HomeNewsCannes: le reazioni della stampa a The Damned

Cannes: le reazioni della stampa a The Damned

-

Oggi al Festival di Cannes è giorno di proiezione per The Damned del regista italiano Roberto Minervini. L’autore vive ormai da molto tempo negli Stati Uniti e presenta sulla Croisette il suo primo film fiction dopo vari documentari. Selezionato nella sezione Un Certain Regard, al termine della proiezione arrivano le prime reazioni da parte della stampa. The Damned racconta la storia di un gruppo di volontari dell’esercito nordista durante la Guerra di Secessione, nel 1862. Il tema ha destato in particolare l’attenzione della stampa statunitense. Il critico di The Hollywood Reporter, Jordan Mintzer, nella sua recensione parla di una fotografia che sembra rifarsi a quella di Lubezki in The Revenant. A livello tematico individua invece una continuità con il recente Civil War, seppur con toni molto meno netti e violenti. Per Variety il film presentato a Cannes rappresenta una novità nel modo di raccontare la guerra, tra documentario e fiction.

Cannes: si entra nel vivo

Dopo l’apertura del 14 con il film di Quentin Dupieux, ieri a Cannes ci sono state le prime proiezioni dei film delle varie categorie. Ma l’attenzione ieri era rivolta in gran parte verso Furiosa, presentato Fuori Concorso e con una grande reazione da parte del pubblico. Oggi è anche il giorno di Bird di Andrea Arnold, film molto atteso dopo Cow (stavolta il soggetto del film non è quello del titolo).

Ma il film più atteso in data odierna a Cannes è sicuramente Megalopolis (qui il trailer). L’ultima fatica di Francis Ford Coppola rappresenta anche il ritorno in contorno di uno dei registi più importanti della storia del cinema. Nella sezione Classics è prevista per oggi la presenza del regista e produttore ultranovantenne Frederick Wiseman con la proiezione del suo Law e Order film del 1969. Gli occhi dei cinefili di tutto il mondo continueranno a rivolgersi verso il Sud della Francia fino a sabato 25 maggio, data della fine del prestigioso festival.

ULTIMI ARTICOLI