HomeNewsBarbie, niente CGI per una scena iconica

Barbie, niente CGI per una scena iconica

Greta Gerwig ha detto di no all’utilizzo della CGI per realizzare una scena diventata iconica di Barbie: a quale si riferisce?

Oggi il cinema non può fare a meno degli effetti speciali e anche film come Barbie hanno naturalmente utilizzato la CGI in determinati aspetti.
Eppure, per una particolare scena diventata quasi iconica già a partire dal trailer, la regista Greta Gerwig ha precisato che no, non è frutto degli effetti speciali, ma tutta ripresa naturale con il supporto di Margot Robbie.
Di quale scena si tratta?

Barbie, la scena senza CGI

Spesso l’utilizzo degli effetti speciali può aiutare o penalizzare un prodotto per il grande e piccolo schermo. Greta Gerwig ha preferito farne a meno per la sua Barbie, o meglio per una scena specifica che è diventata rapidamente punto di riferimento del film e che Margot Robbie ha insistito a voler svolgere in prima persona senza l’utilizzo di controfigure.

Avete presente quando Barbie rimuove i suoi sandali con tacco alto e i piedi sono ancora arcuati? Quella scena è stata realizzata senza l’utilizzo della CGI, nonostante in un primo momento la produzione avesse discusso sulla possibilità di avvalersi di effetti speciali.

CGI


Greta Gerwig ha precisato il suo disappunto sin da subito. Intervistata da The Project via Variety, la regista ha raccontato questo particolare dietro le quinte:

Ne abbiamo discusso all’inizio. Tutti suggerivano di usare la CGI per i piedi arcuati e io ho pensato che fosse terrificante, un incubo. In più Margot ha dei piedi bellissimi, da ballerina, doveva semplicemente aggrapparsi a quella sbarra e farlo in modo naturale.

E così è stato.
Anche Margot Robbie, non molto tempo fa, ha commentato la scena in questione spiegando di averla realizzata in prima persona e che non ha mai apprezzato vedere sul grande schermo alcuni dettagli del suo corpo cambiati (come ad esempio l’accostamento di mani di un’altra persona).
Per Barbie, ha potuto realizzare senza controfigure quella particolare scena e soprattutto senza CGI. Nel corso dell’intervista, Greta Gerwig ha precisato che realizzare Barbie è stato un traguardo anche personale, dedicato alla bambina che fu, cresciuta negli Anni ’80 con un debole per la bambola Mattel.

Anche se questo film è enorme, per me è anche personale. È stato realizzato da così tante persone a cui importava. Anche il logo di Barbie che abbiamo usato è un logo che avevo da bambina negli Anni ’80.

CGI

Non ci resta che aspettare il 20 luglio per scoprire il film direttamente al cinema.

Carlotta Pinto
Carlotta Pinto
Scrittrice per la carta e per il web, appassionata di cinema e serie tv.

ARTICOLI RELATIVI

ULTIMI ARTICOLI