HomeNewsIl Corvo: Alex Proyas contro il remake

Il Corvo: Alex Proyas contro il remake

-

A circa 30 anni dalla sua uscita, “Il Corvo” arriverà nuovamente sugli schermi con un remake diretto da Rupert Sanders, con Bill Skarsgard. Quest’ultimo incarnerà il ruolo che fu di Brandon Lee, ovvero Eric Draven. Ma Alex Proyas, regista della pellicola originale, non pensa sia una buona idea.

Non provo davvero alcuna gioia nel vedere negatività riguardo al lavoro di altri colleghi filmmaker“, ha scritto Proyas su Facebook. “E sono certo che il cast e la troupe abbiano avuto tutte buone intenzioni, come tutti noi facciamo su qualsiasi film. Quindi mi fa male dire altro su questo argomento, ma penso che la risposta dei fan parli da sé. [‘The Crow’] non è solo un film. Brandon Lee è morto realizzandolo, ed è stato completato come testimonianza della sua brillantezza perduta e della tragica perdita. È il suo lascito. E così dovrebbe rimanere.”

Lee, figlio del maestro di arti marziali e leggenda di Hollywood Bruce Lee, morì all’età di 28 anni sul set di “Il Corvo” quando fu mortalmente colpito da una pistola finta. Il film, che racconta la storia di un musicista che torna dall’aldilà per vendicarsi della gang che lo ha ucciso insieme alla sua fidanzata, fu completato utilizzando un controfigura e effetti digitali.

Bill Skarsgard

La nuova versione de “Il Corvo” è un tributo a Brandon Lee

“Il Corvo” ottenne un enorme successo sia di critica che commerciale e fu successivamente dedicato a Lee e alla sua fidanzata, Eliza Hutton. La morte di Lee suscitò ampi appelli per norme più severe di sicurezza nei set hollywoodiani e ricorda l’incidente mortale sul set di “Rust”, dove la direttrice della fotografia Halyna Hutchins morì dopo che un proiettile fu sparato da una pistola tenuta da Alec Baldwin.

Nel suo post su Facebook, Proyas ha linkato a un articolo di CBR intitolato “The Crow Remake Trailer Gets Staggering Amount of Dislikes on YouTube”. Il trailer del remake, che vede anche la partecipazione di FKA Twigs, ha ricevuto una buona dose di critiche online.

In un’intervista con Vanity Fair, Sanders ha dichiarato di considerare la sua versione di “Il Corvo” come un tributo a Lee. “È stata ovviamente una terribile tragedia, e è sicuramente qualcosa che abbiamo sempre avuto in mente durante la realizzazione del film”, ha detto riguardo alla morte di Lee. “Brandon era una voce originale e penso che sarà sempre sinonimo di ‘Il Corvo’ e spero che sia fiero di ciò che abbiamo fatto e di come abbiamo riportato nuovamente in vita la storia. La sua anima è molto viva in questo film. C’è una reale fragilità e bellezza nella sua versione del Corvo, e penso che Bill [Skarsgård] si senta come il suo successore.”

Il Corvo
Francesco Maggiore
Francesco Maggiore
Cinefilo, sognatore e al tempo stesso pragmatico, ironico e poliedrico verso la settima arte, ma non debordante. Insofferente, ma comunque attento e resistente alla serialità imperante, e avulso dai filtri dall'allineamento critico generale. Il cinema arthouse è la mia religione, ma non la mia prigione.

ULTIMI ARTICOLI