Se i film tratti dai videogame non funzionano, allora la soluzione è un’altra: un film i cui protagonisti entrano in un videogioco. Questa la carta vincente di Jumanji: Benvenuti nella giungla, campione d’incassi del 2017, ripetuta nel sequel Jumanji: The Next Level, diretto da Jake Kasdan e attualmente nelle sale.

Protagonisti ancora una volta l’ex star del wrestling Dwayne “The Rock” Johnson, il rocker Jack Black, l’irriverente Kevin Hart e la combattiva Karen Gillan. Nel terzo capitolo della saga inaugurata da Jumanji nel 1995 con Robin Williams si uniscono anche Danny Glover e Danny DeVito.

Una miscela fatta di adrenalina, azione e tanta, tanta ironia e comicità.

Jumanji
Da sinistra, Kevin Hart, Dwayne The Rock Johnson, Karen Gillan e Jack Black

Se il gioco vorrete lasciare, dovrete salvare Jumanji e il suo nome gridare.

Jumanji: The Next Level prende il via due anni dopo la fine del suo predecessore, con i quattro ragazzi Spencer Gilpin (Alex Wolff), Anthony Fridge Johnson (Ser’Darius Blain), Martha Kaply (Morgan Turner) e Bethany Walker (Madison Iseman) intenti a vivere separati per seguire le proprie strade.

In un momento di sconforto, intrappolato nella sua piccola e normale vita da nerd universitario, Spencer decide di riparare il vecchio gioco Jumanji, ma vi resta intrappolato.

Jumanji
Alex Wolff nei panni di Spencer Gilpin

Per salvarlo, i tre amici decidono di rischiare ancora una volta la propria vita ed entrare nel videogame. Qualcosa va storto e, insieme a loro, sono catapultati nella giungla anche il nonno di Spencer, Eddie (Danny DeVito), e il suo ex socio d’affari Milo Walker (Danny Glover).

Jumanji
Da sinistra, Madison Iseman, Morgan Turner e Ser’Darius Blain

Una volta a Jumanji, ecco riapparire il dott. Smolder Bravestone (Dwayne Johnson), il suo fedele alleato Franklin “Topo” Finbar (Kevin Hart), il prof. Sheldon Oberon (Jack Black) e l’assassina di uomini Ruby Roundhouse (Karen Gillan). Scopo dell’avventura è recuperare il Cuore del Falco, un grosso gioiello rubato dal perfido Jurgen il bruto (Rory McCann), ed esporlo al sole. Solo così il gioco sarà finito e i giocatori potranno tornare alle loro vite.

Non sarà semplice come sembra, in quanto negli avatar non si nascondono gli stessi ragazzi dell’avventura precedente, catapultati in nuove e irriverenti novità.

Jumanji
Una scena del film con Jack Black e Karen Gillan

Come ogni buon sequel videoludico che si rispetti, Jumanji: The Next Level espande la mappa rispetto al suo predecessore e porta i giocatori in un mondo più vasto e variegato. Non solo giungla stavolta, ma anche aridi deserti e montagne innevate, a confezionare un film perfettamente riuscito in termini di trama, ambientazione e scenografia.

La marcia in più però è data dalla comicità che contraddistingue il cast e soprattutto Kevin Hart e Jack Black. Magnifico il primo nel dare vita a un personaggio determinato e risoluto a dispetto di un fisico non felicissimo. Eccezionale il secondo nell’interpretare un avatar maschile “comandato” da una donna, precisamente una ragazza patita di Instagram e viaggi di lusso.

Dwayne Johnson mentre inscena la ormai celebre “bollente intensità” del dott. Bravestone

Divertenti le novità introdotte nella sceneggiatura, tra cui la possibilità per i giocatori di scambiare i relativi personaggi grazie a un acqua elettrificata e una nuova protagonista, Ming Piedelesto, interpretata dalla rapper americana ma di origini cinesi e coreane Awkwafina.

Jumanji: The Next Level è un’opera divertente, leggera e per tutta la famiglia. Perfetta per una capatina al cinema durante le festività natalizie. Occhio a non uscire troppo presto dalla sala, perché nei titoli di coda si nasconde una scena cruciale per il futuro della saga.

Rullano i tamburi, Jumanji non finisce qui.

Voto Autore: 3.5 out of 5 stars