Distribuito in Italia dalla 01 Distribution, Bombshell – La voce dello scandalo sarebbe dovuto uscire nei cinema a fine marzo 2020, ma a causa dell’emergenza Coronavirus, l’uscita è avvenuta lo scorso 17 aprile sulla piattaforma streaming Amazon Prime Video. Diretto da Jay Roach, il film è un docudrama vivace e scabro, una meticolosa cronaca quasi ossea che racconta di come Megyn Kelly, una delle ancore stellari della Fox News (interpretata da Charlize Theron), e Gretchen Carlson (Nicole Kidman), conduttrice del programma “Fox & Friends”, hanno abbattuto il lascivo magnate titano di destra, Roger Ailes (John Lithgow), rivelando il vero sistema di molestie sessuali che usava per gestire la sua rete.

Bombshell - La voce dello scandalo

Con una drammatica ricostruzione degli eventi che hanno portato all’espulsione di Roger Ailes dalla Fox News nel luglio 2016, Bombshell – La voce dello scandalo si dimostra un film efficace, solo leggermente ostacolato dalla semplice cronologia della sceneggiatura che favorisce un approccio tradizionale e didascalico, rispetto a qualcosa di più sperimentale, spontaneo o inventivo. Tuttavia, il regista Jay Roach gestisce gli attori e la sceneggiatura in modo competente, suscitando forti performance da alcune delle sue star di alto profilo, mantenendo un ritmo deciso. Il film si apre con Charlize Theron che indossa protesi che alterano i suoi abituali lineamenti con convincente sottigliezza, rendendola tagliente e simpatica, una sparatutto con la durezza di un diamante. Sebbene la sua trasformazione in questo film non sia così consumante come quella del 2003 con “Monster” (per il quale ha vinto anche un Oscar), tutte le vestigia dell’attrice sono immerse nel suo ritratto di Megyn Kelly. Ha l’aspetto, il linguaggio del corpo e la voce. Ancora più importante, diventa il personaggio, piuttosto che una semplice imitazione. Nicole Kidman e John Lithgow sono ugualmente forti, anche se in ruoli secondari. L’Ailes di Lithgow è un predatore inquietante i cui ciondoli possono essere sbiaditi, ma la cui paranoia e l’amore per il potere non lo sono affatto. Alla Kidman non viene dato molto da lavorare con la sceneggiatura, che è sottile quando si tratta di sviluppare la personalità della Carlson, ma cattura comunque l’essenza del suo alter ego. Margot Robbie, invece, ha il vantaggio di interpretare un personaggio immaginario, che le permette un po’ di latitudine nello sviluppo di Kayla.

Bombshell - La voce dello scandalo

Il regista è interessato a descrivere come le donne della Fox hanno affrontato la costante presenza di molestie. Bombshell – La voce dello scandalo, infatti, intreccia abilmente le loro storie, spostandosi dall’una all’altra e viceversa, mentre tutte vengono attratte nello stesso vortice. Il film rimbalza tra le trame ampiamente distinte delle sue tre protagoniste. Megyn è coinvolta in una faida con Donald Trump dopo aver denunciato il suo trattamento verso le donne durante le primarie del Partito repubblicano; Gretchen, non più a favore di Ailes, si sta stufando di essere messa in secondo piano e organizza il suo contrattacco. Mentre Kayla sta imparando a “negoziare” la sua carriera con la Fox News entrando e uscendo dall’ufficio di Ailes. Il montaggio di Jon Poll dona al film una furia cinetica, replicando tutti gli effetti che il denaro, il potere e il privilegio possono portare. La telecamera sfreccia attraverso gli uffici della Fox News, mentre la conduttrice Megyn Kelly spiega come Ailes usasse le gambe delle donne come mezzo per attirare gli uomini sul canale di notizie h24 (ecco perché le scrivanie delle giornaliste sono sempre trasparenti). I percorsi delle tre protagoniste si incrociano solo una volta, in una scena bellissima e silenziosa, quando condividono un giro in ascensore, denso di tensione drammatica e sguardi laterali. Anche se alcuni incidenti e momenti sono stati inventati, l’atmosfera di un luogo di lavoro in cui sono state consumate molestie è inequivocabilmente fedele alla vita.

