HomeCapolavoriKillers of the Flower Moon di Martin Scorsese, la recensione

Killers of the Flower Moon di Martin Scorsese, la recensione

Presentato alla 76ª edizione del Festival di Cannes, Killers of the Flower Moon è l’ultimo lavoro del grande regista italo-americano Martin Scorsese. Tratto dall’opera saggistica dell’acclamato giornalista David Grann, il film è un lungo viaggio nell’America degli anni venti, ancora fortemente segnata dall’ingiustizia sociale, dalla diseguaglianza e soprattutto dal violento accanimento verso le popolazioni native della parte occidentale del continente.

Per narrare questa lunghissima epopea Martin Scorsese ha chiamato a raccolta quelli che sono gli attori feticci della prima e seconda parte della decennale carriera del regista: Robert De Niro e Leonardo DiCaprio.

Killers of the Flower Moon è nelle sale italiane dal 19 ottobre grazie a O1 Distribution. In seguito il film vedrà rilascio su Apple TV+.

Killers of the Flower Moon: trama

Stato dell’Oklahoma, anni venti: sotto il terreno appartenente ai nativi Osage vi è un immensa quantità di petrolio. Non appena la notizia fa il giro della zona, molti Osage spariscono misteriosamente o vengono trovati brutalmente assassinati. Ad indagare sulla scia di violenza causata dalla scoperta dell’oro nero giunge l’agente dell’FBI Thomas Bruce White Sr. (Jesse Plemons).

Questo fa subito cadere i suoi sospetti su Ernest Burkhart (Leonardo DiCaprio), un uomo di ritorno dalla prima guerra mondiale sposato con un donna di origine indiana di nome Mollie (Lily Gladstone), e suo zio William Hale (Robert De Niro) uno spietato proprietario agricolo che da molti anni aveva messo gli occhi proprio sui terreni degli Osage.

killers of the flower moon
Mollie e Ernest

Killers of the Flower Moon: una storia di avidità e potere americano

In un mondo che da poco si è affacciato al ventesimo secolo e che vede con le grandi estrazioni petrolifere e le automobili i primi segni di un progresso imminente, gli istinti primordiali rimangono però ancora le correnti che spingono maggiormente il grande mare nel quale nuota la società americana. L’avidità è di certo la madre di queste correnti, avidità che porta i pesci più grandi a nutrirsi voracemente dei più piccoli per accrescere sempre di più la propria taglia, dominando così incontrastati.

Killers of the Flower Moon, attraverso il magnate William Hale e suo nipote, racconta in maniera esplicita una storia di omicidi e soprusi dei “bianchi” delle popolazioni Osage per l’appropriazione dei terreni a loro appartenenti. Non esiste empatia verso donne, anziani e bambini in questo mondo trainato dal denaro, poco importa che questo sia candido o macchiato dal sangue degli innocenti.

Martin Scorsese ci riporta in un epoca lontana, ma per certi aspetti ancora molto vicina. Una famiglia e una comunità che sembrano subire l’ira di Dio, ma che invece non sono altro che vittime di una realtà corrotta dal Dio denaro, sono al centro di questo epico e meraviglioso racconto. Una regia pulita, di respiro negli esterni e profondamente dettagliata negli interni, Scorsese continua a far scuola di cinema, dimostrando di essere ancora uno dei maestri indiscussi di quest’arte. Un film tecnicamente ineccepibile, la cui grandezza è certamente esaltata da una capacità di narrazione che lascia esterrefatti.

killers of the flower moon
Un immagine tratta dal film

Non solo De Niro-DiCaprio, ma anche una straordinaria Gladstone

La bravura e il talento illuminate di Robert De Niro e Leonardo DiCaprio non sono certo una novità, e anzi ci hanno fortunatamente accompagnato negli ultimi cinquant’anni di storia del cinema. Ma in Killers of the Flower Moon davanti alla performance della (quasi) sconosciuta Lily Gladstone possiamo certamente urlare a gran voce: “A star is Born!”.

Questo trio eccezionale porta sullo schermo Inferno, Paradiso e Purgatorio a cui ognuno sarà destinato. De Niro interpreta il male puro, privo di qualunque scrupolo e benevolenza, anche nei confronti della propria famiglia. Mollie è una donna circondata da predatori spietati, che però, per via della sua ingenuità, non riesce a percepire. Di Caprio è qui invece un uomo in bilico, attirato al “lato oscuro” da uno zio che egli vede come onnipotente, ma che allo stesso tempo combatte per via dell’amore che lo unisce a Mollie.

William Hale

In conclusione

Martin Scorsese aggiunge un altro capolavoro alla propria carriera. Killers of the Flower Moon è un masterpiece moderno che si annovera sicuramente tra i migliori film usciti nelle sale da molti anni a questa parte. Il racconto è appassionante e coinvolgente, le oltre 3 ore e 20 volano in un battito di ciglio e non sono per nulla eccessive, ma anzi sono essenziali per colpire tutti i punti che l’opera aveva chiaramente puntato.

Il talento e l’arte non hanno certo un età, e De Niro e il suo regista lo gridano forte e chiaro in questo film, che brutte sorprese permettendo li premierà sicuramente con qualche candidatura ai prossimi premi Oscar. Una cosa è certa, Scorsese a ottant’anni ha ancora bisogno del cinema per esprimersi in tutto il suo io, ma è altrettanto vero che il cinema ha ancora tanto bisogno di Scorsese.

Killers of the Flower Moon: trailer

PANORAMICA

Regia
Soggetto e sceneggiatura
Interpretazioni
Emozioni

SOMMARIO

In un anno difficile per il cinema e per i grandi autori Martin Scorsese ne esce vittorioso. Killers of the Flower Moon è un vero capolavoro.
Davide Secchi T.
Davide Secchi T.
Cresciuto a pane e cinema, il mio amore per la settima arte è negli anni diventato sempre più grande e oltre a donarmi grandissime emozioni mi ha accompagnato nella mia maturazione personale. Orson Welles, Ingmar Bergman, Akira Kurosawa e Federico Fellini sono gli autori che mi hanno avvicinato a questo mondo meraviglioso.

ULTIMI ARTICOLI

In un anno difficile per il cinema e per i grandi autori Martin Scorsese ne esce vittorioso. Killers of the Flower Moon è un vero capolavoro.Killers of the Flower Moon di Martin Scorsese, la recensione