America Latina trailer e poster del nuovo film dei fratelli D’Innocenzo

America Latina, un primo sguardo

Habemus data. America Latina dei gemelli Damiano e Fabio D’Innocenzo uscirà nelle sale italiane a partire dal 13 gennaio 2022. Il film vede protagonista Elio Germano ed è un thriller psicologico definito dagli autori “volutamente ambiguo”. I registi, attualmente, sono tra i più amati e coraggiosi del cinema italiano e le aspettative, viste le loro precedenti opere, sono indubbiamente alte. Sovvertire la regole dei generi pare essere diventato un loro tratto distintivo, vedremo se America Latina seguirà ancora una volta questa strada.

America Latina: la trama

Il film si svolge a Latina, in provincia di Roma. Massimo Sisti, interpretato da Germano, è proprietario di uno studio dentistico ed ha costruito la sua vita dedicandosi con serietà e dedizione al lavoro. Vive in una villa immersa nella quiete insieme alla moglie Alessandra e le figlie Laura e Ilenia che reputa le sue ragioni di vita. La tranquilla quotidianità della famiglia viene spezzata quando un giorno Massimo scende in cantina e l’assurdo lo travolge, qualcosa che mai si sarebbe aspettato di trovare. Qui di seguito riportiamo il trailer:

I fratelli D’Innocenzo nel panorama del cinema italiano

Damiano e Fabio D’Innocenzo esordiscono nel 2018 con La terra dell’abbastanza che ebbero l’occasione di presentare al Festival del Cinema di Berlino attirando l’attenzione di pubblico e critica. Nello stesso anno, ai Nastri d’Argento, vincono i premi come migliori registi esordienti e miglior opera prima. Successivamente collaborano con Matteo Garrone alla sceneggiatura di Dogman. Il 2020 è l’anno di Favolacce, in concorso al Festival di Berlino dove vince l’Orso d’Argento per la Migliore Sceneggiatura. Il film vince 5 Nastri d’Argento tra cui quello come Miglior Film. America Latina è stato presentato a settembre al Festival del Cinema di Venezia, in concorso per il Leone d’Oro.

America Latina trailer

Tiziana Panettieri
Tiziana Panettieri
E’ un amore di lunga data quello tra me e il cinema, cominciato con cult come Halloween, IT e L’Esorcista e alimentato negli anni con il meglio dell’horror e del cinema di genere. Ammetto, però, d’aver subìto il fascino del cinema asiatico, mediorientale e sudamericano. Sono onnivora, non mi precludo nulla senza aver prima provato.

ARTICOLI RELATIVI

ULTIMI ARTICOLI