Moulin Rouge!

“Libertà, Bellezza, Verità e Amore” sono gli ideali degli artisti bohèmien, quelli ribelli e sognatori della sfavillante Parigi fin de siècle. Ed è tra questi che il giovane Christian (Ewan McGregor), scrittore inglese, romantico e squattrinato, si trova d’improvviso catapultato dopo il suo arrivo in città. Conosce Toulouse-Lautrec (John Leguizamo), pittore celebre ed instancabile viveur, amante della vita notturna parigina e frequentatore assiduo del Moulin Rouge, il licenzioso tempio del can can.

Moulin Rouge!
Benvenuti al Moulin Rouge!

E’ qui che Christian s’innamora della ballerina più bella e desiderata: il “diamante splendente” Satine (Nicole Kidman) che detesta essere una cortigiana e sogna un giorno di diventare una vera attrice. Combattuta tra il corteggiamento dello scrittore e le attenzioni del duca di Worchester, facoltoso e malvagio mecenate pronto a tutto pur di possederla, Satine si scoprirà innamorata di Christian ma il fato avverso non permetterà ai due amanti di coronare il loro sogno romantico. La tisi incurabile di Satine li dividerà e allo scrittore non rimarrà che affidare la sua tragica storia d’amore alle pagine di un romanzo.

Moulin Rouge!
Ewan McGregor è lo scrittore

Quando vent’anni fa Moulin Rouge! uscì nelle sale cinematografiche lo si considerò quasi all’unisono un capolavoro. Il regista Baz Luhrmann, qualche anno prima aveva già sbalordito pubblico e critica con lo scatenato Romeo + Giulietta (1996), trasposizione moderna della celebre tragedia shakespeariana nella quale Capuleti e Montecchi, in una coloratissima Verona Beach, se le danno di santa ragione a tempo di musica pop, guerreggiando con scintillanti armi da fuoco. Con Moulin Rouge! il cineasta australiano compie un’opera ancor più audace e in quello che è un film apertamente ispirato a “La traviata”, la celebre opera lirica di Verdi, trasporta una tragica storia d’amore settecentesca in una Parigi irreale e fiabesca che pare ispirarsi a quella di George Méliès.

Moulin Rouge!
Una meravigliosa Nicole Kidman è Satine

Luhrmann mescola il melodramma al musical, la musica con la pittura, il teatro con il cinema, giungendo ad una meravigliosa accozzaglia (così come farà nello stesso periodo Quentin Tarantino, con “Pulp Fiction“, altro regista riflullatore di generi).
Il teatro in particolar modo è una sorta di ossessione per il regista ed il suo primo e vero amore. Ballroom – Gara di ballo (1992), il film d’esordio di Luhrmann è tratto da un suo spettacolo teatrale e con i successivi Romeo + Giulietta e Moulin Rouge! realizza la cosiddetta trilogia del sipario, termine che lascia ben intendere la potente contaminazione teatrale presente nei tre film. Ed è un sipario di velluto rosso quello che si apre poco prima che Moulin Rouge! abbia inizio. Un sipario oltre il quale si assiste ad un tripudio di colori (il rosso è quello predominante), di luci, musiche e danze che catturano lo spettatore e lo conducono in un’atmosfera visionaria, psichedelica nella quale tutto pare possibile, anche possedere un gigantesco elefante di strass come alcova (quella di Satine) che sovrasta la città di Parigi.

Moulin Rouge!

Ed è sulla cima dell’ elefante che Christian e Satine si dichiarano il loro amore, a suon di celebri pezzi pop, con l’incantevole Elephant love medley. La colonna sonora, struttura portante del film, è composta da frammenti di brani pop e rock contemporanei, completamente rivisitati e che sono spesso il mezzo attraverso il quale i personaggi esprimono i loro sentimenti in un vertiginoso gioco di specchi continuo tra arte e vita, spettacolo e realtà.

Anche lo stile cinematografico del film è volutamente frenetico e convulso. La macchina da presa, all’interno delle inquadrature si muove spesso con un’incredibile velocità: si avvicina e si allontana ai personaggi, alle loro facce, ai loro corpi, ai lustrini e ai merletti dei loro abiti in una sorta di danza vorticosa che stordisce lo spettatore quasi come la dose consueta di assenzio di Toulouse-Lautrec

L’amore dei due protagonisti nello sguardo e nel sorriso

Uscito nelle sale cinematografiche nel 2001 Moulin Rouge! è presto considerato un ottimo esempio di film postmoderno soprattutto per la contaminazione dei generi e per l’originale rivisitazione del musical, il genere cinematografico che all’inizio del nuovo secolo era stato messo un po’ da parte. Con Moulin Rouge! Baz Luhrmann ne segna il ritorno e il regista grazie al clamoroso successo del film entra a far parte di quell’Olimpo di autori dal quale sembrava impossibile poter precipitare.

La tragica fine di Satine

Con le opere successive invece Luhrmann sembra piombare a terra. Compie una sorta di virata, abbandona la passione per il cinema “teatrale” e insegue la strada del kolossal con Australia (2008) che vede nuovamente la Kidman come protagonista. Qualche anno dopo si cimenta con l’adattamento cinematografico del celebre romanzo di Francis Scott Fitzgerald Il grande Gatsby (2013) Qualcosa è inesorabilmente cambiato. Se il talento registico di Lhurmann è di fatto immutato i film, entrambi melodrammi sentimentali vecchia maniera, non possiedono più quella potenza figurativa ed espressiva delle pellicole precedenti.

Voto Autore: [usr 5,0]

Mariana De Angelis
Laureata in storia e critica del cinema con una tesi sul cinema classico hollywoodiano. Amante del cinema di genere con un'insana passione per l'horror, soprattutto quello americano di serie b.

Articoli Relativi

Maradona by Kusturica

È stato un miracolo. Un miracolo che la terra non sia balzata fuori dal proprio asse, quando più di un miliardo di persone hanno...

Elegia Americana

Ron Howard torna in sala. O meglio, ci sarebbe tornato se questo maledetto 2020 non avesse chiuso i cinema di mezzo mondo impedendo anche...

Rebecca

Rebecca non è soltanto il titolo di un film pubblicato da Netflix in questo infausto 2020, ma è anche, e soprattutto, un romanzo gotico...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

rimani connesso

26,014FansMi piace
15,600FollowerSegui
3,007FollowerSegui

Ultimi Articoli

Netflix: David Lynch regista di Wisteria

Circolano da ore voci insistenti sul web che affermano che  David Lynch girerà una nuova serie intitolata Wisteria per Netflix, le cui riprese dovrebbero iniziare a...

Ron Howard girerà Thirteen Lives in Australia

Ron Howard girerà il suo prossimo film Thirteen Lives a marzo in Australia. La sceneggiatura del nuovo lungometraggio del regista di Elegia Americana, è...

Maradona by Kusturica

È stato un miracolo. Un miracolo che la terra non sia balzata fuori dal proprio asse, quando più di un miliardo di persone hanno...

Elegia Americana

Ron Howard torna in sala. O meglio, ci sarebbe tornato se questo maledetto 2020 non avesse chiuso i cinema di mezzo mondo impedendo anche...

Top Gun: Maverick è privo di green screen

Durante un'intervista promozionale a Men's Journal, l'attore Miles Teller,  protagonista insieme a Tom Cruise di Top Gun: Maverick, ha parlato delle scene d'azione ed ha spiegato...

10 giorni con Babbo Natale, online il trailer ufficiale

Amazon Prime Video ha diffuso il trailer di 10 giorni con Babbo Natale, il sequel di 10 giorni senza mamma, diretti entrambi da Alessandro...