HomeRecensioni FilmLupin III - Il castello di Cagliostro: recensione 

Lupin III – Il castello di Cagliostro: recensione 

-

Lupin III – Il castello di Cagliostro (ルパン三世 カリオストロの城 Rupan Sansei: Kariosutoro no shiro) è un film anime del 1979 diretto e co-scritto dal maestro dell’animazione giapponese Hayao Miyazaki. Il film è tornato come evento speciale al cinema solo il 4, 5, 6 marzo.

Il mitico incontro tra due leggende: l’estro creativo di Monkey Punch (il disegnatore di Arsenio Lupin III) e la geniale regia di Hayao Miyazaki si fondono insieme per un risultato che soddisferà a pieni voti tutti gli amanti del ladro gentiluomo.

Il film segna anche l’esordio di Miyazaki come regista in un lungometraggio, dopo aver diretto diverse serie televisive anime, tra cui Le avventure di Lupin III.

La pellicola è stata, anche, candidata al premio Saturn Award (premio assegnato alle migliori opere di fantascienza, fantasy e horror) 1981 come miglior film internazionale.

Lupin III

Lupin III – Il castello di Cagliostro- Trama

Lupin III: Il Castello di Cagliostro’ è un’avventura imperdibile per i fan di Miyazaki. In questa nuova trasposizione cinematografica del nostro ladro gentiluomo più famoso al mondo, l’audace Arsenio Lupin mette a segno una rapina in un casinò di Monte Carlo. Ma, quando scopre che il suo bottino non è altro che un mucchio di banconote contraffatte, Lupin fa risalire il denaro a un malvagio conte del piccolo paese di Cagliostro. Con i suoi fidati compagni Jigen e Goemon, Lupin si reca a Cagliostro. Mentre Lupin cerca di svelare i segreti del conte, si ritrova coinvolto in un mistero più grande.

Lupin III

Non passa molto tempo prima che i complici vengano coinvolti in un complotto più ampio. Dopo aver notato che una giovane donna che sfreccia in macchina è inseguita da un gruppo di uomini sospetti, Lupin e Jigen si uniscono allo spettacolare inseguimento in macchina che sfida la gravità, solo una delle tante sequenze d’azione memorabili. Si scopre che questa giovane donna, Clarisse, è l’amata principessa di Cagliostro e suo cugino, il sinistro Conte, la sta costringendo a sposarlo in modo che possa cercare di trovare il leggendario tesoro nascosto di Cagliostro.

Ad unirsi a Lupin in questa avventura, oltre al tiratore scelto Jigen, è il loro alleato, lo spadaccino Goemon. Anche altri personaggi abituali del franchise come Fujiko Mine (conosciuta anche come Margot) a volte alleata altre spietata doppiogiochista, così come l’ispettore Zenigata, entrano in azione.

Lupin III – Il castello di Cagliostro: Recensione

Creato dall’artista giapponese Monkey Punch per la sua serie manga serializzata lanciata nel 1967, Lupin III è il nipote del immaginario ladro gentiluomo del romanziere francese Maurice Leblanc Arsène Lupin. Il fascino del Lupin di Miyazaki è che, in definitiva, è un ladro esperto con dei principi: più un ibrido James Bond-Robin Hood rispetto ad altre incarnazioni del personaggio. E non puoi fare a meno di credere che entrambi riusciranno a realizzare un’impresa inimmaginabile e alla fine faranno ciò che è giusto.

Miyazaki ha impresso Il castello di Cagliostro con la sua sensibilità artistica e il suo umorismo energico. Oltre a rappresentare un eroe più valoroso, il film include fondali meravigliosamente dipinti della natura e un’architettura impressionante.

Questa trasposizione di Lupin III è riuscita a realizzare qualcosa di impressionante rispetto a tutti gli altri adattamenti del ladro gentiluomo: è rimasta una delle incarnazioni più conosciute e memorabili dell’amato personaggio per oltre 40 anni. 

Il castello di Cagliostro è un’avventura divertente e visivamente sbalorditiva, che racchiude in sè tematiche di netta importanza quali l’avidità personale e la corruzione politica.

Unica due note dolenti sono da te dal fatto che il film si presenta tematicamente scarno rispetto ad alcuni dei lavori successivi di Miyazaki e il fatto che la figura femminile incarnata da Clarisse non sia niente più che una semplice damigella in pericolo è un po’ deludente. Ma dentro di lei si intravedono barlumi dell’indipendenza che sono arrivati ​​a definire molte delle ragazze protagoniste di Miyazaki (La città incantata, Il castello errante di Howl, ecc). Anche il fatto che Fujiko ne Il castello di Cagliostro sia raffigurata come un’abile spia e ladra che opera da sola aiuta.

