martedì, 26 Ottobre, 2021

Ragazze interrotte

Ragazze interrotte è un film drammatico del 1999 diretto da James Mangold, basato sul libro di memorie più venduto della scrittrice Susanna Kaysen dove raccontava i suoi anni da adolescente, trascorsi in un istituto psichiatrico. Il film mette in discussione i confini tra la reclusione e la libertà, l’amicizia e il tradimento, la follia e la sanità mentale in un momento in cui sembrava che anche il mondo intero stesse impazzendo.

Ragazze interrotte

Il libro di memorie del 1993 di Susanna Kaysen sulla sua permanenza in un ospedale psichiatrico alla fine degli anni ’60 è una storia di scoperta di sé che, di base, non è la cosa più facile da filmare. Il suo diario presenta una difficile sfida per l’adattamento cinematografico, poiché non solo è scritto in modo episodico che salta nel tempo, ma integra anche commenti nitidi sull’adolescenza femminile, i valori della famiglia borghese, l’uso e l’abuso dell’autorità da parte della professione medica. Tuttavia, lo scrittore e regista James Mangold con il suo film Ragazze interrotte è riuscito a creare una storia lineare che mette a fuoco le esperienze della protagonista senza relegare completamente gli altri personaggi al margine. Winona Ryder interpreta Susanna, una diciannovenne il cui comportamento scontroso e difficile ha convinto i suoi genitori della classe medio-alta della sua malattia mentale. Confusa, insicura e sconcertata dai costumi in rapida evoluzione della società americana nel 1967/68, durante la guerra del Vietnam, Susanna sembra essere come molti altri adolescenti. Ma quando i suoi genitori scoprono che aveva preso un’intera confezione di aspirina, presumibilmente per sbarazzarsi di un mal di testa, ma che di fatto sembrava un comportamento suicidario, la esortano a vedere uno psichiatra. Dopo un breve incontro, senza un momento di esitazione o di dubbio, le viene diagnosticato un disturbo borderline della personalità e viene ricoverata all’ospedale di Claymoore. Nel corso del film, le scene vanno avanti e indietro nel tempo e denotano molti particolari su Susanna. Viene rivelata una relazione con il suo insegnante di liceo, la sua mancanza di interesse per il college e le sue speranze di diventare una scrittrice.

Ragazze interrotte

Dopo l’entrata a Claymoore, Susanna fa amicizia con molte ragazze del reparto. Ciascuna con un una malattia diversa: anoressia, bulimia, menzogne patologiche, omosessualità, solo per citarne alcune. Trattare con le ragazze adolescenti permette a Ragazze interrotte un nuovo punto di vista, deviando bruscamente dai classici film di Hollywood sulle donne con malattie mentali (di solito casalinghe) come “La fossa dei serpenti” (1948) e “La donna dai tre volti” (1957). Tuttavia, una volta che Susanna arriva al manicomio, il film assume un percorso più convenzionale. Gran parte della narrazione è ambientata nei confini del reparto, incentrato sulle interazioni di Susanna e nella sua crescente amicizia con le altre detenute. La cricca di eccentriche comprende Lisa (Angelina Jolie), un’affascinante sociopatica che ha trascorso anni in manicomio con ripetute fughe e ritorni, Daisy (Brittany Murphy), la classica “figlia di papà” viziata, con una predilezione patologica per il pollo da rosticceria e lassativi e, infine, Polly (Elisabeth Moss), una vittima il cui volto sfregiato è in netto contrasto con il suo cuore sensibile. Come previsto in tali filati, c’è un’infermiera benevola, Valerie (Whoopi Goldberg) che fa amicizia con Susanna e la riporta alla realtà ogni volta che quest’ultima si impegna in una condotta folle, o meglio, “sognante”, come dice lei. Vanessa Redgrave appare in tre scene, nei panni del capo psichiatra, le cui sessioni con Susanna toccano alcune delle questioni più affascinanti del film, come l’etichettatura arbitraria della società sulla normalità e la follia e il doppio standard per quanto riguarda la sessualità adolescenziale femminile.

