Festival di Cannes 2022: lo svedese Ruben Östlund vince la Palma d’Oro

Festival di Cannes 2022, tra i vincitori anche l’Italia

Sabato 28 maggio si è conclusa la 75esima edizione del Festival di Cannes. A vincere la Palma d’Oro per la seconda volta è il regista svedese Ruben Östlund con il film Triangle of Sadness che Teodora Film distribuirà in Italia. Östlund vinse già nel 2017 l’ambito premio con il film The Square, poi candidato come Miglior Film Straniero agli Oscar. A premiare quest’anno una giuria presieduta dall’attore Vincent Lindon e composta da Jasmine Trinca, il regista Joachim Trier, il regista due volte Premio Oscar Asghar Farhadi, Ladj Ly, Jeff Nichols, Noomi Rapace, Rebecca Hall e l’attrice indiana Deepika Padukone. Nel palmarés quest’anno vi sono stati due ex-aequo: il Gran Premio della Giuria è andato a Close di Lukas Dhont e Stars at Noon di Clair Denis; il Premio della Giuria a Le Otto Montagne di Felix Van Groening e Charlotte Vandermeersch con Marinelli e Borghi e EO di Jerzy Skolimowski. Per la Miglior Regia premiato il maestro coreano Park Chan-Wook per il film Decision to Leave; per la Miglior Sceneggiatura Tarik Saleh per Boy from Heaven. Anche i fratelli Dardenne, ormai presenza fissa al festival, hanno ricevuto un premio per il loro ultimo film dal titolo Tori e Lokita. Miglior Attore e Miglior Attrice rispettivamente Song Kang-ho per il film Broker di Hirokazu Kore-eda e Zar Amir Ebrahimi per Holy Spider.

festival di cannes

Le otto montagne, il film con Marinelli e Borghi

Dicevamo che c’è anche un po’ di Italia nel palmarés del Festival di Cannes di quest’anno. Le Otto Montagne di Felix Van Groening e Charlotte Vandermeersch ha vinto il Premio della Giuria. Tratto dal libro Premio Strega di Paolo Cognetti, è prodotto da Mario Gianani e Lorenzo Gangarosa per Wildside; coprodotto con le belghe Rufus e Menuetto, Pyramide Productions e Vision Distribution. Il film con protagonisti Luca Marinelli e Alessandro Borghi racconta di una lunga amicizia iniziata nell’infanzia che la vita metterà a dura prova. E’ la storia di un legame profondo, vero e indissolubile, granitico come le montagne del titolo. Il film non ha ancora una data d’uscita, ma è solo questione di tempo e rivedremo sul grande schermo una delle coppie più amate del cinema italiano.

festival di cannes

Tiziana Panettieri
Tiziana Panettieri
E’ un amore di lunga data quello tra me e il cinema, cominciato con cult come Halloween, IT e L’Esorcista e alimentato negli anni con il meglio dell’horror e del cinema di genere. Ammetto, però, d’aver subìto il fascino del cinema asiatico, mediorientale e sudamericano. Sono onnivora, non mi precludo nulla senza aver prima provato.

ARTICOLI RELATIVI

ULTIMI ARTICOLI