Lo sviluppo del personaggio di Lupin visto da Miyazaki

Attraverso la struttura della storia, Miyazaki presenta una battaglia altamente simbolica tra il bene e il male, la luce e l’oscurità, il giorno e la notte. La luce è senza dubbio l’innocente Clarisse, mentre l’oscurità è molto chiaramente il Conte. Lupin, ovviamente, rappresenta la via di mezzo tra i due, in parte come ladro e in parte eroe romantico. 

Il modo in cui si svolge la trama definisce lo status di antieroe di Lupin. Dopotutto, all’inizio della storia voleva derubare il castello, ma poi si ritrova impegnato a salvare la principessa. Ma alla fine, anziché lasciarsi andare completamente dalla parte della luce, dove scapperebbe con Clarisse, la lascia e prosegue sulla sua strada di criminale in fuga dal commissario Zenigata.

L’interpretazione di Lupin da parte di Miyazaki sembra un precursore dell’Indiana Jones di Spielberg. Entrambi i personaggi uniscono l’avventura, la commedia, il romanticismo e la suspense come mai prima d’ora.

Il Castello di Cagliostro: avventura nella sua forma più pura

I cento minuti de Il castello di Cagliostro è un esempio di virtù narrativa cinematografica con soluzioni spettacolari.

Sequenze come quella iniziale, l’inseguimento in macchina o, naturalmente, lo straordinario duello finale nella torre dell’orologio, sono l’emblema di quelle che sarebbero state le successive opere del maestro Miyazaki.

Lupin III

Per ogni situazione pericolosa che ci costringe ad aggrapparci al bracciolo della sedia, ce n’è un’altra che ci fa gridare per l’ilarità di tutto ciò.

In conclusione

Lupin III: Il castello di Cagliostro è un punto d’incontro imprescindibile per chiunque si dichiari amante dell’animazione. Mostra lo straordinario inizio di un corpus di opere davvero impressionanti che ci avrebbe regalato il maestro Hayao Miyazaki. Segni di un’immaginazione distinta e fertile che sarebbe fiorita in capolavori come La principessa Mononoke e Il mio vicino Totoro. Il castello stesso è una meraviglia da vedere, un precursore degli altri castelli che definiranno molti dei film di Miyazaki.

Lupin III

Miyazaki fa un uso sorprendente di Lupin III e in esso trova la sua più diretta esplorazione dell’avventura.

Trailer

PANORAMICA

Regia
Soggetto e Sceneggiatura
Interpretazioni
Emozioni

SOMMARIO

Lupin III: Il Castello di Cagliostro' è un'avventura imperdibile per i fan di Miyazaki. In questa nuova trasposizione cinematografica del nostro ladro gentiluomo più famoso al mondo, l'audace Arsenio Lupin mette a segno una rapina in un casinò di Monte Carlo. Ma, quando scopre che il suo bottino non è altro che un mucchio di banconote contraffatte, Lupin fa risalire il denaro a un malvagio conte del piccolo paese di Cagliostro. Con i suoi fidati compagni Jigen e Goemon, Lupin si reca a Cagliostro. Mentre Lupin cerca di svelare i segreti del conte, si ritrova coinvolto in un mistero più grande.
Laura Pavanello
Laura Pavanello
Con la fantasia si può fare il più spettacoloso viaggio che sia consentito ad un essere umano". E questo per me è il cinema, il mio oggetto di studi, la mia passione, ma soprattutto il luogo dove i sogni diventano realtà.

ULTIMI ARTICOLI

Lupin III: Il Castello di Cagliostro' è un'avventura imperdibile per i fan di Miyazaki. In questa nuova trasposizione cinematografica del nostro ladro gentiluomo più famoso al mondo, l'audace Arsenio Lupin mette a segno una rapina in un casinò di Monte Carlo. Ma, quando scopre che il suo bottino non è altro che un mucchio di banconote contraffatte, Lupin fa risalire il denaro a un malvagio conte del piccolo paese di Cagliostro. Con i suoi fidati compagni Jigen e Goemon, Lupin si reca a Cagliostro. Mentre Lupin cerca di svelare i segreti del conte, si ritrova coinvolto in un mistero più grande. Lupin III - Il castello di Cagliostro: recensione