HomeNewsChristopher Nolan: la risposta corretta sul finale di Inception

Christopher Nolan: la risposta corretta sul finale di Inception

-

Tredici anni dopo Christopher Nolan è ancora perseguitato da domande riguardo al finale di Inception, il suo acclamato thriller d’azione del 2010. Il film è basato su un gruppo di criminali che compiono una rapina nel sogno. La conclusione è nota, infatti il personaggio di Leonardo DiCaprio, Cobb, ha completato la sua missione e torna a casa dai suoi figli. Ma il film si sofferma sul suo totem, una trottola, mentre comincia a traballare, poi lo schermo si oscura. Se la trottola gira indefinitamente, Cobb è ancora nel sogno. Se cade, Cobb è sveglio nel mondo reale.

Negli ultimi dieci anni, gli spettatori hanno dibattuto se Cobb fosse sveglio o stesse sognando alla fine di Inception, ma Nolan ha recentemente dichiarato nel podcast Happy Sad Confused che tali dibattiti trascurano il vero significato della conclusione. A Cobb non importa. Ho attraversato una fase in cui mi veniva chiesto spesso, ha detto Nolan quando è stato affrontato l’argomento della fine di Inception. Penso che sia stata Emma Thomas a indicare la risposta corretta, ovvero il personaggio di Leo. il punto è che il personaggio non si preoccupa di quel momento.

C’è una visione nichilista di quella conclusione, giusto? Ma allo stesso tempo, lui ha fatto pace con sè stesso ed è con i suoi figli, ha aggiunto Nolan a Wired alla fine del mese scorso. L’ambiguità non è un’ambiguità emotiva. È una questione intellettuale per il pubblico.

Che la trottola di Cobb continui a girare o cada sul tavolo, non ha alcun effetto sulla conclusione emotiva di Inception, che per il regista è il cuore della storia. Cobb è tornato a casa dai suoi figli. Il suo percorso emotivo è completo, quindi non gli importa nemmeno di controllare se la trottola gira o cade.

Christopher Nolan

Il punto di vista del cast sul film di Christopher Nolan

Inception comprende nel cast attori come Tom Hardy, Marion Cotillard, Joseph Gordon Levitt, Cillian Murphy e Ken Watanabe.

Altri membri del cast di Inception, hanno espresso il loro punto di vista sul dibattito nel corso degli anni. Michael Caine una volta disse famosamente: Quando ho ricevuto la sceneggiatura di Inception, ero un po’ perplesso. Ho detto a Christopher Nolan, ‘Non capisco quando è un sogno. Quando è un sogno e quando è realtà? Lui ha risposto: Bene, quando sei nella scena, è realtà. Quindi, ricorda: se ci sono dentro, è realtà. Se non ci sono dentro, è un sogno.

Poiché il personaggio di Caine appare nell’ultima scena del film, l’attore ha sempre pensato che ciò significasse che Cobb fosse nel mondo reale e che la sua trottola sarebbe caduta sul tavolo. In una recente intervista con Insider, Nolan ha detto che guardare la fine di “Inception” con i fan è un ricordo che gli è rimasto impresso.

Per quanto riguarda sedersi con il pubblico e sperimentare la fine del film, ‘Inception’ aveva una conclusione molto unica, ha detto Nolan. Se mi infilavo di nascosto nella parte posteriore del cinema quando veniva proiettato, e arrivavamo alla fine, c’erano un gran respiro, gemiti, frustrazioni – era un mix incredibile e mi sentivo molto come se dovessi andarmene prima che qualcuno notasse che ero lì. Quindi è stata una conclusione piuttosto straordinaria da vivere con il pubblico nel corso degli anni.

L’ultimo sforzo di regia di Christopher Nolan, Oppenheimer, è ora in proiezione nei cinema degli Stati Uniti e arriverà in Italia il prossimo 23 agosto.

Leonardo Di Caprio
Francesco Maggiore
Francesco Maggiore
Cinefilo, sognatore e al tempo stesso pragmatico, ironico e poliedrico verso la settima arte, ma non debordante. Insofferente, ma comunque attento e resistente alla serialità imperante, e avulso dai filtri dall'allineamento critico generale. Il cinema arthouse è la mia religione, ma non la mia prigione.

ULTIMI ARTICOLI