopo una sessione di terapia che ha scavato alcuni segreti indesiderati, Erik Maria Bark (Mikael Persbrandt) è considerato da una delle infermiere dell’ospedale il migliore in quello che fa. Così Linna lo chiama nella speranza di ottenere alcune risposte dal ragazzo in coma.

L'ipnotista Lasse Hallstrom

L’ipnotista, la recensione del film di Lasse Hallstrom

Il film semplifica il libro da cui è tratto con un effetto positivo, pur mantenendo le sequenze chiave. L’invasione domestica e il rapimento del figlio di Erik, il summenzionato flashback, la fuga dall’ospedale e il finale innevato sono tutti lì. E sono gestiti magnificamente da Lasse Hallstrom.

L’ipnotista è sostenuto da performance forti e abbaglia nel suo finale glaciale alimentato dalla tensione. Con quella tipica oscurità scandinava e sorprendenti esplosioni di violenza, il thriller poliziesco di Lasse Hallstrom dà il meglio di sé durante le scene di ipnosi in cui ricorda l’osservazione di un maestro artigiano aprire una serratura senza la chiave. Questi momenti pongono domande pertinenti sull’aspetto nascosto della psiche umana che raramente cerchiamo di esplorare.

Ma il film soffre anche dei difetti tipici del genere, con una trama incoerente e l’abitudine di dimenticare i filoni della trama che cessano di essere convenienti. Quest’ultimo può essere un antefatto del suo adattamento da un libro. Sembra infatti che sia stato ridotto dopo aver cercato di mettere in valigia più di quanto potrebbe essere fatto per funzionare in un tempo ragionevole.

L'ipnotista Lasse Hallstrom

L’ipnotista, interpretazioni e i freddi paesaggi svedesi

La recitazione è uniformemente forte, esattamente come gli spettatori si aspettano da un lavoro di Hallstrom, ma niente spicca: questo è davvero un pezzo d’insieme. Ci sono sottotrame interessanti, anche se in qualche modo sottosviluppate, sul passato di Erik (gestendo la questione della falsa memoria più astutamente del solito), il suo traballante matrimonio (con Lena Olin, una scelta perfetta per interpretare sua moglie) e la sua difficoltà a dormire.

Nonostante L’ipnotista sia pieno di cliché del suo genere, rimane comunque un dramma attraente. E poi c’è la magnifica direzione di Lasse Hallstrom che utilizza i freddi paesaggi della città e della campagna svedesi per creare un’atmosfera quasi magica e ultraterrena. I grigi sbiaditi, i blu e i bianchi sono usati per migliorare lo sfondo invernale e l’atmosfera agghiacciante del film.

L'ipnotista Lasse Hallstrom

Tutto è avvolto dalla neve e l’aria frizzante sembra rendere più crudele la totale assenza di indizi. Soprattutto quando si capovolge la situazione ed Erik trova la sua famiglia in pericolo. La telecamera di Hallstrom entra ed esce dalle situazioni. E si adagia felicemente in molti momenti chiave de L’ipnotista. Semplicemente riprendendo gli eventi e consentendo allo spettatore di assorbire ogni punto, senza che gli venga lanciato in faccia.

La direzione è casuale, ma incontaminata e tagliente. E spesso porta lo spettatore ad immergersi. Tanto da perdere tutta la cognizione del tempo, offrendo la sensazione di essere ipnotizzati, appunto.

PANORAMICA RECENSIONE

regia
soggetto e sceneggiatura
interpretazioni
emozioni

SINOSSI

“L'ipnotista” è un thriller poliziesco diretto dal regista svedese Lasse Hallstrom. Il film immerge lo spettatore negli splendidi e freddi paesaggi della Svezia e racconta la storia di un ispettore di polizia costretto a collaborare con un ipnotizzatore per risolvere l'omicidio di un'intera famiglia. Nonostante sia pieno di cliché del suo genere, rimane comunque un dramma attraente, sostenuto da performance forti e abbaglia nel suo finale glaciale alimentato dalla tensione.
Maria Rosaria Flotta
Laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul cinema d'animazione. Curiosa, attenta e creativa. Appassionata di cinema, arte e scrittura.

ARTICOLI RELATIVI

RIMANI CONNESSO

35,124FansLike
15,300FollowersFollow
2,248FollowersFollow

ULTIMI ARTICOLI