LIT Project 2: Flux: l’ultimo progetto sperimentale di Peter Bogdanovich

Pochi giorni fa, più precisamente il 6 gennaio dell’anno appena iniziato, il mondo intero (del cinema e non) ha compianto la scomparsa di Peter Bogdanovich, regista, sceneggiatore, attore e critico cinematografico statunitense. Ciò che, tuttavia, in molti non sapevano è che il leggendario regista in punto di morte stava lavorando ad un nuovo progetto. L’esperimento in questione, non propriamente un lungometraggio, è il primo al quale Bogdanovich si è dedicato dopo il documentario The great buster (2018) il discusso Tutto può accadere a Broadway (She’s funny that way), con Owen Wilson (The French Dispatch, The Darjeeling Limited, Bliss, Wonder, Io & Marley), Imogen Poots (Vivarium), Kathryn Hahn (WandaVision) e Jennifer Aniston (Friends, Murder mistery, Come ammazzare il capo… e vivere felici). A seguito del decesso del regista, è stato stabilito dal team produttivo che il progetto recentemente ultimato sarà comunque distribuito (secondo le volontà del suo ideatore) e presentato al pubblico, con il titolo di LIT Project 2: Flux.

Partecipa alla realizzazione di tale proposta sperimentale Kim Basinger, premio Oscar per la sua performance nel cult L.A. Confidential. L’opera, già ultimata, sarà resa disponibile questo 25 gennaio sulla piattaforma di distribuzione limitata Ethereum. L’idea da cui Bogdanovich ha tratto ispirazione è stata quella dell’analisi dell’andamento flessibile degli NFTs (non-fungible tokens): il progetto in questione, infatti, non si basa su uno stampo narrativo di alcun tipo. Per la realizzazione della sua peculiare idea, il regista ha diretto numerose clip in cui cattura le più svariate emozioni, performate da Basinger. A queste scene ha sovrapposto la propria voce narrante, per poi mettere in relazione la variabilità del range emotivo dell’attrice con quella della fluttuazione dei tokens sul mercato. Un progetto curioso, dunque, estremamente ricercato e complesso, che riporta chiaramente la firma di uno dei più elevati maestri del cinema recente: il compianto Bogdanovich.

Eleonora Noto
Eleonora Noto
Laureata in DAMS, sono appassionata di tutte le arti ma del cinema in particolare. Mi piace giocare con le parole e studiare le sceneggiature, ogni tanto provo a scriverle. Impazzisco per le produzioni hollywoodiane di qualsiasi decennio, ma amo anche un buon thriller o il cinema d’autore.

ARTICOLI RELATIVI

ULTIMI ARTICOLI