HomeNewsMaschile Plurale, in arrivo il sequel di Alessandro Guida

Maschile Plurale, in arrivo il sequel di Alessandro Guida

Dopo tre anni dall’uscita della commedia romantica Maschile singolare, Alessandro Guida torna dietro la macchina da presa (questa volta in solitaria) per dirigere il sequel dal titolo Maschile Plurale, che arriverà nelle sale cinematografiche a partire dal 15 febbraio durante la settimana di San Valentino, per poi sbarcare in streaming su Prime Video nel mese di giugno per celebrare il Pride Month.

Nel cast di Maschile Plurale ritroviamo molti degli interpreti già presenti nel primo film a cui si aggiungono fantastiche new entry. Tra gli attori principali ricordiamo Giancarlo Commare e Gianmarco Saurino, di nuovo nei panni dei protagonisti, Michela Giraud, Andrea Fuorto, Francesco Gheghi, Nicole Rossi, Giulio Corso, Claudio Colica e Lidia Vitale.

Maschile Plurale – La trama

Antonio e Luca si incontrano tre anni dopo la morte di Denis, l’amico che li ha uniti. Nel frattempo molte cose sono cambiate nelle loro esistenze: il primo è diventato un pasticcere di grande successo e un instancabile lavoratore; il secondo ha attraversato un momento particolarmente difficile della sua vita che è riuscito a superare solo grazie al supporto di Tancredi, un operatore di una casa famiglia che accoglie giovani LGBTQ+. Quando i due si ritrovano, Antonio, la cui vita sentimentale non va a gonfie vele, sente di provare ancora dei sentimenti per Luca. Così con l’obiettivo di riconquistarlo, gli propone di rilevare insieme il forno di famiglia che Denis avrebbe dovuto vendere e di iniziare questa nuova avventura nella speranza di un ravvicinamento.

Nonostante l’amica Cristina cerchi di dissuaderlo dai suoi propositi, Antonio cerca di sabotare la relazione di Luca, convinto che il destino sia dalla sua parte. Sarà davvero così?

Maschile plurale

Il film “nasce come una sfida”

In una recente intervista, Alessandro Guida spiega le motivazioni che lo hanno spinto a dirigere un secondo film sulla storia d’amore tra Antonio e Luca: “Maschile Plurale nasce come una sfida: poter realizzare un sequel migliore del primo, Maschile Singolare. E viene anche dichiarato nel film: facendo un paragone tra cinema e amore, una delle protagoniste, Cristina, afferma che i sequel sono sempre peggiori del film originale. In amore non ci sono seconde occasioni – prosegue il regista – il passato non ritorna: sono tutte “minestre riscaldate”. Il nostro protagonista, Antonio, non è d’accordo e per questo motivo tenta una seconda chance con Luca, con il quale nel primo film ha avuto solo una breve relazione sfortunatamente sfociata nell’incomprensione e nella gelosia. Questa volta Antonio vuole trasformare una ritrovata amicizia in un vero e proprio rapporto d’amore. Ecco che l’intento del protagonista coincide con il mio da regista“.

Alessia Pennino
Alessia Pennino
Il cinema ha sempre rappresentato per me il rifugio perfetto dalle vicissitudini quotidiane, un porto sicuro dalla realtà, ma anche la dimensione ideale in cui sogni e desideri prendono forma. Ho sempre coltivato un interesse profondo per quest'espressione artistica, immaginandomi un giorno di scrivere recensioni per poter esprimere il mio punto di vista.

ULTIMI ARTICOLI