Jessica Chastain: “Io come Bond Girl? Meglio come Villain”

Jessica Chastain è intervenuta al Tonight Show e la sua intervista si è rilevata decisamente fruttuosa. L’attrice ha parlato della possibilità di prendere parte a un film di 007; un vero e proprio punto d’arrivo per attori e attrici della sua generazione. Non se n’è parlato ovviamente in una chiave ufficiale (e nemmeno ufficiosa). La stessa ultimamente è apparsa molto impegnata: tra la recente conquista dell’Oscar e la sua presenza al festival di Cannes 2022, sembra essere molto lontano un suo coinvolgimento nel franchise dell’agente inglese più famoso al mondo.

Jessica Chastain ha espresso semplicemente un suo personalissimo punto di vista, rispondendo a milioni e milioni di fan che la vorrebbero nei passi di Bond Girl (e il fascino per farlo ce l’ha eccome). La carriera dell’attrice è partita parzialmente in ritardo: ha avuto accesso tardi all’olimpo delle attrici hollywoodiane ma, quando l’ha fatto, ha dimostrato di che pasta è fatta (si diceva prima infatti della statuetta per Gli Occhi di Tammy Faye).

jessica chastain

Già questo dovrebbe costituire un vero punto d’arrivo per un professionista del settore, eppure c’è chi la spinge verso un film di James Bond (inteso da molti come quel tassello finale che dona a una carriera una lucentezza definitiva). Jessica Chastain non è dello stesso avviso, o meglio, non ritiene che l’unica figura da poter interpretare in un film su 007 sia quello della Bond Girl.

Preferirebbe di gran lunga impersonare il villain. Essere il cattivo femminile di un film “bondiano” è infatti un’idea che la esalta in quanto il fatto che l’agente possa avere paura di lei dona alla stessa una carica emotiva enorme. Chissà se questa considerazione verrà esaudita (o se c’è già qualcosa in ballo). C’è da dire che il franchise di 007 si appresta a dover affrontare rivolgimenti importanti (si parla di un agente donna nella prossima uscita). Pertanto, l’assenza della Chastain non appare così scontata).

(Twentieth Century Fox via AP)
Federico Favale
Federico Favale
Anche da piccolo non andavo mai a letto presto. Troppi film a tenermi sveglio. Più guardavo più dicevo a me stesso: "ok, la vita non è un film ma se non guardassi film non capirei nulla della vita".

ARTICOLI RELATIVI

ULTIMI ARTICOLI