HomeNewsE.T. nel sequel mai realizzato veniva rivelato il vero nome dell'alieno

E.T. nel sequel mai realizzato veniva rivelato il vero nome dell’alieno

-

E.T. l’extra-terrestre è un film del 1982 diretto da Steven Spielberg. Nonostante quasi tutti conoscano la storia del giovane Elliot e del suo simpatico amico alieno, di cui però nessuno sa il nome. Il sequel mai realizzato del capolavoro di Spielberg svela, però il mistero.

E.T.

E.T- Il sequel mai realizzato

Poco dopo dell’uscita di E.T. (qui la recensione) Spielberg infatti dichiarò che lui e Melissa Mathison, sceneggiatrice del primo film avevano terminato la scrittura del seguito. E.T.: Nocturnal Fears.

Lo stesso Spielberg, dall’alto della sua carriera celebrata con due premi Oscar, ha rivelato di aver prodotto solamente un film perfetto. Nel primo E.T. infatti le tematiche centrali erano l’infanzia e l’amicizia. Invece nel sequel anche gli stessi alieni erano malvagi, in seguito a una mutazione. La loro stirpe era in guerra con quella di E.T. da decenni. Queste creature avrebbero preso Elliot in ostaggio per torturarlo ed E.T. sarebbe tornato proprio per salvarlo.

E.T.

La stirpe mutante

Nel sequel però queste creature avevano anche un nome: Korel era il capo della razza mutata e malvagia. Quest’ultimo è in cerca di Zerk, ovvero E.T.

Dato che però Spielberg rinunciò al progetto nel 1985 fu pubblicato un sequel sottoforma di romanzo, scritto da William Kotzwinkle.

Le speranza dei fans di rivedere Elliot ed E.T. insieme sullo schermo, sono state esaudite nel 2019 per uno spot. Infatti per promuovere il suo servizio di streaming Xfinity, la Comcast realizzò uno spot con Elliot adulto interpretato sempre da Henry Thomas. Finalmente Elliot poteva rivedere il suo amico speciale dopo trentasette anni.

Anche Henry Thomas, in un’intervista rilasciata in occasione dei quarant’anni del film nel 2022, ha rivelato che un sequel sia molto difficile. A Comicbook l’insostituibile interprete di Elliot ha dichiarato che Spielberg abbia autorizzato lo spot Xfinity semplicemente perché era la cosa più simile a un sequel che si potesse realizzare. Questa dichiarazione spegne le speranza di chi aveva interpretato la pubblicità di Xfinity come un teaser per il sequel di E.T.

ULTIMI ARTICOLI