sabato, 23 Ottobre, 2021

Resistance – La voce del silenzio

La capacità dell’attore statunitense Jesse Eisenberg di scegliere il suo ruolo nei film confina con l’impareggiabile. Sebbene la sua popolarità si sia forse leggermente sbiadita dai tempi di “Benvenuti a Zombieland” (2009) e “The Social Network” (2010), quasi tutti i suoi film da allora valgono le loro aspirazioni e sono interessanti nella loro esecuzione. Per fortuna, Resistance – La voce del silenzio, scritto e diretto dal venezuelano Jonathan Jakubowicz, non è diverso. Il film segue Marcel Marceau, interpretato appunto da Eisenberg, nei giorni precedenti al raggiungimento del suo status di più grande mimo della storia umana. I primi passi nella raffinazione della sua arte, vengono rapidamente interrotti dall’avvicendarsi dello spettro del nazismo. Mentre la sua nativa Francia è invasa dai tedeschi, Marceau si unisce alla Resistenza, lavorando per garantire la sicurezza dei bambini ebrei rimasti orfani in tutta Europa.

Resistance - La voce del silenzio

Il film inizia con Elsbeth (la stella nascente Bella Ramsey che abbiamo già avuto modo di vedere in “Judy“), una ragazza ebrea tedesca la cui pacifica infanzia viene bruscamente distrutta quando i soldati tedeschi uccidono i suoi genitori. Insieme ad un gruppo di altri orfani, viene portata in Francia da alcuni volontari che si prendono cura di loro, ma nessuno sa effettivamente come rispondere al loro grande trauma. Rimproverato di non occuparsi mai di nessuno tranne che di se stesso, Marcel, macellaio locale e aspirante attore che non viene mai preso sul serio, decide di unirsi al gruppo di supporto. La sua routine di clown/mimo improvvisata è esattamente ciò che è necessario per rompere il ghiaccio con i bambini, soprattutto quando si aggira la barriera linguistica. Le sue capacità di intrattenitore lo aiutano a trasportare i bambini dagli orrori del mondo reale in semplici fantasie. Durante queste scene potrebbe sembrare preoccupante il fatto che stiamo vivendo un’esperienza molto sdolcinata col fine di mascherare una guerra agli occhi innocenti dei bambini – come accade in alcune scene de “La vita è bella” o di “Jakob il bugiardo” – ma il regista fortunatamente evita di calcare troppo la mano. Il resto del film segue la sua drammatica iniziazione alla Resistenza, i suoi tentativi di rendere le cose difficili per occupare le forze guidate dal famigerato Klaus Barbie e la decisione di Marcel di servire meglio il suo popolo portando al sicuro i bambini fuori dalla Francia attraverso le Alpi, oltre il confine con la Svizzera.

Resistance - La voce del silenzio

Resistance – La voce del silenzio, per sua natura, è costretto a bilanciare il fatto di essere un dramma, un thriller, una storia d’amore e una commedia in varie occasioni. Come molti racconti storici, il film si snoda in alcuni punti e talvolta manca del coraggio che un adattamento meno fedele avrebbe potuto raggiungere. D’altra parte, sebbene sappiamo che Marcel sopravviverà, non abbiamo tali rassicurazioni su tutti gli altri personaggi e, la consapevolezza che parte di ciò che vediamo è accaduto a persone reali, rende le scene più oscure molto più difficili da digerire. I momenti più tesi del film sono accompagnati da Klaus Barbie – il famoso “macellaio di Lione” – interpretato da Matthias Schweighfer, mentre impiega le sue spietate tattiche nel tentativo di sradicare la Resistenza. La sua pura disumanità a volte potrebbe rivelarsi un po’ troppo cinematografica se non fosse che tutto è basato in modo così agghiacciante alla realtà. La sua performance che combina brutalità con uno strano tipo di innocenza, è uno dei ritratti più inquietanti di una vera figura nazista. Jakubowicz ha realizzato ciò che ogni regista che raffigura i nazisti si sforza di fare, ma che la maggior parte fallisce – li ha resi di nuovo terrificanti.

Resistance - La voce del silenzio

Sebbene non assomigli molto allo storico Marceau, Eisenberg fa un ottimo lavoro nel catturare i suoi manierismi (compresi quelli visti solo fuori dal palco) e adatta facilmente il suo stile distintivo alla routine del mimo, che si estendono oltre le performance comiche per insegnare ai bambini come usare le capacità di recitazione fisica per eludere il rilevamento, oltre a mantenerli calmi in situazioni intensamente pericolose. Contrabilanciando la sua energia tipicamente nervosa con l’immobilità di un funambolo, l’attore ricrea la capacità di Marceau di produrre intere realtà dal nulla. Oppure, come citato nel film: “Rendere l’invisibile, visibile. E il visibile, invisibile”. Un talento e un’abilità molto utile, soprattutto quando stanno cercando di nascondersi dai nazisti, mimetizzandosi tra i rami degli alberi.

Resistance - La voce del silenzio

Resistance – La voce del silenzio non è un film perfetto, il suo racconto cronologico è piuttosto semplice e, a volte, risulta essere anche troppo didascalico, ma è avvincente e, soprattutto, non si può criticare il suo intento. È pulito e sincero in tutte le sue scelte e non si appoggia mai troppo duramente a un momento per provare a scriverlo per la massima emozione. Sa quando fare rumore e sa quando è meglio tacere, raffinatamente mostrando invece di dire. È un buon antidoto contro l’assalto senza fine dei film di guerra, in quanto mostra, più della maggior parte dei film, la profonda relazione tra l’individuo e il collettivo durante i periodi di conflitto. Marcel Marceau ha visto la decimazione del suo popolo su scala storica. Ha compreso il valore della prossima generazione. Ha capito che era più importante salvare le loro vite piuttosto che mettersi a uccidere gli altri. Marceau raggiunse la grandezza molto prima della fama e della fortuna. Questo è decisamente un film che ci ricorda che comunità, perseveranza e risate sono fondamenti per sopravvivere a un avversario mortale. Marceau è senza dubbio un eroe, ma assistere alle interazioni tra le sue azioni eroiche e la sua stessa progressione come artista dà al film un vantaggio che pochi altri hanno nel suo genere.

PANORAMICA RECENSIONE

regia
soggetto e sceneggiatura
interpretazioni
emozioni

SINOSSI

Un film avvincente, pulito e sincero che segue Marcel Marceau nei giorni precedenti al raggiungimento del suo status di più grande mimo della storia umana. Mentre la sua nativa Francia è invasa dai tedeschi, Marceau si unisce alla Resistenza, lavorando per garantire la sicurezza dei bambini ebrei rimasti orfani in tutta Europa.
Maria Rosaria Flotta
Laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul cinema d'animazione. Curiosa, attenta e creativa. Appassionata di cinema, arte e scrittura.
Articolo precedenteNormal People
Prossimo ArticoloSomeone Great

ARTICOLI RELATIVI

RIMANI CONNESSO

35,124FansLike
15,300FollowersFollow
2,243FollowersFollow

ULTIMI ARTICOLI