HomeNewsAdam Driver: la reazione a una domanda su Ferrari

Adam Driver: la reazione a una domanda su Ferrari

Adam Driver ha risposto ad alcune domande rivoltegli dai fans in Polonia. L’attore si trova al Camerimage Festival che si tiene nel paese dell’Est Europa. Dopo la visione di Ferrari, film in concorso al festival, Driver ha risposto ad alcune domande. Tra queste, una sembrerebbe averlo infastidito. Infatti, uno spettatore, soffermandosi su alcuni aspetti della pellicola ha sollevato una critica. In particolare, questi ha detto a Driver di aver trovato le scene degli incidenti “dozzinali”. Il protagonista, evidentemente in disaccordo, ha risposto “F….ti, non lo so. Prossima domanda.”

il cast e la trama del biopic sul Cavallino Rampante

Adam Driver interpreta in Ferrari il ruolo del fondatore della nota casa automobilistica Enzo. Al suo fianco, nel ruolo della moglie Laura, troviamo Penélope Cruz . Sono presenti, inoltre, Shailene Woodley , Patrick Dempsey, Sarah Gadon, Jack O’Connell. Il regista è Michael Mann. Il film racconta un periodo difficile della vita privata e professionale di Ferrari. Nel 1957 l’azienda è sull’orlo della bancarotta. Inoltre, Enzo e la moglie solo un anno prima hanno dovuto affrontare la terribile morte del figlio. Ad acuire ulteriormente la crisi, la scoperta di un figlio di Enzo nato da una relazione extraconiugale. Ferrari arriverà nelle sale italiane a partire dal 14 dicembre.

Adam Driver, la polemica (inconsapevole) con Favino

In occasione della presentazione di Ferrari alla Mostra del Cinema di Venezia, Adam Driver era stato – inconsapevolmente – al centro di una polemica. Riprendendo un tema a lui caro, infatti, Pierfrancesco Favino si era domandato perché si scegliessero attori stranieri per interpretare ruoli di personaggi italiani. La polemica toccava Driver non una, ma due volte. Favino ha citato tra i film a supporto della sua tesi, un altro lavoro in cui Adam Driver è stato protagonista: House of Gucci. Di entrambe le pellicole, tra l’altro, molti critici hanno messo in luce una scarsa credibilità dell’accento dei protagonisti.

ULTIMI ARTICOLI