HomeNewsFeud, la seconda stagione: Capote e le sue donne

Feud, la seconda stagione: Capote e le sue donne

-

Feud continua: la seconda stagione della serie, Capote vs. The Swans, racconta la “faida” tra Truman Capote e le sue amiche più strette: i cosiddetti ‘cigni’.

Proprio pochi giorni fa, l’emittente FX ha svelato il poster e la data di uscita in tv.

Truman Capote e Lee Radziwill

Feud, dalla rivalità Crawford – Davis al tradimento di Capote

La serie Feud, ideata da Ryan Murphy nel 2017, ha già avuto una prima stagione. Murphy l’ha dedicata alla celebre rivalità tra due grandi dive del cinema hollywoodiano: Joan Crawford e Bette Davis.

In particolare, la prima stagione raccontava i loro contrasti durante le riprese di un film-capolavoro degli anni Sessanta, Che fine ha fatto Baby Jane?, che racconta il gioco al massacro tra due sorelle. Un rapporto non così diverso da quello che le due attrici intrattenevano nella vita reale.

Per questa seconda stagione, Murphy ha deciso di raccontare, più che la storia di un rapporto conflittuale, la storia di un tradimento: quello di Truman Capote ai danni delle donne della propria cerchia ristretta, conosciute come The Swans (I Cigni).

Chloë Sevigny nei panni di C. Z. Guest

Feud: Capote vs The Swans, i fatti alla base della faida

La parola ‘tradimento’ non è casuale. Nel novembre 1975 Capote aveva pubblicato su Esquire il racconto La Côte Basque, 1965: un assaggio del suo romanzo Answered Prayers che, nell’intenzione del suo autore, “avrebbe fatto all’America quello che Proust ha fatto alla Francia”.

Ad animare il racconto erano svariati personaggi femminili modellati sulle sue amiche, e nella storia venivano svelate indiscrezioni e dettagli scabrosi delle loro vite.

Il testo suscitò grande scalpore, soprattutto tra le donne delle quali l’amico Capote aveva rivelato ogni scandalo e vizio, pugnalandole alle spalle.

Le reazioni furono immediate e violente. Come quella di Slim Keith, che allo scrittore George Plimpton confessò: “L’ho letto e sono rimasta assolutamente inorridita. La storia delle lenzuola, la storia di Ann Woodward… Non c’era nessun dubbio su chi fosse”.

Comunque il romanzo, alla fine, rimase incompiuto. Ma il rapporto dello scrittore con le sue donne si compromise irrimediabilmente.

Del romanzo non si seppe più nulla fino alla morte di Capote, nel 1984, dopo la quale l’avvocato Alan Schwartz, l’amico Gerald Clarke e l’editore Joe Fox non andarono alla ricerca del manoscritto. Questo fu poi pubblicato nel 1986 nel Regno Unito e nel 1987 negli USA.

Feud: Capote vs The Swans, la locandina ufficiale

Feud, Capote e i suoi Cigni

Ma facciamo la conoscenza dei famosi Cigni ai quali si fa riferimento nella seconda stagione di Feud.

Sono la musa di Andy Warhol C. Z. Guest (Chloë Sevigny), la sorella più giovane di Jackie Kennedy Lee Radziwill (Calista Flockhart), la vedova Ann Woodward (Demi Moore).

E ancora, la seconda moglie di Johnny Carson Joanne Carson (Molly Ringwald), la moglie di Howard Hawks Slim Keith (Diane Lane) e la carissima amica Babe Paley (Naomi Watts).

Non furono le sole: nella cerchia di ricche socialite che circondavano Capote c’erano anche Marella Agnelli, Gloria Guinness, Gloria Vanderbilt, Mona Williams. Tutte donne elegantissime, ricchissime, che dettavano la moda del periodo.

Dall’altra parte, troviamo il deus-ex-machina di questo grande scandalo: lo scrittore americano, autore di Colazione da Tiffany, Truman Capote (Tom Hollander).

Feud: Capote vs The Swans, Tom Hollander nei panni di Truman Capote

Feud, data di uscita e curiosità sulla serie

La seconda stagione di Feud uscirà su FX l’11 gennaio 2024. La miniserie si articolerà in 8 episodi in totale.

Alla regia ci sarà Gus Van Sant, che in una recente intervista a The Messenger ha detto: “Ne ho sentito parlare una sera a cena e ho detto ‘Oh, pensi che Ryan prenderebbe in considerazione qualcuno come me per dirigerlo?’ Mi hanno risposto ‘Chiederò’. Così sono stato portato nel mondo di Ryan Murphy, ed è stato fantastico”.

L’ideatore Ryan Murphy ha anticipato quale sarà il conflitto centrale della storia in un’intervista rilasciata al periodico Town & Country. Il fulcro della vicenda, rivela Murphy, è lo scioglimento dell’amicizia tra Capote e Paley.

Queste sono le parole di Murphy: “Era una storia sull’ambizione, l’amicizia e il blocco dello scrittore. Era una storia su come riesci a superare te stesso, sempre che tu possa. Ed era, in sostanza, una storia sulle relazioni tra uomini e donne, in particolare tra uomini gay e le loro fidanzate.

Una faida non riguarda mai l’odio; una faida riguarda il dolore, sempre. Perché lo spettacolo funzionasse, doveva esserci una grande divisione che riguardasse il dolore in contrapposizione all’odio, e Babe e Truman erano al centro di tutto questo”.

Ad aiutare Capote a raccogliere i segreti dell’alta società è stata Kate Harrington, figlia dell’allora compagno di Capote, che era stata adottata in gran segreto dallo scrittore all’età di 13 anni.

Come ha rivelato Harrington nel documentario The Capote Tapes: “Mi diceva che quello che dovevo fare era sedermi e ascoltare le conversazioni di chi stava a fianco a noi. Sulla strada di casa poi potevo raccontar lui tutto quello che avevo carpito”.

La sceneggiatura della nuova serie è un adattamento, a cura di Jon Robin Baitz, del libro di Laurence Leamer Capote’s Women: A True Story of Love, Betrayal, and a Swan Song for an Era (2021).

Il libro "Capote's Women: A True Story of Love, Betrayal, and a Swan Song for an Era"
Giulia Bucelli
Giulia Bucelli
Lettrice e spettatrice onnivora, non crede nello snobismo. Tuttavia non fa mistero della sua passione per il cinema orientale, gli horror e Alfred Hitchcock. Non si perde nemmeno un film di Cronenberg e Lanthimos.

ULTIMI ARTICOLI