Final Destination, il regista di Spider-Man lavora sul sesto film della saga

Final Destination, una saga immortale

I fan del genere horror la ricorderanno senz’altro. Final Destination è una delle saghe più famose del nuovo millennio e sta per tornare con il sesto film della serie. Jon Watts, regista dei film di Spider-Man con Tom Holland, compare in veste di produttore e autore del soggetto e del trattamento, mentre la sceneggiatura sarà a cura di Lori Evans Taylor e Guy Busick che hanno collaborato al nuovo Scream. Watts ha esordito sul grande schermo con l’horror Clown nel 2014 per poi compiere il salto di qualità con la Marvel. Non ci sarà lui dietro la macchina da presa perché impegnato con un nuovo action con protagonisti Brad Pitt e George Clooney nonché con la nuova versione di Fantastic 4 sempre per conto della Marvel, ma è comunque un ritorno alle origini per il regista statunitense che dimostra di non aver dimenticato il cinema di genere.

final destination jon watts

La Morte è il serial killer

Final Destination risale al 2000 con il primo film diretto da James Wong. Ad oggi è una pentalogia il cui ultimo film, Final Destination 5, risale al 2011. In ogni capitolo un gruppo di persone si ritrova ad affrontare la Morte, qui in veste di serial killer innovativo e alquanto bizzarro vista la sequenza di omicidi che si sussegue. C’è da dire che la cifra stilistica della saga è proprio questa grottesca interpretazione della Morte che, se nel primo film era ancora sincera e rispettosa, nei successivi ha alzato l’asticella dell’esagerazione rendendo il tutto surreale, ma sempre più divertente. Resta da scoprire se questo sesto film seguirà le orme dei precedenti o se darà un cambio deciso di direzione riportando la storia alla sua essenza più pura.

final destination jon watts
Tiziana Panettieri
Tiziana Panettieri
E’ un amore di lunga data quello tra me e il cinema, cominciato con cult come Halloween, IT e L’Esorcista e alimentato negli anni con il meglio dell’horror e del cinema di genere. Ammetto, però, d’aver subìto il fascino del cinema asiatico, mediorientale e sudamericano. Sono onnivora, non mi precludo nulla senza aver prima provato.

ARTICOLI RELATIVI

ULTIMI ARTICOLI