HomeNewsGuadagnino debutterà a Cannes con Queer

Guadagnino debutterà a Cannes con Queer

-

Luca Guadagnino debutterà sulla Croisette con la sua nuova opera: Queer. Le riprese sono terminate lo scorso luglio e oggi il nuovo lungometraggio è in fase di post-produzione.

Secondo quanto anticipato da World of Reel il nuovo film del regista verrà infatti presentato all’edizione del Festival di Cannes del 2024. Se la notizia verrà presto confermata, si tratterà della prima volta alla kermesse francese per Guadagnino.

Il regista in tutti questi anni è stato un habitué del Festival di Venezia dove, fino ad oggi, ha presentato ben cinque film.

Da cosa è tratto il nuovo film di Guadagnino?

Queer adatta al grande schermo l’omonimo controverso romanzo di William S. Borroughs. Lo scrittore lo realizzò tra il 1951 e il 1953, ma a causa dei temi trattati fu pubblicato solo a partire dal 1985.

Nel libro, semi-autobiografico, viene infatti raccontata la storia di uno scrittore americano espatriato in Messico che s’innamorerà di un uomo più giovane di lui. Come è intuibile, l’omosessualità negli anni ’50 era vista come un tabù, come qualcosa da nascondere o condannare. Per questo motivo Borroughs fece fatica a diffondere le proprie opere, sia in quanto scrittore omosessuale, sia per i contenuti delle stesse. Per esempio, anche il suo romanzo precedente Junkie, di cui Queer può essere visto come una sorta di sequel, non fu per niente esente da critiche.

Un cast importante

queer

Queer avrà come protagonista Daniel Craig nel ruolo dello scrittore emarginato. Drew Starkey invece interpreterà l’uomo più giovane di cui il protagonista s’innamorerà.

Il nuovo film di Guadagnino si arricchisce quindi di un cast importante, che rende l’attesa ancora più trepidante. Nel mentre i fans del regista italiano potranno consolarsi con l’uscita nelle sale di un altro suo film Challengers.

Challengers, che a causa dello sciopero degli attori non è stato presentato a Venezia, sarà distribuito nelle sale italiane dal 25 aprile.

Riccardo Brunello
Riccardo Brunello
Il cinema mi appassiona fin da quando ero un ragazzino. Un amore così forte che mi ha portato ad approfondire sempre di più la settima arte e il mondo che la circonda. Ho un debole per i film d’autore e per il cinema orientale, ma, allo stesso tempo, non riesco a fare a meno di un multisala, un secchio di popcorn, una bibita fresca e un bel blockbuster.

ULTIMI ARTICOLI