HomeNewsThe Holdovers – Lezioni di vita, in arrivo l’ultimo film di Alexander...

The Holdovers – Lezioni di vita, in arrivo l’ultimo film di Alexander Payne

-

Dal 18 gennaio 2024 sbarcherà nelle sale italiane con Universal Pictures l’ultimo film del celebre regista Alexander Payne, The Holdovers – Lezioni di vita, un intenso racconto sull’improbabile amicizia tra un professore di storia, severo e scontroso, e un suo allievo dalla personalità problematica.

Autore di Nebraska e di Paradiso amaro, il vincitore del Premio Oscar Alexander Payne con questo sua ultima pellicola porta sul grande schermo un cast di notevole rilevanza in cui figurano un ispirato Paul Giamatti (Sideways – In Viaggio con Jack, Cinderella Man – Una ragione per lottare) e l’attore emergente Dominic Sessa, nei ruoli dei protagonisti, insieme a Da’Vine Joy Randolph nei panni di un’eccentrica cuoca.

The Holdovers – Lezioni di vita, trama

Paul Hunham è un professore di storia antica della Barton Academy, una scuola privata del New England, non molto apprezzato dai suoi allievi per i suoi metodi didattici eccessivamente rigidi. Per disposizione del preside, Paul è costretto a rimanere nell’istituto alla vigilia di Natale con il compito di sorvegliare gli alunni che non possono ritornare a casa durante le festività. Tra questi spicca Angus Tully, un ragazzo di grande intelligenza ma anche molto problematico a causa del difficile rapporto con la madre. Sotto l’effetto della magia natalizia, inaspettatamente tra il professore scontroso e l’allievo ingestibile nascerà una profonda amicizia capace di addolcire gli animi di entrambi. Non sono però i soli a rimanere bloccati nel campus, con loro ci sarà anche Mary Lamb, la cuoca della scuola che ha deciso di soggiornare nella Barton Academy perché è l’ultimo posto dove ha trascorso del tempo con suo figlio, scomparso da poco.

The Holdovers - Lezioni di vita

Le dichiarazioni dell’attore esordiente Dominic Sessa

In una recente intervista Dominic Sessa, che esordisce con la commedia di Alexander Payne, spiega quanto sia stato importante per la sua carriera aver collaborato con due grandi interpreti: “Con Paul, ovviamente conoscendo il suo lavoro – l’ho visto in tutto quello che ha fatto in passato – ma finalmente essere sul set con lui, semplicemente osservando come lui e Da’Vine, il modo in cui prendono appunti e il modo in cui sono in grado di rispondere a ciò che Alexander chiede, e proprio i piccoli trucchi che usano con la fotocamera e la loro consapevolezza, queste sono le cose su cui stavo prendendo appunti. Ovviamente, quando sei nella scena e ti concentri devi esserci, ma per me è stata una scuola di cinema, una scuola di recitazione, davvero. Semplicemente guardandoli nelle loro scene, potevo restare indietro e sperimentarlo, ed era così speciale.”

Alessia Pennino
Alessia Pennino
Il cinema ha sempre rappresentato per me il rifugio perfetto dalle vicissitudini quotidiane, un porto sicuro dalla realtà, ma anche la dimensione ideale in cui sogni e desideri prendono forma. Ho sempre coltivato un interesse profondo per quest'espressione artistica, immaginandomi un giorno di scrivere recensioni per poter esprimere il mio punto di vista.

ULTIMI ARTICOLI