HomeNewsJessica Lange si schiera contro Hollywood

Jessica Lange si schiera contro Hollywood

-

L’attrice di American Horror Story, Jessica Lange, si è scagliata contro Hollywood e l’industria cinematografica americana. La donna sta accusando l’apparato di Hollywood di dare priorità ai profitti rispetto alla creatività. In un’intervista con Vulture, è emerso il tema dei film cancelllati e che ancora si trovano sugli scaffali della Warner Bros. Discovery come Batgirl e Coyote vs. Acme. Lange ha affermato che “dovrebbe esserci una legge contro” tali pratiche.

Jessica Lange

“Viviamo in un mondo aziendale, e sicuramente si è esteso all’industria cinematografica”, ha detto nell’intervista. “Gran parte del settore ora non riguarda il processo creativo. Voglio dire, ovviamente questo non è un fenomeno generalizzato, ma ci sono molti casi in cui ho la sensazione che l’impulso artistico sia sopraffatto dalla motivazione del profitto aziendale. Jessica Lange ha continuato: “Guardi alcuni dei migliori film dell’anno scorso: cosa hanno in comune? Non vengono dall’America. Il mio preferito era Anatomia di una caduta. Quante volte vediamo un film del genere, dove l’ambiguità delle cose non viene mai ricucita?”.

Jessica Lange contro Hollywood

Con Hollywood concentrata sui grandi franchise cinematografici, Jessica Lange ha dichiarato che “nessuno le ha mai chiesto” di farne parte. Tuttavia, se le fosse stato chiesto di recitare in uno di essi, avrebbe rifiutato, aggiungendo: “Non saprei cosa fare con parti del genere”. Lange ha anche sottolineato come l’industria di Hollywood sia cambiata drasticamente con la tecnologia. “Ricordo che stavo seduta sul set di un film aspettando per ore che il direttore della fotografia sistemasse l’illuminazione giusta, e ne è valsa la pena perché il risultato è stato spettacolare. Ma questo è cambiato”, ha ricordato. “I cameramen non lo fanno più; girano in digitale. Non guarderai i quotidiani. È un gioco diverso”.

- Pubblicità -

“Sono felice di aver avuto l’opportunità, quando stavo iniziando, di avere effettivamente quelle esperienze con registi come Sydney Pollack e Costa-Gavras”, ha aggiunto. “Devo prendermi a calci ogni volta che penso, oh Dio, non è bello come una volta. Perché è come dicono i buddisti: ci sono due certezze nella vita: il cambiamento e la morte. Non puoi tornare indietro”.

Laura Maddalozzo
Laura Maddalozzo
Datemi uno schermo e dei popcorn e sono la persona più felice del mondo. Il mio habitat cinematografico? Un’apocalisse zombie o ovunque ci sia un’atmosfera horror

ULTIMI ARTICOLI