HomeNewsMichael J. Fox - Cosa voleva dire essere attori negli anni ottanta

Michael J. Fox – Cosa voleva dire essere attori negli anni ottanta

-

Michael J. Fox ha ricordato il momento in cui ha ricevuto un Oscar alla carriera e in molti hanno pensato che quello fosse un premio diciamo in perfetto stile anni ’80. Per l’occasione secondo gran parte del mondo dello spettacolo, non era stato premiato esclusivamente l’attore in sé ma anche tutto un movimento filmico che è ancora in grado di riscuotere successo.

Sappiamo che purtroppo la carriera di Michael J. Fox si è conclusa prematuramente a causa del Parkinson, e le ultime comparse sono state letteralmente centellinate. Di giorni felici degli anni ’80, ce ne sono stati eccome. Non c’è solo nostalgia però, l’attore ha anche chiosato che gli anni ottanta sono un’epoca decisamente più esaltante, dove il computo degli attori era migliore (e più in bilico dell’epoca moderna).

michael j fox
Michael J. Fox & Christopher Lloyd in Back to the Future (1985)

In un’intervista con la rivista People, Michael J. Fox parla infatti di come percepisce la differenza tra essere famosi allora e oggi, dicendo che al giorno d’oggi si può diventare famosi per qualsiasi cosa grazie ai social media:

- Pubblicità -

C’è un’espressione a cui ho fatto riferimento quando mi hanno dato un Oscar onorario: qualcuno mi ha detto il giorno prima, stavano parlando di ottenere questo premio e di essere famoso e mi hanno detto ‘Sei famoso negli anni ’80’. Ho pensato: ‘Wow, è fantastico’. Anni ’80 famosi. Esatto, eravamo diversi. Siamo stati più duri. Non avevamo i social media, non avevamo niente di tutto questo. Eravamo solo famosi. Lasciati alle nostre risorse. Ed è stato un momento fantastico”.

Michael J. Fox ha continuato spiegando che negli anni ’80 bisognava avere talento per avere successo e che contavano le idee più di tutto, non il concetto di raggiungere la celebrità.

“Beh, bisognava avere talento. Questo mi ha aiutato. Eravamo soliti romperci il, i muscoli della recitazione e guardare gli altri attori e sederci con altri attori e parlare di recitazione e parlarne. E ora ci sono persone che dicono: ‘Chi è il tuo maglione? Qual è il tuo maglione che indossi? E cos’è quel passo di danza?” E tu sei la persona più famosa del mondo”.

Federico Favale
Federico Favale
Anche da piccolo non andavo mai a letto presto. Troppi film a tenermi sveglio. Più guardavo più dicevo a me stesso: "ok, la vita non è un film ma se non guardassi film non capirei nulla della vita".

ULTIMI ARTICOLI