Se si guarda alla carriera di Steven Spielberg, non si troveranno molte commedie nel senso stretto della parola, solo toni più chiari della fantasia e dell’avventura. Eppure The Terminal, non pubblicizzato dallo studio o dal regista stesso come una commedia diretta, è comunque uno dei film più divertenti del maestro della suspense e della fantascienza, con una vivacità e un fascino che non si vedono in “Minority Report” o in “A.I. – Intelligenza Artificiale”, ma che forse si possono riscontrare in “Prova a prendermi” del 2002. Uscito nel 2004, il film è il racconto di un pesce fuor d’acqua deliziosamente stravagante con un protagonista particolarmente frizzante interpretato da Tom Hanks, che dà vita alla situazione dell’apolide Viktor Navorski, la cui caricatura di un uomo qualunque dell’Europa orientale è quasi da cartone animato, ma senza offendere o ridicolizzare nessuno. Sebbene il film indichi delicatamente l’immigrazione e il fascino dell’America in un mondo post 11 settembre, rimane ottimista concentrandosi sul colorato tentativo di Viktor di integrarsi nel suo nuovo mondo.

The Terminal

The Terminal si svolge interamente in un aeroporto di New York che diventa un set cinematografico straordinario: un terminal realizzato magistralmente dal nulla, costruito dallo scenografo Alex MxDowell. È un paese delle meraviglie creato su misura per il maestro della fotografia Janusz Kaminski, che gli fornisce una spettacolare gamma di trame, dettagli e luci caleidoscopiche. Pieno di una folla convincente di comparse, è un vivace microcosmo della vita americana: capitalismo, ansia dei consumatori, aggressioni alla pubblicità, sovraccarico di informazioni, cercapersone, fast food, tensione post 11 settembre e frappucini. Le telecamere di Kaminski evitano in modo acrobatico i turisti, i viaggiatori, i dipendenti, i funzionari della sicurezza e gli immigrati che si arrampicano gli uni sugli altri alla ricerca di biglietti, souvenir, informazioni, sesso, alcool, un lavoro… Spielberg fa cadere Viktor Navorski (Tom Hanks) nel mezzo di questo acquario, uno straniero che viene a New York per una missione segreta e poi lo imprigiona lì. In una scena di rivelazione che induce al panico, Navorski apprende dalle televisioni aeroportuali che la sua casa, la Krakozhia (paese immaginario) ha subito un colpo di stato militare. Senza essere in grado di parlare inglese, Viktor viene informato che il suo paese ha invalidato tutti i passaporti krakozhiani. Definito così “cittadino del nulla”, il capo della sicurezza aeroportuale, Frank Dixon (Stanley Tucci) gli ritira il visto e lo costringe a vivere in un limbo.

The Terminal

Confinato nell’area di transito internazionale dell’aeroporto, Viktor non può né entrare a New York né tornare a casa, e deve in qualche modo sopravvivere. Pertanto, allestisce la sua nuova casa, stringendo amicizia con i vari dipendenti dell’aeroporto e guadagnando qualche moneta radunando carrelli di bagagli abbandonati per comprare cibo. Per molti versi, la storia è più interessata all’influenza che Viktor ha sugli altri, piuttosto che sulla sua situazione personale. Ad esempio, il motivo per cui ha intrapreso il viaggio non viene rivelato fino a molto più avanti nel film, quindi la sua integrazione negli standard di questa nuova cultura apertamente commerciale agisce come uno specchio per il pubblico che si interroga su ciò che diamo per scontato. Quello più infastidito della presenza di Viktor è Dixon che vuole sbarazzarsi di lui offrendogli anche diverse possibilità di fuga illegale, ma Viktor dimostra di essere il cittadino rispettoso della legge per eccellenza e rifiuta, facendo tutte le cose giuste durante la sua permanenza in aeroporto. Man mano che impara l’inglese, si abitua ai pasti del fast food e viene addirittura assunto come appaltatore per la società che allestisce il nuovo terminal, Viktor diventa un pilastro nella vita dei dipendenti dell’aeroporto, facendo breccia anche nel cuore di un’assistente di volo, Amelia (Catherine Zeta-Jones).

The Terminal

Vagamente ispirato alla storia vera di Mehran Nasseri, un iraniano britannico che ha vissuto per ben 18 anni nel Terminal 1 dell’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi, è chiaro il motivo per cui la storia ha preso la fantasia di Spielberg che – come sempre- si concentra sull’aspetto umano della situazione. Il racconto suona una chiara sintonia con la sua sensibilità preferita: un personaggio innocente, convenzionalmente ordinario che fa i conti con una nuova e strana circostanza. È un dramma, una commedia solida, curata nei minimi dettagli, con una splendida colonna sonora realizzata da John Williams che sembra divertirsi con il materiale e fornisce una composizione sobria con piccoli sobbalzi di malinconia e gioia frequente. Certo, The Terminal è anche particolarmente sentimentale, ma funziona perché non nasconde mai il suo ottimismo. Potrebbe sembrare abbastanza leggero e spensierato, ma contiene un messaggio molto forte sull’attesa, la capacità di adattamento, la perseveranza e sui desideri. Con grazia, gentilezza, ingegno, integrità e un’umanità inarrestabile, Viktor Navorski dimostra come dobbiamo vivere se vogliamo trovare la nostra strada in questo mondo sempre più disumanizzante.

Voto Autore: 4 out of 5 stars

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *