martedì, 26 Ottobre, 2021

The Mauritanian: recensione, trama e cast

The Mauritanian recensione del film di Kevin Macdonald con Jodie Foster, Benedict Cumberbatch e Tahar Rahim disponibile su Prime Video

The Mauritanian è un film del 2021 approdato in Italia direttamente sulla piattaforma Prime Video. Il film è basato sul libro di memorie di Mohamedou Ould Slahi e racconta la sua lotta per la libertà e la giustizia dopo essere stato trattenuto per 14 anni senza nessuna accusa nel campo di detenzione di Guantanamo Bay.

Jodie Foster, Benedict Cumberbatch e Tahar Rahim interpretano in modo convincente i loro ruoli in questo avvincente dramma legale post 11 settembre diretto dal regista scozzese Kevin Macdonald, vincitore del Premio Oscar per il miglior documentario nel 2000 per la regia di “Un giorno a settembre”.

The Mauritanian Prime Video

The Mauritanian trama del film da vedere su Prime Video

The Mauritanian inizia nel 2002 in Nord Africa, un paio di mesi dopo la caduta delle Torri Gemelle. Mohamedou Ould Slahi (Tahar Rahim), un uomo mauritano dagli occhi sorridenti, è stato arrestato dalle autorità statunitensi. Viene portato a Guantanamo Bay con l’accusa di un presunto coinvolgimento con Al Qaeda. Le uniche prove equivalgono al fatto che suo cugino lo abbia chiamato dal numero di cellulare di Osama Bin Laden. Il film, a questo punto, si frattura rapidamente in tre fili.

L’avvocato Nancy Hollander (Jodie Foster), irritata dalla difficile situazione di Slahi, prende il suo caso. Tenace paladina dei diritti, la Hollander sostiene che Slahi stia affrontando la pena di morte senza alcuna prova o senza nessun equo processo. Dal lato opposto, il governo degli Stati Uniti, porta avanti l’accusa con il tenente colonnello Stuart Couch (Benedic Cumberbatch) che è alla disperata ricerca di qualsiasi tipo di sospettato a cui attribuire l’11 settembre. L’entità del coinvolgimento in Al Qaeda non è mai soddisfacentemente inchiodata dal film, ma ciò che viene mostrato con sicurezza è la vergognosa misura a cui si sono spinte le autorità americane per estorcergli informazioni.

The Mauritanian Prime Video

The Mauritanian storia vera

È facile capire perché Kevin Macdonald sia stato attratto dall’argomento di The Mauritanian. La sconvolgente storia vera di Mohamedou Ould Slahi che ha trascorso 14 anni sbattuto nel centro di detenzione della base navale statunitense di Guantanamo Bay senza essere mai accusato di alcun crimine, si inserisce perfettamente nella timoneria di un regista che è volato tra documentari brillanti come “Un giorno a settembre” e avvincenti resoconti romanzati di atrocità storiche, come “L’ultimo re di Scozia”.

The Mauritanian inizia lentamente, lasciando spazio allo scetticismo del pubblico nei confronti di Slahi mentre intreccia più linee temporali con un effetto un po’ disorientante. Ma la storia prende slancio man mano che procede e, alla fine, è decisamente avvincente.

Nelle serie televisive americane siamo abituati a vedere personaggi duri che usano tecniche estreme per ottenere informazioni. Ma non è assolutamente nulla in confronto a quello che vediamo qui e quello che Slahi ha dovuto subire. Dall’annegamento simulato al rapporto sessuale forzato, i metodi hanno lo scopo di spezzare i prigionieri, ma possono altrettanto efficacemente distruggere la nostra fiducia nel sistema.

The Mauritanian Prime Video

The Mauritanian recensione del film su Prime Video

Nel corso delle oltre due ore del film, arriviamo a entrare in empatia con quest’uomo, che Rahim interpreta con una gentilezza non comune. La maggior parte delle persone nei suoi panni sarebbe indignata. Invece, Slahi prega, esegue le sue abluzioni, fugge in flashback su sua moglie e sulla sua famiglia, e cerca di stabilire qualsiasi tipo di connessione con i suoi rapitori. E poi c’è la grande Jodie Foster. In un certo senso questa Nancy Hollander che incontriamo in The Mauritanian è una Clarice Starling più anziana e matura de “Il silenzio degli innocenti”.

La Foster ha trent’anni in più, ma insieme a qualche pallida risata, abbiamo ancora le labbra sottili e serrate. Con i suoi capelli d’argento ha la stessa determinazione d’acciaio che emerge dai suoi occhi azzurri. Gli stessi pronunciamenti concisi su ciò che è giusto e su ciò che è sbagliato, la severa capacità inflessibile di vagliare le bugie raccontate dalle persone.

Il film non è particolarmente originale o realizzato in modo creativo. Ci sono buoni e cattivi. Ai prigionieri sbattuti a Guantanamo mancano la mamma, il mare e il calcio. Ma alla fine la struttura tradizionale del film funziona, soprattutto grazie ad una sceneggiatura formidabile che si intreccia dentro e fuori dal passato. Il direttore della fotografia Alwin H. Kuchler getta uno sguardo devastante sull’azione che spesso si muove attraverso l’oscurità metaforica.

Il montaggio di Justine Wright trova ritmi grotteschi per le sequenze di tortura che comunque fanno un nobile lavoro nel comunicare in modo abbastanza spaventoso come i prigionieri siano stati trattati dalle autorità competenti. Pochi spettatori si ritroveranno non coinvolti durante la visione di The Mauritanian. Un film commovente da vedere su Prime Video che ci ricorda che non servono campane e fischietti per raccontare bene una buona storia.

PANORAMICA RECENSIONE

regia
soggetto e sceneggiatura
interpretazioni
emozioni
Maria Rosaria Flotta
Laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul cinema d'animazione. Curiosa, attenta e creativa. Appassionata di cinema, arte e scrittura.

ARTICOLI RELATIVI

RIMANI CONNESSO

35,124FansLike
15,300FollowersFollow
2,244FollowersFollow

ULTIMI ARTICOLI