I miserabili è un film drammatico francese prodotto nel 2019, basato sull’omonimo cortometraggio di Ladj Ly, che sostanzialmente descrive la miseria quotidiana e l’ingiustizia nei tempi moderni dei cittadini di un quartiere francese. Il film è stato presentato in anteprima mondiale al Festival di Cannes il 15 maggio 2019 ed è stato distribuito in Italia il 18 maggio 2020 sulla piattaforma streaming MioCinema.it.

I miserabili

Coloro che inizieranno a guardare I miserabili in attesa di una rivisitazione del romanzo di Victor Hugo del 1862 avranno una grande sorpresa. Ma la scelta del titolo di Ly non è affatto casuale. Una parte del classico di Hugo si svolge proprio nel sobborgo parigino di Montfermeil, dove Ly è cresciuto e dove il film è ambientato. Il sobborgo soffre ancora di criminalità, miseria e un assortimento di altre questioni sociali e di classe che Ly si propone di ritrarre attraverso un obiettivo intensamente personale. Questo rappresenta il suo debutto alla regia di un lungometraggio e si presenta come un incrocio tra un documentario e il “Training Day” con Denzel Washington. Ma l’aspetto più sorprendente del film è quanto sia fedele alla realtà. Ly, infatti, ha dichiarato che il suo obiettivo era quello di raccontare della vita di questa comunità grintosa dal suo interno. Fin dall’inizio, la storia sembra autentica e saldamente radicata nei limiti spietati di una banlieue colpita dalla povertà. Il film si apre con astuzia mentre una massa di umanità si riunisce per le strade di Parigi per celebrare la Francia vincente della Coppa del Mondo 2018. Assistiamo persone di ogni razza, credo e colore, fianco a fianco, in uno stato di euforia condivisa. È un’immagine di felicità e armonia, l’immagine della Francia che i politici del paese amano idealizzare. Poi appare il titolo sullo schermo e Ly ci riporta rapidamente alla realtà, nel triste quartiere operaio di Montfermeil. Un luogo afflitto dalla violenza della polizia, dagli scontri etnici e dalle scarse opportunità.

I miserabili

Il regista ci introduce nel quartiere di Montfermeil con le sue fazioni e le sue bande. La nostra guida ignara di tutto questo è Stéphane (Damien Bonnard), il nuovo membro della brigata anticriminalità del quartiere. Scopre presto le tensioni tra i vari gruppi dopo essere stato accoppiato con due uomini, i cui metodi a volte risultano essere poco ortodossi. Stéphane è il bravo poliziotto di questa storia: gentile, educato e rispettoso, praticamente l’opposto di Chris (Alexis Manenti), un bullo sanguinante, il cui motto è “mai scusarsi”. Il suo partner Gwada (Djebril Zonga) li guida in giro e cerca di tenere Chris sotto controllo quando quest’ultimo inizia ad esagerare, ma di solito tende a tacere sul suo comportamento più casualmente violento. Mentre i poliziotti pattugliano la comunità chiacchierando con varie personalità di strada, un altro gruppo è spesso sullo sfondo: i bambini del quartiere. In realtà loro sono i veri protagonisti, le vere vittime e svolgono una varietà di ruoli necessari nel portare la storia alla sua fine combustibile. In particolare, un giovane di nome Issa (Issa Perica), un ragazzino di buon cuore ma abbastanza birichino che ha avuto chiaramente una brutta mano dalla vita. Diventa una pedina in una lotta di potere tra i tre poliziotti e un losco leader locale, noto come il Sindaco (Steve Tientcheu) che si prende cura di se stesso come un uomo d’affari. Il piccolo Issa manda in panico tutti gli adulti quando ruba un cucciolo di leone da un circo in visita. Mentre i poliziotti procedono in una ricerca quasi farsesca dell’animale, I miserabili ci accompagna in una corsa allegra attraverso questa complessa rete di relazioni. Ma quando Issa viene gravemente ferito da uno dei poliziotti e l’incidente viene catturato dalla telecamera di un drone di un altro bambino, la farsa finisce brutalmente. In un attimo, la dura realtà di disprezzo, odio e violenza che gli sbirri di solito nascondono dietro battute e insulti, emerge in superficie.

I miserabili

Come in molti film sugli sbirri è difficile distinguere il cliché dalla realtà. Probabilmente c’è qualche verità in quegli stereotipi, e anche se non lo è, non è difficile immaginare veri poliziotti che li riproducano, più o meno ironicamente. Quel che è certo è che Ly si affida a quelle formule precise per creare non tanto un ritratto documentario della Francia di oggi, quanto piuttosto una parabola o un’allegoria misurata sul paese. Nella sua struttura, I miserabili non nasconde somiglianze con “Fa’ la cosa giusta” (1989) di Spike Lee e “L’odio” (1995) di Mathieu Kassovitz che ha esplorato la volatilità razziale e culturale nei piani abitativi multietnici alla periferia di Parigi. In effetti, il film di Ly sembra un aggiornamento di quest’ultimo in più di un modo, ed esplode con lo stesso vigore, passione e realismo. Più precisamente, però, il film ricorda i disordini della vita reale del 2005, quando due giovani inseguiti dalla polizia a Clichy-sous-Bois morirono fulminati in una centralina elettrica. Il confronto è inevitabile, ma Ly lo rende anche abbastanza esplicito, fino a sembrare un memorandum o un avvertimento giustificato. A volte I miserabili assomiglia a un thriller poliziesco piuttosto standard, ma riesce a coinvolgere con il suo ritmo teso e frenetico. Ly, Manenti e il co-sceneggiatore Giordano Gederlini mantengono costante la temperatura e la suspense fino a quando sopraggiunge lo sconvolgente atto finale.

I miserabili

Molte delle trame che hanno successo funzionano grazie ai personaggi e alle esibizioni degli attori. Ogni interpretazione de I miserabili è eccellente, soprattutto da parte della polizia e del bambino che finisce per diventare il fulcro del film. Sfortunatamente, è l’unico bambino che riceve una vera caratterizzazione. Gran parte del tempo sullo schermo è dedicato agli sbirri e alle loro lotte interne ed esterne. Stéphane è spaventato e sconvolto da ciò che vede nel suo primo giorno di lavoro, mentre il collega Chris sembra essere il cattivo principale. Oltrepassa il suo potere più volte, urlando “Io sono la legge!”, come l’invocazione del giudice Dredd, celebre personaggio dei fumetti. A differenza di Dredd però, Chris non taglia una figura imponente e tale affermazione arriva quando Chris è al suo punto più debole, fisicamente e socio politicamente. Sebbene il dialogo rozzo di Chris sembri a volte un po’ troppo scritto, e alcuni dettagli della vita reale sulla vita a Montfermeil siano stati introdotti goffamente, il film riesce in gran parte a farci capire la dinamica di questo posto e quasi ad accettare questo status quo. Quando il film arriva al suo terzo atto, è veramente esplosivo. Il set cinematografico si svolge quasi interamente in una tromba di scale ed è un mix perfetto di azione, recitazione e narrazione. La tensione che ha costruito l’intero film si ribalta in una sequenza catartica ed elettrizzante. Il terzo atto alla fine riscatta tutta l’opera nella sua abilità e sensazione di essere sul campo che ricorda i migliori documentari di guerra, termina in un luogo viscerale che ti scuote e ti lascia con molto da meditare.

“Amici miei, tenete a mente questo: non ci sono né cattive erbe né cattivi uomini. Ci sono solo cattivi coltivatori.”

Victor Hugo, I miserabili (1862)

Voto Autore: 4 out of 5 stars

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *