HomeNewsAddio a Ventura Pons, il regista catalano icona del cinema Lgbtq+

Addio a Ventura Pons, il regista catalano icona del cinema Lgbtq+

È morto a Barcellona all’età di 78 anni l’apprezzato regista catalano Ventura Pons, che fra le varie pellicole ha diretto Il perché delle cose (1995) e Animali feriti (2005). È proprio l’Accademia del Cinema catalano, di cui Pons è stato membro e vicepresidente, ad annunciare la sua scomparsa sui social esprimendo il più profondo cordoglio e ricordando l’importanza del suo operato: “È stato punto di riferimento di molte generazioni per il suo talento, la sua sensibilità e la sua capacità di entrare in contatto con il pubblico”.

Ventura Pons, dal teatro al cinema

Pons esordisce come regista a teatro con una serie di rappresentazioni che gli permettono di ottenere un notevole successo di pubblico e critica. Passa poi al grande schermo nel 1977 con il documentario Ocaña, retreat intermitent, in cui racconta la vita del pittore Jose Perez Ocana. La pellicola partecipa al Festival di Cannes del 1978 nella sezione Un Certain Regard. Nel 1985 ha fondato la casa cinematografica Els Films de la Rambla e nel 1997 ha diretto Caricías (Carezze), ispirato alla pièce di Sergi Belbel, una pellicola articolata in undici diversi episodi collegati fra loro dal tema della solitudine e dell’incomunicabilità.

Ventura Pons

Molto sensibile ai temi Lgtbi+, che ha affrontato con abile maestria in diversi suoi film, Pons ha ottenuto ben quattro nomination al prestigioso Premio Goya per la miglior sceneggiatura non originale per le opere El perquè de tot plegat, Actrius, Anita no perd el tren e Barcelona (un mapa). Quest’ultimo film nel 2007 ha partecipato in concorso al Festival internazionale del film di Roma per poi essere distribuito nelle sale italiane.

Nel 2009 vince il Premio Speciale al Torino GLBT Film Festival, presso il quale ha presentato gran parte della sua filmografia, costituita da circa una trentina di lungometraggi, tra cui ricordiamo ancora Amic/Amat (1999), Il voltapagina (2002), Año de Gracia, (2011). In quest’ultima pellicola hanno recitato attori come Rosa Maria Sardà, Santi Millàn, Diana Gòmez e Aleix Melè

Nel 1999 ha ricevuto il premio Ondas con menzione speciale della giuria e nel 2015 il premio Gaudí d’Honor.

Alessia Pennino
Alessia Pennino
Il cinema ha sempre rappresentato per me il rifugio perfetto dalle vicissitudini quotidiane, un porto sicuro dalla realtà, ma anche la dimensione ideale in cui sogni e desideri prendono forma. Ho sempre coltivato un interesse profondo per quest'espressione artistica, immaginandomi un giorno di scrivere recensioni per poter esprimere il mio punto di vista.

ULTIMI ARTICOLI