HomeNewsPer i suoi 30 anni, Se7en tonerà restaurato!

Per i suoi 30 anni, Se7en tonerà restaurato!

-

Se7en, il neo-noir/thriller di David Fincher con Brad Pitt, Morgan Freeman, Kevin Spacey e Gwyneth Paltrow, il prossimo anno compirà 30 anni. Per l’occasione, il regista affiancato dal capo del team post-produzione, Peter Mavromates, ha optato per un incredibile restauro in 8K.

A partire dal negativo originale della macchina da prese Se7en è stato scansionato dalla Warner Bros Motion Picture Imaging. Anche tutte le correzioni del colore, i ritocchi e i VFX sono stati resi in 8K. Tuttavia, poiché attualmente non esiste una catena di distribuzione per l’8K, il film è stato sottoposto a un downsampling in 4K. Proprio questa versione venerdì scorso al celebre TCL Chinese Theatre di Los Angeles.

Per la fortuna degli occhi di molti fan, il film Se7en sarà distribuito in 4K Blu-ray dalla Warner Bros.

- Pubblicità -

Qui potete trovare 10 curiosità sul film.

David Fincher ai Microfoni di IndieWire

David Fincher ai microfoni di IndieWire ha parlato delle difficoltà incontrate durante il processo di restauro di Se7en.

Alcuni aspetti sono spettacolari, altri sono cose che oggi cambierei o aggiusterei, ma non ho voluto fare confusione. Ci sono molte imperfezioni che non si vedono sulla pellicola. Quando si dice di amare l’aspetto della pellicola, si parla di caos, entropia e morbidezza. Ora, naturalmente, viviamo in un mondo HDR in cui è possibile ottenere gratuitamente questo tipo di neri profondi, ricchi e vellutati. Abbiamo dovuto negoziare la linea sottile tra cosa aggiustare e cosa no. Così abbiamo cercato di tornare indietro e di sistemare il tutto per farlo combaciare. E di riverniciare le cose, eliminando le macchie d’acqua e le piccole sbavature dei bordi. E in alcuni casi è impossibile farli combaciare, sicuramente secondo gli standard odierni.

Fincher aggiunge:

- Pubblicità -

Quindi c’è stato molto da scavare. Non mi ero reso conto che ci sarebbe voluto così tanto tempo, almeno sei mesi per gestire i file e prendere appunti, e forse gli ultimi nove mesi o un anno per accantonare alcune cose mentre finivamo “The Killer” e facevamo il lavoro iniziale su “Panic Room”, che è quello su cui stiamo lavorando ora.

Come è stato girato Se7en?

Il direttore della fotografia Darius Khondji ha girato Se7en nel centro di Los Angeles, per lo più sotto la pioggia. Il film è stato realizzato in Super 35 con cineprese Panavision e lenti sferiche Primo in 2.39. Khondji ha quindi utilizzato una combinazione di Steadicam e riprese a mano, creando un’estetica moderna e spaventosa, in accordo con Fincher. Per gli interni, ha utilizzato l’illuminazione dall’alto e le lanterne cinesi per ottenere un aspetto morbido, grintoso e umido.

Tutti aspetti che nel momento creativo sono estremamente visionari, soprattutto per il carattere visivo ibrido che donano all’opera, ma che in fase di restauro accrescono le difficoltà.

Questo non ha impedito al lato maniacale e perfezionista di David Fincher di portare a termine la “missione”. Presto si spera che più sale possibile possano venire attrezzate per proiettare questo gioiello degli anni ’90 in 8K.

Riccardo Brunello
Riccardo Brunello
Il cinema mi appassiona fin da quando ero un ragazzino. Un amore così forte che mi ha portato ad approfondire sempre di più la settima arte e il mondo che la circonda. Ho un debole per i film d’autore e per il cinema orientale, ma, allo stesso tempo, non riesco a fare a meno di un multisala, un secchio di popcorn, una bibita fresca e un bel blockbuster.

ULTIMI ARTICOLI