HomeNewsProfondo Rosso, il capolavoro di Dario Argento torna in sala

Profondo Rosso, il capolavoro di Dario Argento torna in sala

-

Era l’anno 1975 quando nelle sale usciva Profondo Rosso, un film destinato a cambiare per sempre non solo la carriera di un giovane Dario Argento ma anche la storia del cinema italiano. Sinonimo del genere thriller-horror, Profondo rosso ha terrorizzato, e continua a terrorizzare, milioni di persone in tutto il mondo. Regia, colonna sonora ed effetti speciali resistono al lungo passare del tempo, e anzi, come accade per i prodotti di alta qualità, questi sembrano migliorare a ogni cambio di calendario.

Purtroppo però, per i nati dopo gli anni ’70 l’esperienza della visione di quest’opera è stata limitata al “semplice” schermo televisivo, almeno fino ad ora. Dal 10 Luglio infatti, Profondo rosso torna nelle sale italiane in una nuova versione restaurata in 4K. A un anno di distanza da Occhiali neri, Dario Argento torna nei cinema, questa volta però con un suo grande classico. Un occasione da non lasciarsi sfuggire, una serata da brividi da vivere tutta d’un fiato.

profondo rosso
Un immagine tratta del film di Dario argento

Perchè Profondo rosso ha ancora molto da insegnare agli horror moderni?

Punto saldo per molti autori contemporanei, Profondo rosso è una di quelle opere che, nonostante le difficoltà produttive e budget limitati, grazie alla sua genialità nella messa in scena riesce a risultare talmente credibile da riempire gli occhi di paura e terrore. Gli omicidi, la costruzione della tensione fino alle esplosioni di violenza, tutto è costruito in maniera certosina da un Dario Argento al massimo della sua forma. Effetti digitali, jumpscare, esplosioni sonore: Profondo rosso al contrario di molti horror moderni non ha bisogno di questi trucchi meccanici e che poco hanno di artistico. L’opera di Argento vive di pure immagini, immagini che mostrano una Torino cupa e spaventosa, che sembra avere poco a che vedere con quella città che un tempo era la dimora dei re.

Suspiria, Inferno, Phenomena, sono certamente film eccezionali, ma Profondo rosso è il primo vero capolavoro del regista Argento, l’opera che lo ha elevato a maestro del genere e lo ha fatto conoscere al mondo intero.

Davide Secchi T.
Davide Secchi T.
Cresciuto a pane e cinema, il mio amore per la settima arte è negli anni diventato sempre più grande e oltre a donarmi grandissime emozioni mi ha accompagnato nella mia maturazione personale. Orson Welles, Ingmar Bergman, Akira Kurosawa e Federico Fellini sono gli autori che mi hanno avvicinato a questo mondo meraviglioso.

ULTIMI ARTICOLI