Ragazze interrotte

Winona Ryder e Angelina Jolie offrono esibizioni memorabili. Il bagliore oscuro della Ryder con i suoi occhi grandi ed espressivi, suggerisce sia i demoni che tormentano Susanna, sia la sorpresa di atterrare in una struttura mentale senza capire appieno il perché. La sua intelligenza sottile la rende perfetta per un ruolo in cui il viaggio del personaggio è più interno che esterno. La Lisa della Jolie, invece, è tutta impegnata a spingere forte contro la vita per evitare di fissare le proprie responsabilità. Sostituendo il glamour con un’intensità energetica e irradiando una minaccia, soprattutto per i meno capaci di gestirlo. Ha meritato indubbiamente di vincere l’Oscar come miglior attrice non protagonista nel 2000. Insieme offrono due stili di recitazioni contrastanti, ma giocano abilmente e funzionano bene. Come si addice all’ambientazione, i valori di produzione sono privi di ornamenti, in particolare le immagini di Jack N. Green, l’affidabile direttore della fotografia di Clint Eastwood, che conferisce alla storia un aspetto ruvido, ma nitido. Le pareti dell’istituto sono bianche, le camere sono nude. Il design dettagliato di Richard Hoover e i costumi appiccicosi di Arianne Phillips contribuiscono a un’accurata ricreazione della fine degli anni ’60, evidenziata anche da canzoni popolari dell’epoca. La colonna sonora contiene brani classici e, di solito, c’è quasi sempre una televisione in sottofondo, che mette in risalto notizie importanti e pubblicità di quel periodo. Questa raffica assicura che non venga mai dimenticato il contesto storico.

Ragazze interrotte

La follia e i film sono spesso un accoppiamento perfetto, eppure Ragazze interrotte non tenta di esplorare adeguatamente i fattori scatenati della depressione o degli altri comportamenti in mostra, neanche i percorsi per il trattamento sono seriamente studiati. Esistono rappresentazioni stereotipate di medici, infermieri e personale delle istituzioni mentali. I terapisti hanno divani da cui i pazienti raccontano i loro segreti, il personale effettua costantemente controlli di routine, trattiene, seda e mette in isolamento nel caso qualche paziente dovesse alzare troppo il gomito. Nonostante questo, il film contiene notevoli sviluppi sulla confusione post-adolescenziale, specialmente nel contesto del suo periodo di tempo. Si sottolinea che, negli anni ’60, tutti sembravano impazzire e le norme comportamentali delle generazioni precedenti stavano rapidamente perdendo terreno. Mangold non lo evidenzia in maniera così esplicita, probabilmente rendendosi conto che il pubblico è abbastanza intelligente da capirlo senza bisogno di aiuto. Il regista non rende neanche affascinanti le malattie mentali, una trappola in cui sono caduti alcuni cineasti quando hanno avuto a che fare con alcuni tipi di personaggi. Lisa, in particolare, avrebbe potuto facilmente essere una sorta di ribelle antieroina, ma invece è una vera sociopatica, il cui comportamento di spirito libero nasconde una spietata amoralità. Ciò che manca in questo film, molto probabilmente, è l’umorismo oscuro dell’autrice e le intuizioni rivelatorie nel discutere il suo calvario, ma nonostante questo si rivela essere uno sguardo spiritoso e insolitamente chiaro nella vita dell’universo parallelo del reparto psichiatrico. Il film ha il cuore nel posto giusto pur essendo a volte troppo superficiale per ottenere punti drammatici onesti.

Voto Autore: [usr 3,5]

Maria Rosaria Flotta
Laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul cinema d'animazione. Curiosa, attenta e creativa. Appassionata di cinema, arte e scrittura.
Articolo precedenteLittle Forest
Prossimo ArticoloIdentità

ARTICOLI RELATIVI

RIMANI CONNESSO

35,124FansLike
15,300FollowersFollow
2,244FollowersFollow

ULTIMI ARTICOLI