Bombshell - La voce dello scandalo

La sceneggiatura, firmata da Charles Randolph, vincitore di un Oscar per “La grande scommessa” (2015), integra filmati d’archivio per dare alla storia un forte senso di credibilità. Bombshell – La voce dello scandalo ha una verosimiglianza finemente strutturata, selvaggiamente precisa. La maldicenza dell’ufficio, l’ambizione e il tradimento più freddi del ghiaccio, i segreti offensivi sospesi nell’aria come fumo di gomma bruciata. Tutto ciò dà al film l’eccitazione di pettegolezzi infusi con lo psicodramma. Nella seconda parte, mentre entrano in gioco gli elementi più sobri, il film si calma. Adotta l’aspetto di un documentario, mentre la colonna sonora di Theodore Shapiro rimane minima. Un coro di voci femminili si alza e diminuisce, in sintonia con chi parla e chi non lo fa. Quando incontri allegri prendono una svolta sinistra, un silenzio assordante scende, rendendo quei momenti ancora più difficili da guardare. Theron, Kidman e Robbie, ciascuno nei panni di un personaggio che si sente orribilmente compromesso dalle molestie che le hanno incatenate, creano un triumvirato liberatorio di coraggio sotto il fuoco. Il film celebra la forza delle loro azioni individuali senza eroizzare le persone dietro di loro. Insieme, lanciano una bomba molto grande e il mondo sta ancora vacillando dalla ricaduta. Carlson è la prima a farsi avanti, intentando una causa contro Ailes in cui afferma di averla licenziata dopo aver respinto le sue avance. Le accuse di Kelly arrivano dopo e, alla fine, le porte si aprono completamente. Ed è profondamente soddisfacente vedere svelare la rete di potere di Ailes, mentre la performance di Lithgow diventa una danza sul filo del rasoio di rabbia e paura. Eppure, il film ci mostra anche il costo che questa lotta ha portato.

Bombshell - La voce dello scandalo

Non vengono fatti tentativi di “umanizzare” Ailes. Fin dall’inizio viene percepito come un utente e un manipolatore, sequestrato all’interno del suo dominio protetto, con il diritto di chiedere alle giovani aspiranti donne della rete di alzarsi la gonna. La sua sfacciataggine rimane incontrollata e lui rimane sicuro di essere intoccabile. Lithgow che, nella vita reale, è uno degli attori più divertenti, rende Ailes un despota ironico delle sue qualità da orco, con un barlume di vulnerabilità che lo rende solo più spaventoso. Parlando con un’aspirante giovane “talento” come Kayla, si mostra gentile, paterno e un buon ascoltatore. Parla di ciò che richiede ai suoi dipendenti, cioè la “lealtà”. Ma quella è una parola che in codice vorrebbe dire “ti possiedo” o, più precisamente, “ti possiedo se vuoi essere in televisione”. Dice a Kayla di alzarsi e fare una giravolta per lui, ma poi quando le chiede di sollevare la gonna un po’ più in alto, sempre più in alto, la Robbie ci fa sentire l’agonia, l’imbarazzo e tutto quello che sta accadendo dentro di lei. È una scena atroce, ma il dramma è senza fiato. Con Bombshell – La voce dello scandalo, grazie in gran parte al contributo dei suoi attori, Roach ha realizzato un film avvincente. Sfortunatamente però, con poco spazio per sfumature o dettagli, manca la profondità necessaria per renderlo più di una dissezione superficiale di importanti rivelazioni sulle molestie sessuali.

Voto Autore: 2.5 out of 5 stars

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *