HomeNewsSarah Polley e l'esilarante pesce d'aprile della figlia

Sarah Polley e l’esilarante pesce d’aprile della figlia

-

Sarah Polley e il pesce d’aprile della figlia

Sarah Polley, regista e sceneggiatrice americana, vincitrice del premio Oscar 2023 alla Miglior Sceneggiatura non Originale per il film Women Talking, sembra aver ricevuto una lettera intimandole di restituire l’Oscar. A quanto pare, il premio, era destinato a Niente di Nuovo sul fronte Occidentale. La donna è rimasta scioccata dal messaggio dell’Academy arrivato proprio il 1° d’aprile 2023. Nello stesso giorno la figlia ha successivamente rivelato che si trattava di uno scherzo da lei organizzato come pesce d’aprile. La regista divertita ha deciso di condividere la lettera sui social affermando che la bambina di 11 anni avrebbe “fatto il passo più lungo della gamba“:

Cara Sarah Polley è con il più profondo rammarico la avvisiamo che il premio Oscar da lei ricevuto è stato assegnato per errore, per questo dovrebbe restituirlo. Le diamo ancora una settimana per goderene la presenza nella sua casa. Trascorso questo periodo di tempo dovrebbe rispedirlo a LA, dove lo daremo alla Miglior sceneggiatura non originale: Niente di nuovo su Fronte Occidentale“.

Sarah Polley

Women Talking: trama

Women Talking, diretto da Sarah Polley è l’adattamento dell’omonimo romanzo scritto da Miriam Toews. Il lungometraggio è stato rilasciato nelle sale l’8 marzo 2023, in occasione della festa della Donna. Quest’ultimo celebra l’importanza di dare alle donne l’opportunità di parlare ed essere ascoltate.

Un gruppo di donne che appartiene a una comunità religiosa isolata e rigida, subisce ogni tipo di sopruso, maltrattamento e violenza sessuale da parte dei loro uomini. Queste donne si troveranno un giorno a dover fare una scelta decisiva: non fare niente, restare e combattere o andare via. La scelta più importante della loro vita. Dovranno però confrontarsi con l’ostacolo più grande, la loro profonda Fede. Ma il bisogno di giustizia e di non subire e non far subire alle proprie figlie tutta quella violenza, le aiuteranno a reagire e affrontare la lotta“.

Lucrezia Lugli
Lucrezia Lugli
La passione per il cinema mi ha accompagnato dall’infanzia all’età adulta, ma ho impiegato più del previsto a capire che sarebbe diventata la mia strada. Guardo ogni genere di contenuto da film a serie tv, questo comprende anche i più grandi successi delle piattaforme streaming.

ULTIMI ARTICOLI