HomeNewsGeena Davis non approverebbe un remake di 'Thelma & Louise'

Geena Davis non approverebbe un remake di ‘Thelma & Louise’

Il 16 giugno in America ha avuto termine il Bentonville Film Festival. La kermesse cinematografica esprime come proprio intento la volontà di dar voce a comunità di narratori sottorappresentate. Tra i tanti partner spicca il nome del Geena Davis Institute on Gender in Media. L’organizzazione, fondata dalla celebre attrice, studia la rappresentanza di genere nei media e sostiene la pari rappresentanza di donne e uomini. La stessa attrice ha infatti partecipato per l’ennesima volta al Bentonville Film Festival, non solo come membro dell’organizzazione, ma anche come simbolo indiscusso di una lotta per un’industria cinematografica più egualitaria e moderna.

L’attrice, da sempre impegnata nelle cause di genere e da sempre dichiaratamente femminista, si è lasciata andare ai microfoni di IndieWire. Tra le numerose questioni affrontate e sollevate dalla Davis, la sua posizione in merito a un possibile remake di Thelma & Louise ha fatto molto eco negli ultimi giorni.

Le dichiarazioni della Davis

Geena Davis, ha insistito sul fatto che Hollywood, che ama i remake, farebbe meglio a tenere le mani lontane da questo film, perché aggiornare la storia sarebbe “inutile”.

“Beh, non deve mai essere rifatto”, ha confessato la Davis. “Voglio dire, sono passati più di 30 anni e regge più di altri. Non lo dico perché ci sono io, ma regge davvero. E non c’è bisogno di rivisitarlo. Che senso avrebbe? Secondo me”.

L’attrice ha poi dimostrato di essere una persona estremamente obiettiva e costruttiva. La sua filosofia è chiaramente quella del dialogo tra i generi e non del conflitto. La Davis ha infatti ribadito che per lei rimane un punto di orgoglio il fatto che uno dei classici cinematografici della femminista moderna, che ha scosso il dialogo nazionale sul genere, sia stato diretto da un uomo. Scott, al tempo noto soprattutto per due capolavori acclamati da pubblico e critica, come Alien e Blade Runner, si occupò del film dopo essersi assicurato che la sua casa di produzione acquistasse i diritti per 500.000 dollari.

“È per questo che dico sempre che un uomo ha diretto Thelma & Louise. Voglio dire, non per promuovere gli uomini”, ha scherzato Davis con l’outlet. “Ma per far capire che se le donne possono dirigere qualsiasi cosa, allora anche gli uomini possono dirigere qualsiasi cosa. Basta avere il cuore in pace. Ridley è in realtà molto femminista, e ci sono molte donne che lavorano con lui. Ridley Ama e rispetta le donne”.

Difficile contraddire l’attrice anche di fronte al suo encomio nei confronti del grande regista. D’altronde bisogna sempre pensare che una delle prime grandi eroine della storia del cinema rimane e sempre rimarrà Ellen Ripley.

Riccardo Brunello
Riccardo Brunello
Il cinema mi appassiona fin da quando ero un ragazzino. Un amore così forte che mi ha portato ad approfondire sempre di più la settima arte e il mondo che la circonda. Ho un debole per i film d’autore e per il cinema orientale, ma, allo stesso tempo, non riesco a fare a meno di un multisala, un secchio di popcorn, una bibita fresca e un bel blockbuster.

ULTIMI ARTICOLI