Quando nel gennaio del 2010 la AMC ordinó il pilota di The Walking Dead non avrebbe immaginato un successo di tale rilevanza, anche se era facilmente intuibile. Il fumetto di Robert Kirkman aveva già un buon target di lettori e il regista Frank Darabont (“Il miglio verde”, “The Mist”) erano una garanzia con scarse possibilità di fallimento; bisognava solo bypassare e rinvigorire il filone zombie che aveva vissuto un naturale calo dopo l’exploit degli anni 70/80 con i film di Romero. Il rischio era calcolato, ma la cosa che stupì più di tutte fu l’immediato successo, grazie anche a movimenti di macchina vituosi e una regia inedita per una serie tv. La sceneggiatura curata da Darabont e Kirkman fu la classica ciliegina sulla torta, senza alcun dialogo superficiale, incalzante e mai monotona.

The Walking Dead
Il poster della prima stagione

Rick Grimes è vice sceriffo in una zona della periferia di Atlanta; durante un inseguimento viene ferito e va in coma; risvegliatosi il Mondo non è più come prima, l’ospedale è diventato un cimitero, ma i morti non sono sottoterra, vagano alla ricerca di carne umana. La stessa sorte degli esseri umani rimasti. La disperata ricerca della moglie e il figlio lo porta a spostarsi, finché non incontrerà un gruppo di sopravvissuti. Inizia così TWD: la prima stagione è di 6 puntate al cardiopalma, ma la prima puntata ha veramente superato tutti gli standard di una serie tv, fino al culminare dell’ultima scena dove il povero Rick si trova in un carro armato fermo, circondato da morti viventi e con una ricetrasmittente dove qualcuno lo chiama.

La scena finale della prima stagione si svolge all’esterno di un laboratorio CDC, dove i sopravvissuti speravano di trovare un antidoto e, come in ogni laboratorio che si rispetti, c’è uno scienziato pazzo che li condanna a morte, ma…

The Walking Dead
Rick e il gruppo nella settima stagione

Una delle particolarità di The Walking Dead è che si svolge in un universo dove non sono mai esistiti i film di Romero, colui che ha reso famoso il termine “zombie”, infatti nessun personaggio chiamerà mai così i morti viventi ma semplicemente “vaganti”.

Presto (dalla seconda stagione in poi) i cari estinti diventeranno sempre di più un contorno (anche per questo molti hanno mollato la serie) e i veri cattivi da affrontare saranno gli esseri umani, fatti di villain in carne e ossa:

  • Il Governatore a capo di una comunità, Woodbury, dove tutto sembra perfetto, un paradiso dove c’è una vita normale circondata da barriere. Il problema è che il loro leader è uno psicopatico che tiene la figlia morta incatenata in una stanza e la sua camera relax è composta da diversi acquari dove all’interno ci sono teste mozzate e viventi dei vaganti. Dopo diverse battaglie il gruppo di Rick avrà la meglio, ma non senza perdite importanti.
  • Shane, il migliore amico di Rick, che all’inizio lo protegge (mette una barella davanti alla sua stanza in modo che i vaganti non possano entrare), poi credendolo morto le tromba la moglie (vatti a fidare degli amici) e una volta ricicciato fuori Rick, comincia con lui una “lotta” per “la conquista della femmina” (che nel frattempo si scopre incinta, senza sapere se sia di Rick o Shane) che terminerà in una scena tragica.
  • Merle, fratello di Daryl, è un bullo un po cresciuto, leggermente incazzato perchè lasciato da Rick e gli altri sul tetto di un palazzo ammanettato (per salvarsi dovrà tagliarsi la mano), si unirà al Governatore ma alla fine si redimerà sacrificandosi per la salvezza del gruppo.
  • Jadis, comanda un gruppo che vive in una discarica, cambia spesso bandiera e ancora non si capisce da che parte stia, per ora è sparita insieme ad un Rick ferito e incosciente a bordo di un fantomatico elicottero (ma questi il carburante dove lo trovano???)
  • Gareth è cannibale e lo è tutto il suo gruppo di Terminus, chiamano la gente a loro promettendo salvezza per poi macellarli e metterli in frigo, pronti per essere meravigliose grigliate.
  • Negan, il cattivo per eccellenza, talmente cattivo che alla fine lo trovi pure simpatico. Sarà lui a darà un duro colpo al gruppo di Rick in una puntata che cambierà per sempre le sorti di tutti. Affiancato dalla fedele Lucille (una mazza da baseball con il filo spinato intorno, che prende il nome dalla leggendaria chitarra di B.B. King), spargerà sangue e terrore per diverse stagioni.
  • Gregory è un vigliacco e come tutti i vigliacchi è pericoloso. Si allea con Negan perché troppo debole per ribellarsi, farà la fine che merita.
  • I sussurratori, sono un gruppo di persone che si mettono addosso la pelle dei vaganti per confondersi con loro; vengono spesso confusi per morti viventi e quando meno te lo aspetti tirano fuori le armi e fanno stragi. Sono tutt’ora i cattivoni di turno con a capo hanno una donna, Alpha, che non si capisce se sia più brutta o più cattiva (in realtà Samantha Morton è l’attrice che ha interpretato Agatha in “Minority Report” ed è tutt’altro che brutta).
The Walking Dead
Foto ricordo a Terminus

Inutile invece fare la lista dei protagonisti, perché in ogni stagione ne cade qualcuno a tal punto che ne sono rimasti solo due della prima. Malgrado gli ascolti non siano più quelli di prima, si va avanti, ma oramai sembra che gli sceneggiatori vogliano solo allungare il brodo. La serie tv si è scostata completamente dal fumetto ed ora sono in programma un altro spin-off (il primo è stato “Fear the walking dead”) e dei film per le sale cinematografiche. Stanno spremendo il prodotto il più possibile ma sembra improbabile che riusciranno a tirare fuori ancora qualcosa di buono come le prime due stagioni.

Una menzione speciale bisogna dedicarla a Carl, il figlio di Rick, che nella serie a fumetti cresce e sopravvive al padre. Nella serie TV invece muore morso da un vagante mentre sta cercando di aiutare un ragazzo arabo che alla fine si rivelerà un abile medico. Carl è un personaggio particolare, propenso a creare la pace tra i vari gruppi ed è l’unico che tocca il cuore malato di Negan a tal punto che indirettamente gli salverà la vita.

Oramai i vaganti stanno sparendo dalla serie. L’unico cadavere barcollante rimane lo show, che sembrerebbe esalare gli ultimi respiri, pronto a crollare a terra, portando con se solo i fans accaniti.

Negan

Le riprese di The Waking Dead sono state fatte per la maggior parte ad Atlanta e dintorni.

Ospedale dove è ricoverato Rick

Rick cavalca verso Atlanta (poster della prima stagione)

Carrarmato dove si ripara Rick

Laboratorio CDC

La casa del Governatore