mercoledì, 21 Agosto, 2021

Celebrity Hunted: regole del gioco e recensione

“Non cercatemi devo rimanere in incognita presto capirete perché” la frase contornata da foto che ogni attore di Celebrity Hunted della prima stagione, ha postato su Instagram per annunciare la serie.

Una serie-reality targata Amazon Prime e visibile solo su Prime Video, si sa che il colosso dell’ecommerce con la pubblicità e il marketing ha tantissimo da spartire.

Infatti ancora oggi, dopo l’uscita della seconda serie la pagina Instagram di Prime Video utilizza le foto dei protagonisti come meme.

Quindi se vi capita di vedere Achille Lauro che scappa vestito da sposa in gondola oppure Myss Keta ed Elodie mascherate che corrono via, che poi Keta chiunque la riconosce, sappiate che non è nessun articolo di cronaca o gossip, ma vi siete imbattuti in Celebrity Hunted.

Celebrity Hunted

Celebrity Hunted: il cast

Diciamo che il cast non ha proprio tanto bisogno di presentazioni, però definiamo cosa fanno questi attori all’interno della serie che forse a qualcuno ancora non è chiaro.

Nella prima serie, i protagonisti erano Francesco Totti, Fedez, Claudio Santamaria, Cristiano Caccamo, Costantino Della Gherardesca, Francesca Barra, Luis Sal e Diana Del Bufalo. I vincitori della prima edizione la coppia formata da Claudio Santamaria con la moglie Francesca Barra e la coppia formata da Fedez con Luis Sal.

Le vincite sono state devolute in beneficenza: Fedez alla compagnia teatrale Mayor Von Frinzius, Luis Sal all’AIRC. e la coppia attore e giornalista, Santamaria e Barra all’associazione Heal.

Il cast della seconda stagione è composto da Stefano Accorsi, Myss keta, Elodie, Achille Lauro, Boss Doms, Vanessa Incontrada e ovviamente nessuno spoiler perché sono uscite solo 3 puntate per ora e ci hanno lasciato col fiato sospeso.

Celebrity Hunted

Celebrity Hunted: le regole del gioco

Il format arriva dall’Inghilterra, prodotto da Endemol Shine Italy, deriva da un programma britannico di Channel 4 Celebrity Huntedspin-off del reality Hunted.

Questa è la prima produzione italiana di Prime diversa da fiction e docu-serie, seguita da Lol ed entrambe hanno riscontrato molto successo. In Inghilterra lo show vip è arrivato alla terza edizione, mentre noi siamo solo alla seconda, ma direi che non è male come primo approccio.

Ci sono delle regole serie da seguire ovviamente: alle celebrities viene data una carta di debito con pochi euro, un kit di sopravvivenza ( finché non lo apri non sai cosa c’è dentro) e gli viene chiesto di non farsi catturare per 14 giorni.  Ma perché?

A cercarli ci saranno un gruppo di cacciatori con esperienza nelle forze armate e accesso a telecamere e telefoni per rintracciarli, un po’ Ghostbusters ma senza fantasmi.

I giocatori possono cercare riparo ovunque, da amici o sconosciuti, in qualunque luogo ma i cacciatori potrebbero sempre mettere una ‘taglia’ (ad esempio premi in denaro a chi da informazioni) su di loro se vogliono catturarli e cercare aiuto tramite i social.

Naturalmente il gioco si conclude quando i protagonisti vi vengono catturati oppure dopo 14 giorni se riescono a nascondersi bene e quindi poi escono allo scoperto da soli.

Nella seconda stagione invece hanno anche un braccialetto gps di cui si devono liberare immediatamente altrimenti rischiano di essere subito catturati. Il gioco comincia in coppia ma hanno la possibilità di potersi dividere.

Durante il dodicesimo giorno solo i ricercati riceveranno la posizione del punto di estrazione, e chi riuscirà a raggiungerlo senza farsi catturare vincerà il gioco. Il montepremi vinto va in beneficenza.

Celebrity Hunted: recensione

Se nella prima stagione Fedez ha bucato lo schermo insieme a Totti, questa è la volta di Achille Lauro e Boss Doms, le loro personalità eccentriche si evincono perfettamente in questo reality.

Il concetto principale su cui si basa è il non prendersi sul serio. Per la tv italiana è molto importante quest’aspetto perché tra le varie fiction e serie con diversi drammi o reality meno complessi e spesso anche basati sui drammi, è qualcosa di un po’ più leggero.

Secondo concetto importante è che è appunto il primo prodotto che Amazon realizza in questo modo. Ossia come un reality. Prima di questo ha sempre fatto solo serie tv, docu-serie e cose simili. Poi perché la prerogativa dei reality in Italia ce l’ha solo Mediaset e ce li da già preconfezionati e sempre uguali.

Se anche Amazon entra in questo campo e li fa con cognizione di causa, ossia con una trama, allora non c’è scampo. Stessa cosa accaduta con LOL, dove i protagonisti sono vip e c’è una trama ben precisa, è un vero gioco con delle regole, questo è un fattore molto importante.

Terzo fattore è la capacità di “non rivelare tutto”, infatti come accaduto anche con Lol, Prime Video ha la capacità di farti restare col fiato sospeso e di dare contenuti a distanza di tempo per far restare gli utenti attaccati allo schermo e in attesa di capire come va a finire e ovviamente i protagonisti bravi a non svelare nulla.

Detto questo, riguardo alle riprese e al montaggio possiamo dire che sono stati molto bravi perché effettivamente gli attori recitano come se già si sapesse chi verrà catturato, si divertono e fanno cose che fanno divertire lo spettatore quasi senza senso. Quindi hanno ricreato un po’ di suspence, fortunatamente.

Il luogo anche lascia a desiderare, non è poi così difficile fare i cacciatori a Venezia e di certo non possono nascondersi chissà dove oppure prendere una macchina o un treno. Però apprezziamo comunque l’impegno.

Forse 50 minuti a puntata anche sono troppi, ma comunque ormai non vediamo l’ora di vedere chi è il vincitore del programma e a chi donerà il premio!

ARTICOLI RELATIVI

RIMANI CONNESSO

35,282FansLike
15,300FollowersFollow
2,272FollowersFollow

ULTIMI ARTICOLI